Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE DA NL SV FI HU

IP/06/436

Bruxelles, 4 aprile 2006

Libera circolazione dei servizi: la Commissione esamina le restrizioni imposte in Danimarca, Finlandia, Germania, Ungheria, Italia, Paesi Bassi e Svezia alle scommesse sportive

La Commissione europea ha deciso di inviare a sette Stati membri (Danimarca, Finlandia, Germania, Ungheria, Italia, Paesi Bassi e Svezia) richieste ufficiali di informazioni sulla legislazione nazionale che limita la fornitura di servizi di scommesse sportive. La Commissione intende esaminare se le misure in questione siano compatibili con l’articolo 49 del trattato CE che garantisce la libera circolazione dei servizi. La decisione si riferisce solo alla compatibilità con l’attuale legislazione della UE delle disposizioni nazionali in questione e si limita al campo delle scommesse sportive. Essa non riguarda né l’esistenza di monopoli né le lotterie nazionali. Essa non riguarda neppure la liberalizzazione del mercato dei servizi di gioco d’azzardo in genere o il diritto degli Stati membri di proteggere interessi generali, se lo fanno in modo coerente con la legislazione UE, prendendo cioè provvedimenti necessari, proporzionali e non discriminatori. Le lettere di costituzione in mora sono la prima fase in una procedura d’infrazione ai sensi dell’articolo 226 del trattato CE. Gli Stati membri in questione hanno due mesi di tempo per rispondere. La Commissione auspica che le risposte ricevute portino a una soluzione rapida e soddisfacente del contenzioso.

Afferma Charlie McCreevy, Commissario al mercato interno e ai servizi: “In virtù dei trattati, la Commissione è tenuta a garantire che la legislazione degli Stati membri sia pienamente compatibile con quella dell’UE. Si tratta di una grande responsabilità che essa affronta con la necessaria serietà. Dati i numerosi reclami ricevuti da operatori nel campo delle scommesse sportive, essa si sente in dovere di rispondere. E ha perciò deciso di raccogliere informazioni in materia dagli Stati membri interessati. So quanto sia sensibile, in molti Stati membri, la questione del gioco d’azzardo. Inviando queste lettere, non cerchiamo in alcun modo di liberalizzare il mercato. Cerchiamo piuttosto la garanzia che qualsiasi norma in vigore negli Stati membri sia del tutto compatibile con l’attuale legislazione UE o sia stata a quest’ultima allineata. Spero che le risposte che riceveremo ci diano sufficienti garanzie. In tal caso, la questione sarà considerata chiusa. Farò certamente quanto in mio potere per facilitare una rapida soluzione e invito tutti gli interessati a fare la loro parte.”

La decisione della Commissione di esaminare la compatibilità delle misure in questione si fonda su reclami presentati da vari fornitori di servizi e su informazioni raccolte da uffici della Commissione. I reclami riguardano restrizioni alla fornitura di servizi di scommesse sportive nonché il requisito del possesso di una concessione o licenza dello Stato (anche se un fornitore è legittimamente titolare di una licenza in un altro Stato membro). Le restrizioni inoltre si estendono talora alla promozione o alla pubblicità dei servizi e alla partecipazione al gioco di cittadini nello Stato membro in questione.

La Corte di giustizia ha già stabilito che il modo con cui gli Stati membri cercano di limitare le scommesse, al fine di tutelare obiettivi d’interesse generale, come la protezione dei consumatori, dev’essere “coerente e sistematico”. Uno Stato membro non può invocare la necessità di limitare l’accesso dei suoi cittadini a servizi di scommesse se allo stesso tempo lo incoraggia a partecipare a lotterie di stato, a giochi d’azzardo o a scommesse a vantaggio delle proprie finanze pubbliche.
Le ultime informazioni disponibili sulle procedure d’infrazione relative all’insieme degli Stati membri si trovano al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/secretariat_general/sgb/droit_com/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website