Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/06/476

Bruxelles, 7 aprile 2006

“.eu”: il nuovo dominio internet dell’UE è ormai aperto a tutti

Dalle 11.00 di oggi tutti i residenti nell’Unione europea possono ormai chiedere di registrare un nome nel dominio di primo livello (il cosiddetto Top Level Domain) .eu, in base all’ordine di presentazione della domanda. A tal fine non è necessario avere la nazionalità di uno Stato membro dell’UE. La giornata di oggi vede anche il termine del cosiddetto periodo “sunrise”, nel corso del quale i detentori di marchi depositati, gli enti pubblici e i detentori di altri diritti pregressi come marchi non registrati, identificatori di impresa o titoli distintivi di diritto d’autore, hanno presentato 320 000 domande per ottenere l’estensione .eu. Le istituzioni e i funzionari dell’UE passeranno tutti all’estensione .eu il 9 maggio 2006, la giornata dell’Europa.

“Oggi la società della conoscenza competitiva che è l’Europa diventa particolarmente visibile agli occhi del mondo su internet”, ha commentato la Commissaria per la Società dell’informazione e i media, Viviane Reding. “L’Europa e i suoi cittadini possono ora proiettare la propria identità sul web, sotto la tutela delle norme UE. Mi aspetto che nelle prime ore di apertura delle registrazioni vengano presentate migliaia di domande, che riescano a rendere il dominio “.eu” un nome importante alla stregua del “.com”.”

I cittadini che desiderano registrare un nome a dominio “.eu” devono rivolgersi a una delle imprese accreditate (i cosiddetti “registrar”) indicate su questa lista: http://list.eurid.eu/registrars/ListRegistrars.htm?lang=en
Il nome a dominio “.eu” dovrebbe essere attivato nel giro di poche ore. I costi di registrazione variano all’interno dell’UE e le tariffe totali applicate (dal registrar e dal registro) partono da appena 12 €. Le imprese accreditate a registrare i nomi in un regime di concorrenza sono centinaia e i consumatori dovrebbero consultarne varie per trovare le offerte migliori a livello di prezzo, qualità e servizi offerti.

Le domande presentate nella fase di apertura (nota anche come “landrush”) saranno soddisfatte in base al principio “chi prima arriva meglio alloggia”: in altri termini, se due richiedenti presentano domanda per lo stesso nome a dominio, il registro .eu registrerà la domanda arrivata per prima. A differenza delle domande presentate nel periodo “sunrise” quelle trasmesse durante la fase “landrush” saranno registrate automaticamente, senza ulteriori formalità, nel giro di poche ore.

L’intero sito web delle istituzioni UE (il sito individuale più grande d’Europa) e tutti gli indirizzi di posta elettronica dei funzionari europei passeranno all’estensione “.eu” il 9 maggio, la giornata dell’Europa. Gli indirizzi vecchi e quelli nuovi continueranno a coesistere per almeno un anno; dopodiché saranno validi solo i nomi con il dominio “.eu”. I preparativi all’interno della Commissione in vista di questo evento sono stati organizzati sotto la responsabilità del Vice-Presidente Sim Kallas, che propugna il passaggio ad una eCommissione.

Contesto

Il 7 dicembre 2005 EURid[1], l’organizzazione senza fini di lucro che la Commissione ha incaricato, previo bando di gara, di gestire la registrazione dei nomi a dominio, ha iniziato le attività di registrazione. In un primo tempo (dal 7 dicembre 2005 al 7 febbraio 2006) solo i detentori di marchi depositati e gli enti pubblici potevano chiedere la registrazione di nomi “.eu”; successivamente (dal 7 febbraio al 7 aprile 2006) la stessa possibilità è stata data ai detentori di altri “diritti pregressi”, come i nomi commerciali o gli identificatori di impresa. Infine, da oggi alle 11.00 chiunque risieda o sia stabilito nell’Unione europea può registrare un nome a dominio “.eu”.

Per ulteriori informazioni sulle modalità per chiedere un nome a dominio “.eu” e per altre informazioni amministrative, consultare la pagine iniziale di EURid: http://www.eurid.eu/en
Pagine web della Commissione su “.eu”:

http://ec.europa.eu/information_society/policy/doteu/index_en.htm

MEMO/06/159


[1] EURid è la denominazione operativa del consorzio senza fini di lucro costituito da tre registri: DNS-BE (Belgio), IIT CNR (Italia) e NIC SE (Svezia).


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website