Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/07/1395

Bruxelles, 26 settembre 2007

La Commissione lancia un angolo “Dite la vostra” e una consultazione on-line sul multilinguismo

Il processo di consultazione sul multilinguismo è entrato in una fase nuova, quella della consultazione con le parti interessate e il grande pubblico. È stata aperta una consultazione on-line, e sul sito Internet del Commissario Leonard Orban c’è ora anche un angolo “Dite la vostra” per esprimere la propria opinione. Finora, la consultazione ha comportato un dialogo con governi e autorità degli Stati membri, esperti in materia di multilinguismo, intellettuali e imprese.

Con gli allargamenti degli ultimi tre anni, il numero di lingue parlate nell’UE è più che raddoppiato: 23 sono riconosciute oggi in qualità di lingue ufficiali, e ci sono più di altre 40 lingue parlate da minoranze regionali o etniche. La diversità linguistica è senza dubbio una delle caratteristiche distintive dell’Unione, e interessa le vite sociali, culturali e professionali dei cittadini europei e le attività economiche e politiche degli Stati membri. La Commissione europea sta cercando di adeguare le proprie politiche e azioni in campo linguistico in modo da riflettere la nuova realtà di un’UE con 450 milioni di cittadini e più di 60 lingue materne diverse, per cui i pareri dei singoli, delle parti interessate, delle imprese e dei responsabili decisionali sono benvenuti.

“La Commissione europea ha un ruolo chiaro di promozione del multilinguismo”, ha dichiarato il Commissario responsabile Leonard Orban, il quale ha aggiunto che “per definire il modo migliore di continuare la nostra politica in materia di multilinguismo, dobbiamo conoscere le necessità e le aspettative dei cittadini, delle parti interessate, delle imprese e degli Stati membri. I risultati di questi processi di consultazione paralleli entreranno a far parte di un’enunciazione programmatica che la Commissione formulerà nel 2008 sotto forma di Comunicazione sul multilinguismo”.

La consultazione on-line comprende 16 domande e rimarrà aperta fino al 15 novembre 2007; i suoi risultati saranno pubblicati nella prima metà del 2008. La consultazione tratterà temi quali:

  • Come garantire uno spazio alle lingue meno diffuse a fronte della tendenza generale a usare una lingua franca?
  • Che ruolo possono svolgere le lingue per integrare gli immigrati nella società?
  • Vale la pena di sostenere i costi che richiede il funzionamento multilingue dell’UE?

In occasione della Giornata europea delle lingue, il Commissario Orban ha anche aperto un angolo “Dite la vostra” sul proprio sito Internet, in modo che i cittadini europei possano inviare il proprio parere alla Commissione e discutere delle questioni relative alle lingue.

Il più ampio processo di consultazione sul multilinguismo comprende anche altre attività:

  • dibattiti con le autorità degli Stati membri;
  • dibattiti con gli esperti di multilinguismo - in occasione della Giornata europea delle lingue (26.09.2007), il Gruppo ad alto livello sul multilinguismo ha presentato le proprie raccomandazioni al Commissario;
  • si è istituito un gruppo di intellettuali ed esperti per analizzare come il multilinguismo possa contribuire al dialogo interculturale;
  • si è iniziato a consultare le imprese - il 21 settembre a Bruxelles si è tenuta una conferenza con le aziende, cui in novembre seguirà un Business Forum a Lisbona.

La consultazione on-line si trova all’indirizzo

http://ec.europa.eu/education/multiling/
L’angolo “Dite la vostra” si trova all’indirizzo

http://forums.ec.europa.eu/multilingualism/it


Side Bar