Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES PT SL

IP/07/594

Bruxelles, 2 maggio 2007

A Brema l'Europa compie un ulteriore passo verso una nuova politica marittima dell'UE

Oggi 2 maggio, in serata, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso inaugureranno a Brema un'importante conferenza internazionale dedicata al libro verde della Commissione sulla futura politica marittima dell'Europa. Organizzata dalla presidenza tedesca del Consiglio dei ministri dell'Unione europea e dal Land di Brema, la conferenza sarà uno dei momenti clou del processo di consultazione sul libro verde, della durata di un anno. I tre giorni di dibattito riuniranno responsabili politici, imprenditori, scienziati e rappresentanti delle parti interessate provenienti da tutta Europa. Le riflessioni si concentreranno in particolare sul valore aggiunto di una politica marittima europea integrata e sulle modalità per individuare nuove possibilità di sviluppo sostenibile delle regioni costiere, degli oceani e dei mari europei. I partecipanti esamineranno i risultati preliminari del processo di consultazione in corso, e sulle loro conclusioni si baseranno le attività della Commissione e della Presidenza portoghese del Consiglio nel corso del secondo semestre del 2007.

Il Presidente Barroso ha commentato: "Il lancio di una politica marittima dell'UE è stata una delle prime iniziative dell'attuale Commissione. Sono perciò lieto di poterla portare avanti con la cancelliere Angela Merkel e con la futura presidenza portoghese. Gli oceani e i mari delimitano l'Europa, ma la uniscono anche."

Il vicepresidente Jacques Barrot ha commentato: "Il 90% del commercio estero dell'Europa arriva o parte per nave. Una politica marittima integrata contribuirà a riconoscere il ruolo importante del trasporto marittimo nell'economia europea."

Il commissario Borg ha aggiunto: "Il libro verde sulla politica marittima ha suscitato un'eco positiva in tutta Europa. Dopo dieci mesi di intensa consultazione pubblica si può giustamente affermare che esiste un ampio sostegno, per non dire un reale entusiasmo, per le principali idee avanzate. Incoraggiata da tale dibattito, la Commissione presenterà in ottobre un pacchetto di proposte per una nuova politica marittima integrata dell'Unione che toccherà tutti i settori di intervento collegandoli fra loro."

La conferenza si aprirà con una cerimonia e un pranzo ufficiale nel palazzo municipale di Brema, su invito del sindaco e presidente del Senato della Città Libera Anseatica di Brema, Jens Böhrnsen. I discorsi di apertura saranno tenuti dalla cancelliera Merkel e dal presidente Barroso. I lavori della conferenza inizieranno giovedì mattina. I due giorni di dibattito saranno divisi in quattro sezioni tematiche: occupazione e competitività; ricerca e innovazione; responsabilità comune per l'ambiente marino; vita costiera. Il vicepresidente della Commissione europea, Jacques Barrot, e il commissario per la Pesca e gli affari marittimi, Joe Borg, si rivolgeranno ai delegati assieme al ministro federale tedesco per i Trasporti, Wolfgang Tiefensee, e ai ministri di altri Stati membri.

La conferenza è preceduta da una serie di manifestazioni collaterali previste per mercoledì, compresa l'inaugurazione di una mostra sulle scienze del mare, a cui parteciperanno il sindaco Böhrnsen, il ministro Tiefensee e il commissario Borg, nonché gruppi di lavoro dedicati alla gestione e alla sorveglianza dei mari, alla biotecnologia marina ("blu"), alle scienze del mare e alla logistica marittima.

Pubblicato dalla Commissione nel giugno del 2006, il libro verde sulla futura politica marittima è parte integrante della politica dell'UE per promuovere lo sviluppo sostenibile nell'Europa del 21° secolo. Il libro verde esplora i potenziali benefici di un approccio olistico all'elaborazione e alla panificazione della politica che consenta di superare l'attuale approccio settoriale alle attività marittime e all'adozione delle decisioni, in modo da massimizzare le sinergie e prevenire i conflitti tra gli utilizzatori. In tal modo, sarà possibile promuovere la crescita e l'occupazione nel settore marittimo, assicurando al contempo la protezione dell'ambiente marino a beneficio di tutti, anche delle generazioni future.

L'esercizio di consultazione, uno dei più ampi mai promossi dalla Commissione, si concluderà alla fine del giugno di quest'anno. Finora la partecipazione è stata molto ampia, con 141 contributi scritti ricevuti da un'ampia gamma di regioni costiere, di associazioni professionali, di istituti scientifici e di organizzazioni non governative, nonché da privati cittadini. In tutta Europa sono state organizzate 231 manifestazioni sulle questioni sollevate dal libro verde con il finanziamento delle parti interessate.

Numerosi contributi sono stati trasmessi direttamente dalle regioni costiere o tramite i loro organi rappresentativi, quali il Comitato delle Regioni a livello europeo e il Bundesrat tedesco a livello nazionale, il che conferma che il dibattito suscitato dal libro verde costituisce una preoccupazione reale per i cittadini europei, di cui più del 40% vivono in prossimità delle coste. Una volta concluso il processo di consultazione la Commissione presenterà in ottobre una serie di proposte di azione.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website