Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE

IP/06/452

Bruxelles, 5 aprile 2006

Liberalizzare l’accesso al mercato dei servizi aeroportuali: la Commissione europea invia un parere motivato all’Italia

La Commissione europea ha deciso di inviare all’Italia un parere motivato riguardante lo scorretto recepimento, da parte di questo paese, di una sentenza del 2004 della Corte di giustizia sul recepimento nel diritto italiano delle norme comunitarie in materia di libero accesso al mercato dei servizi di assistenza a terra negli aeroporti.

L’Unione europea ha gradualmente liberalizzato il mercato dei servizi di assistenza a terra, come l’accettazione dei passeggeri, la movimentazione bagagli e il rifornimento in carburante dell’aeromobile negli aeroporti per mezzo di una direttiva adottata nel 1996[1].

Questa direttiva permette agli Stati membri di adottare misure destinate a tutelare i diritti dei lavoratori, ma queste non possono impedirne l’effettiva applicazione. In una sentenza del 2004 la Corte ha statuito che il requisito imposto dall’Italia, secondo il quale i nuovi soggetti sul mercato sono tenuti ad assumere il personale del precedente gestore in misura proporzionale alla parte di stabilimento “trasferita” ai nuovi entranti, costituisce un disincentivo all’accesso al mercato. Esso ha inoltre l’effetto di limitare i benefici della direttiva, come la riduzione dei prezzi e la migliorata qualità del servizio. Da allora l’Italia non si è ancora pienamente conformata a questa sentenza della Corte.


[1] Direttiva 96/67/CE.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website