Navigation path

Left navigation

Additional tools

Consumatori: la Commissione pubblica la relazione annuale 2006 sui prodotti di consumo pericolosi

European Commission - IP/07/514   19/04/2007

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/07/514

Bruxelles, 19 aprile 2007

Consumatori: la Commissione pubblica la relazione annuale 2006 sui prodotti di consumo pericolosi

Una migliore cooperazione su scala europea tra le autorità doganali ha portato a un aumento del numero di prodotti pericolosi – che vanno dall'orsacchiotto all'asciugacapelli, dai detergenti spray alle minimotociclette, dagli accendini agli attacchi per sci – ritirati l'anno scorso dal mercato dell'UE. La relazione annuale RAPEX sui prodotti di consumo pericolosi, pubblicata oggi dalla Commissione europea, evidenzia che i giocattoli hanno sorpassato le apparecchiature elettriche quale categoria più spesso oggetto di notifica. La Cina è risultata il paese di origine in quasi la metà di tutti i casi notificati (440 notifiche, 48%). L'anno scorso RAPEX ha segnalato misure restrittive che riguardavano un totale di 924 prodotti pericolosi rispetto ai 701 notificati nel 2005 – pari a un aumento del 32%. Per il tramite di RAPEX, il sistema di allarme rapido per i prodotti di consumo diversi dagli alimenti, le autorità nazionali notificano alla Commissione i prodotti che rappresentano un grave rischio per la salute e la sicurezza dei consumatori, ad eccezione degli alimenti, dei prodotti farmaceutici e dei presidi medici. Tali informazioni sono trasmesse rapidamente a tutte le altre autorità preposte alla sorveglianza in 30 paesi europei ed i prodotti pericolosi sono fatti oggetto di divieto o di restrizioni alla commercializzazione. La Commissione invita tutti gli Stati membri dell'UE a intensificare la loro partecipazione al programma, a unire i loro sforzi in seno alle autorità doganali e a quelle preposte alla sorveglianza del mercato e a cooperare con i paesi terzi per aumentare ulteriormente l'efficacia del sistema.

"Questo sistema di allarme rapido costituisce un valido strumento di sorveglianza ed è nel contempo un eccellente esempio di valore aggiunto europeo" ha affermato Meglena Kuneva, commissario europeo incaricato della tutela dei consumatori. "Il crescente aumento delle notifiche è un buon segno, sta ad indicare che la vigilanza in Europa migliora continuamente. La relazione annuale che si pubblica oggi indica che nel 2006 il sistema ha funzionato meglio che mai. Il mio compito è portare il sistema a funzionare al massimo delle sue potenzialità."

Un aumento di notifiche pari al 32%

Il numero delle notifiche è aumentato costantemente negli ultimi anni. Nel secondo anno successivo all'entrata in vigore delle regole rivedute concernenti la sicurezza dei prodotti di consumo diversi dagli alimenti in Europa il numero di notifiche relative a prodotti che presentano un grave rischio è più che raddoppiato passando da 388 nel 2004 a 924 nel 2006. Nel 2006 si è registrato, rispetto al 2005, un aumento del 32% delle notifiche concernenti un rischio grave. Più di 40% di tutte le notifiche riguarda misure volontarie adottate dalle imprese – un incremento annuo di tutto rispetto. Questo è un chiaro segnale della crescente sensibilizzazione degli operatori economici europei sulle questioni della sicurezza.

A cinque paesi va ricondotto il 60% di tutte le notifiche:

  • Germania (144 notifiche, 16%),
  • Ungheria (140 notifiche, 15%),
  • Grecia (98 notifiche, 11%),
  • Regno Unito (92 notifiche, 10%),
  • Spagna (79 notifiche, 9%).

Dalla valutazione del funzionamento del sistema nel 2006 emerge che tra gli Stati membri vi è ancora una distribuzione diseguale delle notifiche e delle reazioni in relazione a prodotti che presentano un rischio grave. Occorre quindi che certi Stati membri migliorino la loro partecipazione al sistema RAPEX.

In cima alla lista figurano i giocattoli e le apparecchiature elettriche

Tra i prodotti notificati con maggiore frequenza vi sono:

  • i giocattoli (221 notifiche, 24%),
  • le apparecchiature elettriche (174 notifiche, 19%),
  • i veicoli a motore (126 notifiche, 14%),
  • i dispositivi di illuminazione (98 notifiche, 11%),
  • i cosmetici (48 notifiche, 5%).

I giocattoli, le apparecchiature elettriche e i veicoli a motore corrispondono da soli a più di metà delle notifiche presentate nel 2006. Ciò è in linea con i risultati dell'anno precedente. La differenza principale è che per la prima volta i giocattoli hanno superato le apparecchiature elettriche quale categoria di prodotto più spesso notificata.

Rischi più frequenti

Le cinque principali categorie di rischio sono risultate essere:

  • lesioni (274 notifiche, 25%),
  • folgorazioni (270 notifiche, 24%),
  • rischio di incendio/ustioni (194 notifiche, 18%),
  • strangolamento/soffocamento (157 notifiche, 14%),
  • rischio chimico (95 notifiche, 9%).

Principale paese d'origine

La Repubblica popolare cinese è risultata essere il paese d'origine del prodotto notificato in quasi la metà dei casi (440 notifiche, 48%). Per affrontare questo problema la Commissione ha intensificato la cooperazione con la Cina in materia di sicurezza dei prodotti. Considerato che la Cina è diventata in breve tempo uno dei principali esportatori di beni di consumo verso l'Europa, nel 2006 la Commissione ha firmato un Memorandum d'intesa e una Roadmap aventi per oggetto giocattoli più sicuri per i bambini al fine di migliorare la sicurezza dei prodotti che entrano sul territorio comunitario.
La relazione RAPEX 2006 può essere consultata in inglese, francese e tedesco sul sito:

http://ec.europa.eu/rapex


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website