Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

GALILEO a un bivio: l'attuazione dei programmi europei di navigazione satellitare

Commission Européenne - IP/07/675   16/05/2007

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/07/675

Bruxelles, 16 maggio 2007

GALILEO a un bivio: l'attuazione dei programmi europei di navigazione satellitare

La Commissione europea ha adottato oggi una comunicazione sullo stato di avanzamento del programma GALILEO. Questo documento risponde alla richiesta del Consiglio dei ministri dei Trasporti e del Parlamento europeo. La Commissione sottolinea che la tabella di marcia di Galileo deve essere adattata per rispettare la scadenza del 2012 per la piena operatività di Galileo. La partnership pubblico-privato per l'attuazione di Galileo deve essere ripensata per consentire l'effettiva realizzazione di Galileo nel 2012.

"L'Europa ha bisogno di un sistema di radionavigazione satellitare europeo come infrastruttura essenziale per garantire applicazioni fondamentali come il controllo delle frontiere, la logistica dei trasporti, le operazioni finanziarie o ancora la sorveglianza delle infrastrutture critiche dell'energia e delle comunicazioni. La Commissione fa il possibile per garantirne il successo" ha dichiarato Jacques Barrot, vicepresidente della Commissione responsabile dei trasporti. "Galileo offre un contributo importante alle politiche comunitarie e sostiene le ambizioni europee in materia di politica spaziale, tecnologia e innovazione" ha aggiunto.

La radionavigazione satellitare è una tecnologia che consente agli utilizzatori di determinare in qualsiasi momento la propria posizione nel mondo intero.

Il sistema di radionavigazione europeo GALILEO comprende una costellazione di 30 satelliti, in orbite a 24 000 km con 5 servizi diversi.

Le attività destinate alla realizzazione dei programmi europei di radionavigazione satellitare, GALILEO e EGNOS[1], sono giunti ad un bivio e oggi si impone una scelta circa le modalità di attuazione.

I mancati progressi dei negoziati sul contratto di concessione, che prevedeva lo sviluppo e la gestione dell'infrastruttura da parte del settore privato, mettono a repentaglio il completamento del progetto. Per questa ragione il Consiglio dei Ministri dei Trasporti del 22 marzo 2007 ha invitato la Commissione a presentargli, per la sua prossima riunione nel mese di giugno, una relazione dettagliata sui progressi dei negoziati con il consorzio candidato nonché sui scenari alternativi per una rapida realizzazione dell'infrastruttura spaziale. La Commissione giunge alla conclusione che la tabella di marcia attuale, che prevede un coinvolgimento del settore privato già nelle prime fasi, non consente di rispettare le scadenze stabilite e rischia di comportare dei sovraccosti considerevoli per il settore pubblico. La Commissione propone di modificare la tabella di marcia per controllare meglio le scadenze e i costi e offrire una maggiore sicurezza alle industrie delle applicazioni e dei servizi di radionavigazione circa l'effettiva disponibilità dei segnali Galileo. La Commissione dimostra che la realizzazione dell'insieme dell'infrastruttura iniziale, pilotata e finanziata dal settore pubblico, si rivela l'opzione più vantaggiosa, più realista e, a breve termine, la meno onerosa. Al contrario della realizzazione dell'infrastruttura, la gestione del sistema sarà affidata ad un concessionario privato.

La Commissione invita gli Stati membri dell'Unione europea ad adottare le decisioni necessarie, in termini politici, finanziari e di gestione del programma, per garantire il completamento del progetto il più rapidamente possibile e per soddisfare tempestivamente le esigenze dei mercati della navigazione satellitare.

Le applicazioni derivanti dalla radionavigazione satellitare presenti nella vita quotidiana sono numerose, dalla guida dei veicoli alla sicurezza nei trasporti, passando dalle applicazioni in varie attività commerciali (settore bancario, geologia, lavori pubblici, energia ecc.) La radionavigazione satellitare è presente in tutti i segmenti della società e ciò conferisce al programma GALILEO una dimensione che si potrebbe definire "di responsabilità sociale".

Per maggiori informazione su Galileo consultare i seguenti siti:

http://ec.europa.eu/dgs/energy_transport/galileo/index_fr.htm

http://www.esa.int/export/esaSA/navigation.html


[1] EGNOS o «European Geostationary Navigation Overlay Service» (Sistema geostazionario europeo di navigazione di sovrapposizione) consente di offrire sin da ora dei servizi simili a quelli che in futuro offrirà GALILEO, in particolare emettendo un messaggio di integrità; questo servizio tuttavia dipende dal sistema GPS.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site