Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

IP/06/818

Bruxelles, 22 giugno 2006

Mantenere l’Europa in movimento: una politica dei trasporti per una mobilità sostenibile

In data odierna la Commissione europea ha adottato una serie di orientamenti per la futura politica comunitaria dei trasporti. Premesso che la mobilità è essenziale per la prosperità dell’Europa e la libera circolazione dei cittadini, occorre ridurre le sue conseguenze negative in termini di consumo di energia e qualità dell’ambiente. Per conseguire questi obiettivi, oltre alle azioni previste nel Libro bianco del 2001 - come il potenziamento dei collegamenti ferroviari e marittimi per il trasporto merci sulle lunghe distanze - saranno necessari altri strumenti , fra cui un piano di azione per la logistica del trasporto merci, sistemi di trasporto intelligenti per una mobilità più efficiente e ecocompatibile, un dibattito su come cambiare la mobilità delle persone nelle aree urbane, un piano di azione per rilanciare le vie navigabili e un ambizioso programma per l’utilizzo di energia verde nei camion e nelle automobili.

Jacques Barrot, il vicepresidente della Commissione responsabile dei trasporti, ha dichiarato: “La mobilità è essenziale per la libera circolazione dei cittadini europei e la crescita economica. Per i collegamenti a lunga distanza l’UE continuerà a promuovere il trasporto per ferrovia e per via navigabile. Dobbiamo anche intensificare gli sforzi per rendere più efficiente e meno inquinante il trasporto stradale e aereo. Per questo motivo intendo concentrare i nostri sforzi sulla logistica, sui carburanti verdi e sui sistemi di trasporto intelligenti che utilizzano le tecnologie più moderne”.

Gli orientamenti per la politica dei trasporti emersi in questo riesame intermedio si basano sul Libro bianco del 2001 e comprendono azioni per istituire una rete ferroviaria europea competitiva favorendo la liberalizzazione, l’innovazione tecnologica e l’interoperabilità delle installazioni, gli investimenti nelle infrastrutture e un monitoraggio più efficace del mercato con un nuovo quadro di valutazione a partire dal 2007. Le autostrade del mare e il trasporto marittimo a corto raggio devono essere sviluppati rivolgendo maggiore attenzione ai collegamenti con le regioni interne. Un obiettivo della politica portuale europea, che sarà lanciata nel 2007, sarà l’aumento degli investimenti a favore dei porti e delle zone interne.

Grazie all’introduzione di tariffazioni intelligenti l’uso delle infrastrutture sarà più razionale. Il riesame annuncia una metodologia che servirà da base per l’applicazione di tariffazioni intelligenti per le infrastrutture entro il 2008. Inoltre saranno rinnovate le misure per migliorare la sicurezza e la protezione nei vari modi di trasporto. Occorre poi rendere più incisivi gli interventi volti a dimezzare il numero di vittime di incidenti stradali nell’UE fra il 2001 e il 2010. Per sensibilizzare l’opinione pubblica, a partire dal 2007 sarà organizzata una giornata europea della sicurezza stradale. Sarà poi varato un programma basato su un approccio integrato che riguarderà la progettazione dei veicoli, le infrastrutture e il comportamento dei conducenti. Anche la tutela dei diritti dei passeggeri deve essere migliorata, in particolare in tutti i modi di trasporto per le persone a mobilità ridotta.

Gli strumenti del Libro bianco del 2001 devono essere adattati a un nuovo contesto: l’Europa allargata, l’aumento dei prezzi del petrolio, gli impegni di Kyoto e la globalizzazione. Una politica europea per la mobilità sostenibile deve disporre di un numero maggiore di strumenti di intervento per ottimizzare i risultati dei singoli modi di trasporto e del loro uso combinato. La Commissione intende adottare un piano di azione per la logistica nel corso del 2007 allo scopo di sviluppare sinergie più efficienti fra il trasporto stradale, marittimo, ferroviario e fluviale e integrare i vari modi di trasporto in catene logistiche. Il settore avrà così un vantaggio competitivo ma allo stesso tempo l’impatto ambientale per unità di carico risulterà ridotto.

Il riesame pone l’accento sui sistemi di trasporto intelligenti. Non esistono validi motivi per cui le navi, i camion, le automobili e i treni non debbano avere gli stessi sofisticati strumenti di comunicazione e navigazione degli aerei. La gestione in tempo reale dei flussi di traffico e dell’utilizzo della capacità, così come le possibilità di rintracciare le spedizioni taglierà i costi, migliorerà la qualità dell’ambiente e rafforzerà la sicurezza. Fondamentale sarà il ruolo che potrà svolgere il sistema GALILEO nel promuovere le nuove tecnologie.

I trasporti rappresentano il 30% del consumo globale di energia e il 71% del consumo globale di petrolio nell’UE. Il solo autotrasporto assorbe il 60% del consumo totale di petrolio. Per ridurre la dipendenza dal petrolio e favorire la sostenibilità dei trasporti, nel corso del 2007 la Commissione presenterà un piano tecnologico strategico per l’energia, mentre nel 2009 lancerà un vasto programma per i veicoli che utilizzano carburanti ecologici.

Dal riesame odierno è emersa l’esigenza di iniziative più ambiziose per modificare la mobilità nelle aree urbane europee. Nel 2007 la Commissione pubblicherà un Libro verde che aprirà un dibattito sulla politica dei trasporti urbani. L’UE può svolgere il ruolo di catalizzatore incoraggiando i responsabili delle decisioni ad affrontare con azioni innovative la congestione, l’inquinamento e gli incidenti. Il dibattito servirà anche a chiarire quale livello di governo dovrà realizzare le nuove iniziative.
I risultati degli ultimi anni sono positivi ma è necessario mettere in opera altri strumenti. Le linee di indirizzo individuate in sede di riesame del Libro bianco saranno precisate all’esito di una consultazione pubblica con tutte le parti interessate e di studi prospettici sul futuro dei trasporti.

http://ec.europa.eu/transport/transport_policy_review/index_en.htm

ANNEX

Actions

The Commission plans on deploying a number of concrete actions. Among others these include:

a. Optimisation of existing transport modes

  • An internal market review of road transport to ensure the proper functioning of the market, determine the role of SME’s, and provide an analysis of the social elements involved (2006)
  • Launch European ports policy (2007)
  • Removal of technical barriers in rail transport to ensure interoperability between companies. Programme to promote rail freight corridors and prepare a review of the internal market in rail transport (2006), with a scoreboard for market performance of rail (2007)
  • A review of air transport liberalisation measures, airport charges and capacity (2006)
  • A mobilisation of all sources of infrastructure financing; multi-annual investment programme up to 2013 for Trans-European networks

b. Mobility for the citizen

  • Publication of a Green Paper on Urban Transport (2007)
  • Development of a strategy for critical infrastructure (2006), land and public transport security (2007), and review air and maritime security rules (2008)
  • Passenger rights: proposal on minimum standards for coach transport, notably for people with limited mobility (2007)
  • A first European road safety day (2007); promotion of road safety through vehicle design and technology, infrastructure and drive behaviour (on a continuing basis)
  • Review legislation on working conditions in road sector (2007)

c. Better transport solutions through new technologies

  • Development of a freight transport logistics strategy, as well as the launch of a broad debate on possible preparation of an EU action plan for 2007
  • Energy and transport: strategic technology plan for energy in 2007 and green propulsion programme for 2009
  • Technology: RTD and support to market penetration, including big technology projects such as Galileo and ERTMS which should be implemented on certain corridors from 2009 onwards.
  • Smart charging (basis for methodology by 2008)
  • Major programme to bring intelligent road transport systems to market (2008)

Concrete measures will be decided after consultations and impact assessment.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site