Navigation path

Left navigation

Additional tools

Raggiunto l'accordo sui nuovi diritti per i passeggeri aerei

European Commission - IP/03/1392   15/10/2003

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL

IP/03/1392

Bruxelles, 15 ottobre 2003

Raggiunto l'accordo sui nuovi diritti per i passeggeri aerei

Il vicepresidente della Commissione europea, responsabile per i Trasporti e l'energia, Loyola de Palacio ha accolto favorevolmente l'accordo raggiunto questa mattina in seno al comitato di conciliazione sulla proposta di regolamento per tutelare i diritti dei passeggeri aerei in caso di negato imbarco, cancellazione del volo o ritardo prolungato. "Si tratta di un importante passo avanti nel tentativo di porre il cittadino al centro delle politiche dell'UE", ha dichiarato. "Troppo spesso i passeggeri aerei sono vittime di pratiche per le quali meriterebbero un trattamento equo e un indennizzo adeguato: l'accordo di oggi prepara la strada verso il completamento e il consolidamento dei diritti esistenti", ha aggiunto la Loyola de Palacio. Dopo l'approvazione definitiva dell'accordo di conciliazione da parte del Consiglio e del Parlamento europeo in seduta plenaria, il regolamento dovrebbe entrare in vigore all'inizio del 2004. "Come in passato, la Commissione europea provvederà affinché i passeggeri siano consapevoli dei nuovi diritti e in tutti gli aeroporti sarà fornita una corretta informazione".

Ogni anno, negli aeroporti comunitari circa 250 000 passeggeri aerei hanno una brutta sorpresa al momento dell'accettazione: in possesso di biglietto valido e di prenotazione confermata, sono comunque costretti ad imbarcarsi sul volo successivo per sovraprenotazione (overbooking). Il negato imbarco è causa di considerevoli disagi e perdita di tempo per i passeggeri. Altrettanto sgradevoli sono le cancellazioni senza preavviso e i ritardi che lasciano i passeggeri in attesa per ore all'aeroporto.

Il nuovo regolamento, approvato stamani dal Parlamento europeo e dal Consiglio, sostituirà quello del 1991, che presenta gravi limitazioni, in quanto non dissuade in modo efficace le compagnie aeree dal rifiutare l'imbarco o dall'attribuire le cancellazioni a motivi commerciali o a ritardi prolungati. Né è applicabile ai voli non di linea (charter), organizzati dagli operatori turistici.

La situazione cambierà radicalmente con il nuovo regolamento, che, una volta in vigore tra circa un anno, offrirà ai passeggeri una protezione effettiva e integrale. Il regolamento introduce quattro nuovi diritti fondamentali.

Estende i diritti dei passeggeri a tutti i tipi di volo

Finora erano esclusi i voli non di linea, che rappresentano un'ampia parte del mercato. Il nuovo regolamento riguarda sia i voli di linea sia i voli non di linea, compreso il trasporto aereo facente parte di un pacchetto vacanze.

Inoltre, il nuovo regolamento sarà applicabile non solo ai passeggeri in partenza da un aeroporto di uno Stato membro, ma anche, se la compagnia aerea è un vettore della Comunità, ai passeggeri in partenza da un paese terzo con destinazione in uno Stato membro, a condizione che non ricevano un trattamento analogo nel paese terzo.

Riduce la frequenza del negato imbarco

Il nuovo regolamento ridurrà drasticamente la frequenza del negato imbarco contro la volontà del passeggero, associando due misure:

  • innanzitutto, in previsione di dover rifiutare l'imbarco a un passeggero, la compagnia aerea sarà obbligata, prima di qualsiasi altra cosa, a chiedere se vi sono eventuali volontari disposti a cedere il posto a cambio di determinati vantaggi; in altre parole, deve cercare di trovare un accordo con eventuali passeggeri interessati a rinunciare al proprio posto; solamente se il numero di volontari è insufficiente, può rifiutare l'imbarco ad altri passeggeri contro la loro volontà;

  • in secondo luogo, se l'imbarco viene effettivamente negato, la compagnia aerea dovrà corrispondere una compensazione a un livello dissuasivo:

      € 250 per voli inferiori a 1 500 km,

      € 400 per voli intracomunitari di oltre 1 500 km e per altri voli compresi tra 1 500 e 3 500 km,

      € 600 per tutti gli altri voli.

Ciò costituirà un forte incentivo a cedere un posto volontariamente e un notevole deterrente a negare l'imbarco.

Oltre all'indennizzo, i passeggeri cui sia negato l'imbarco continueranno a godere dei seguenti diritti:

  • la scelta tra il rimborso del biglietto e un volo alternativo e

  • pasti, rinfreschi e sistemazione in albergo.

Minimizza i disagi dovuti alle cancellazioni

Qualora la cancellazione del volo sia di responsabilità della compagnia aerea o dell'operatore turistico, il passeggero ha diritto alla compensazione prevista per negato imbarco, salvo se:

  • ne sia stato informato due settimane prima dell'orario previsto della partenza oppure

  • ne sia stato informato a tempo debito e imbarcato su un volo alternativo ad un orario molto vicino a quello del volo originale.

Inoltre, in caso di cancellazione, i passeggeri avranno comunque diritto a:

  • pasti e rinfreschi,

  • sistemazione in albergo, se la cancellazione comporta un pernottamento,

  • rimborso, se la cancellazione comporta un ritardo di almeno cinque ore.

Prevede l'assistenza ai passeggeri in caso di ritardo prolungato

Se la compagnia aerea prevede ragionevolmente un ritardo prolungato, ha l'obbligo di offrire ai passeggeri:

  • pasti e rinfreschi,

  • sistemazione in albergo, se il ritardo comporta un pernottamento,

  • rimborso del volo, se la cancellazione comporta un ritardo di almeno cinque ore.

Allegato: I diritti dei passeggeri aerei in cifre disponibili in PDF o Word Processed


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website