Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/05/1223

Bruxelles, 5 ottobre 2005

Gli Stati membri appoggiano la proposta della Commissione di reintrodurre la carne non disossata

Nell’ambito del “Comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali”, gli Stati membri hanno firmato oggi un progetto di proposta della Commissione per elevare il limite d’età a partire dal quale deve essere rimossa la colonna vertebrale dalla carne bovina. Soggetto al diritto di controllo del Parlamento europeo e all’adozione definitiva della Commissione europea entro i prossimi due mesi, il voto odierno permette di riprendere la produzione nell’UE della carne non disossata, come l’italiana bistecca alla Fiorentina o la “T-bone steak”. Il progetto di decisione si basa sul parere scientifico dall’ Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e alza da 12 a 24 mesi l’età a partire dalla quale va tolta la colonna vertebrale dai bovini macellati. Si tratta della prima proposta tesa a modificare alcuni provvedimenti UE sulla BSE dopo la pubblicazione del programma EST della Commissione (IP/05/952) in luglio.

Markos Kyprianou, Commissario per la salute e la protezione dei consumatori, ha dichiarato: “Questo primo passo per alleggerire i provvedimenti BSE dell’UE è un segnale positivo che indica quali risultati siano stati ottenuti nella lotta contro la malattia e non è stato fatto a cuor leggero. La Commissione ha mobilitato le più aggiornate conoscenze scientifiche, esaminato dati statistici e intavolato un intenso dibattito con Stati membri e Parlamento europeo. Siamo fiduciosi che la proposta non intaccherà l’alto livello di tutela dei consumatori instaurato con le nostre norme sulla BSE durante il passato decennio”.

La colonna vertebrale faceva parte, da ottobre 2000, dell’elenco UE del materiale a rischio specificato (MRS), ritenuto a maggior rischio di trasmissione della BSE. Secondo la legislazione UE sulla BSE, nei bovini di età superiore a 12 mesi tutto l’MRS andava rimosso e distrutto, per impedirgli di entrare nella catena alimentare umana e animale. Grazie a ciò, e ad altre rigorose misure di riduzione dei rischi, negli ultimi anni il numero di casi positivi di BSE individuati nell’UE si è notevolmente ridotto mentre l’età di tali casi è costantemente aumentata. La Commissione può perciò modificare alcune misure prese contro l’EST e allinearle a una situazione migliorata.

Nell’ aprile 2005, l’AESA ha pubblicato un parere in cui sostiene un limite d’età per rimuovere la colonna vertebrale dei bovini anche portato a 30 mesi potrebbe essere considerato un limite ragionevolmente sicuro. In base a tale parere, e a quelli degli Stati membri e del Parlamento, la Commissione propone 24 mesi come limite d’età pratico per garantire il più elevato margine di sicurezza contro la BSE, soglia che potrà essere riconsiderata in futuro se i dati sulla BSE continueranno a migliorare. Il programma EST dà inoltre la possibilità di rivedere altre regole MRS a breve e medio termine, a seconda dell’andamento della BSE e delle conoscenze scientifiche.

Un limite d’età più elevato per la rimozione della colonna vertebrale avrà positive conseguenze sulla competitività degli allevatori e delle industrie alimentari e ridurrà la quantità di rifiuti MRS generati nella UE.

Per maggiori informazioni sui provvedimenti UE contro la BSE, cfr.:

http://ec.europa.eu/food/food/biosafety/bse/index_en.htm


Side Bar