Navigation path

Left navigation

Additional tools

Automobili intelligenti: la Commissione guida l’iniziativa per automobili più sicure, più ecologiche e più intelligenti

European Commission - IP/07/1342   17/09/2007

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/07/1342

Bruxelles, 17 settembre 2007


[Graphic in PDF & Word format]

Automobili intelligenti: la Commissione guida l’iniziativa per automobili più sicure, più ecologiche e più intelligenti

La Commissione europea ha presentato oggi una nuova serie di progetti per accelerare l’introduzione di automobili più sicure, più ecologiche e più intelligenti. Prima della fine dell’anno la Commissione avvierà negoziati con le associazioni europea ed asiatiche del settore automobilistico per giungere ad un accordo sull’offerta del sistema di chiamata di emergenza paneuropea eCall come equipaggiamento di serie in tutte le automobili nuove a partire dal 2010. Inoltre, continuerà a promuovere con ancora maggior impegno l’adozione di altre tecnologie salvavita e studierà come la tecnologia possa contribuire a rendere le automobili più ecologiche e più intelligenti.

“La tecnologia può salvare vite umane, migliorare il trasporto stradale e proteggere l’ambiente. L’Unione europea deve informare tutti i consumatori di questa opportunità e continuare a fare pressione sulle parti interessate per far sì che i cittadini europei possano beneficiare di queste importanti tecnologie senza ulteriori indugi”, ha affermato la Commissaria europea responsabile per la società dell’informazione e i media, Viviane Reding. “Se vogliamo seriamente adoperarci per salvare vite umane sulle strade europee, è opportuno che tutti i 27 Stati membri fissino un termine entro il quale eCall e il controllo elettronico della stabilità (ESC) dovranno diventare equipaggiamenti di serie in tutte le automobili nuove. Allo stesso tempo dobbiamo rimuovere gli ostacoli amministrativi per le innovazioni che renderanno le automobili più sicure e più pulite. Ad esempio, dobbiamo assicurare la disponibilità di frequenze radio per i sistemi di guida cooperativi in grado di ridurre il numero di incidenti e di ingorghi stradali e le emissioni di CO2. Se il settore non compierà rapidi progressi su base volontaria, sono pronta ad intervenire”.

Il commissario responsabile per i trasporti, Jacques Barrot, ha affermato: “Nell’ambito della lotta che conduciamo per dimezzare il numero di morti sulle strade entro il 2010, stiamo adottando azioni per migliorare la sicurezza su tutti i fronti: dai conducenti, alle infrastrutture, ai veicoli. Con questa iniziativa sulle automobili intelligenti, la Commissione si sta adoperando per garantire che le tecnologie di punta, in grado di salvare vite umane e ridurre l’impatto ambientale dei trasporti, siano disponibili a bordo delle automobili nel più breve tempo possibile.”

Il vicepresidente Günter Verheugen, commissario responsabile della politica per le imprese e l'industria, ha aggiunto: "Dobbiamo sfruttare appieno le tecnologie e la conoscenza a vantaggio delle nostre società. Abbiamo a disposizione tecnologie in grado di migliorare l’assistenza fornita ai conducenti e utilizzandole contribuiremo ad evitare tragedie umane. Ho pertanto proposto di rendere obbligatoria l’installazione del controllo elettronico della stabilità (ESC) nelle automobili nuove a partire dal 2011 ed attendo ora la reazione del pubblico."

La nuova comunicazione della Commissione sull’iniziativa “automobile intelligente” adottata oggi verte su tre priorità fondamentali: automobili più sicure, più pulite e più intelligenti.

Per migliorare la sicurezza il documento strategico incoraggia l’adozione di tecnologie per la prevenzione delle collisioni. Ad esempio:

  • la Commissione invita gli Stati membri che ancora non l’hanno fatto a firmare il memorandum d’intesa della Commissione su eCall entro la fine del 2007 (si veda IP/07/760). Se tutte le automobili fossero dotate del sistema eCall, in Europa si potrebbero salvare fino a 2 500 vite ogni anno. Se entro tale data le nuove firme saranno insufficienti, la Commissione contempla la possibilità di adottare provvedimenti normativi nel 2008;
  • nel corso di quest’anno la Commissione avvierà consultazioni su come accelerare la disponibilità del controllo elettronico della stabilità (ESC) per le automobili di piccole e medie dimensioni. Se tutte le automobili fossero dotate del sistema ESC (si veda IP/07/621), ogni anno si potrebbero salvare 4 000 vite ed evitare 100 000 incidenti, come ha sottolineato la recente iniziativa di sensibilizzazione della Commissione ChooseESC! (www.chooseesc.eu/);
  • sempre nel corso del 2007, la Commissione avvierà una consultazione per stabilire se l’installazione di sistemi di assistenza alla frenata e per la prevenzione delle collisioni debba essere resa obbligatoria su tutte le automobili. I sensori in grado di fornire ai conducenti un preavviso di mezzo secondo in più prima di una collisione potrebbero ridurre i tamponamenti del 60%.

Entro la metà del 2008, la Commissione elaborerà inoltre linee guida sugli incentivi – ad esempio fiscali da parte degli Stati membri – destinati ai sistemi per automobili intelligenti.

Per rendere il trasporto stradale più ecologico, la Commissione proporrà nel 2008 un piano per l’introduzione delle più efficaci tecnologie a bassa emissione di CO2, sia per i veicoli che per le infrastrutture. Tale piano sarà presentato una volta che si disporrà dei risultati di uno studio teso a quantificare per la prima volta con dati affidabili il contributo apportato dalle TIC alla riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambito del trasporto stradale.

Per quanto riguarda il trasporto su strada più intelligente, la Comunicazione invita le parti interessate ad elaborare un’interfaccia per connettere, ad esempio, i dispositivi mobili di navigazione con gli altri sistemi integrati a bordo del veicolo. La Commissione chiede inoltre ai fornitori di apparecchiature e ai fabbricanti di automobili di attuare la sua raccomandazione del 2006 in materia di interfacce uomo-macchina, che illustrava principi generali per l’installazione e l’utilizzo sicuro di sistemi mobili di informazioni e comunicazione a bordo delle automobili. Essa continuerà inoltre a finanziare la ricerca sulle comunicazioni intelligenti per trasporti più sicuri ed efficienti.

Contesto:

L’iniziativa “automobile intelligente”, parte della strategia i2010 dell’Unione europea (si veda IP/05/643), è stata avviata nel febbraio 2006. Si trattava del primo quadro strategico per trasporti stradali basati sulle TIC più intelligenti, più sicuri e più puliti (si veda IP/06/191).

La comunicazione sarà illustrata domani a Versailles, in Francia, nel corso dell’evento annuale 2007 sull’automobile intelligente. Il 19-20 settembre saranno presentati i risultati finali di un progetto di ricerca finanziato dall’Unione europea, che ha studiato applicazioni e tecnologie preventive per la sicurezza stradale. I giornalisti potranno inoltre vedere da vicino e provare 24 prototipi di veicoli e sei simulatori.

Il 22 settembre 2007, a Versailles, si terrà una dimostrazione nel corso della quale il pubblico potrà vedere queste automobili prototipo e conoscere l’automobile del futuro.

Fino ad oggi il memorandum d’intesa su eCall è stato firmato da oltre 50 parti interessate (industria automobilistica, fornitori di componenti e accessori per automobili, operatori di telecomunicazione, gestori stradali, organismi di soccorso, club automobilistici ecc.) nonché dai seguenti paesi: Austria, Cipro, Finlandia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Lituania, Norvegia, Slovenia, Svezia e Svizzera. Per un elenco completo, vedere:

http://ec.europa.eu/information_society/activities/esafety/doc/esafety_library/mou/list_of_signatures_mou.pdf

Per le domande più frequenti, i siti internet correlati, il materiale audiovisivo e la raccomandazione sulle interfacce uomo-macchina si vedano, inoltre, i comunicati stampa:

http://ec.europa.eu/information_society/newsroom/cf/itemlongdetail.cfm?item_id=3602

MEMO/07/358


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website