Navigation path

Left navigation

Additional tools

Concorso per giovani scienziati europei 2003: i ragazzi europei conseguono risultati eccezionali nelle nanotecnologie, la fisica del plasma e la biotecnologia

European Commission - IP/03/1296   26/09/2003

Other available languages: EN FR DE NL

IP/03/1296

Bruxelles, 26 settembre 2003

Concorso per giovani scienziati europei 2003: i ragazzi europei conseguono risultati eccezionali nelle nanotecnologie, la fisica del plasma e la biotecnologia

Se vi interessano gli altoparlanti hi-fi basati sulla tecnologia del plasma, il microscopio a scansione a "effetto tunnel" a costi ridotti con applicazioni nelle nanotecnologie, o ancora l'utilizzazione dell'ingegneria genetica per determinare il pH intracellulare basta che vi rivolgiate ai tre vincitori del primo premio dell'ultima edizione del concorso dell'UE per giovani scienziati. Ieri a Budapest la Commissione europea ha attribuito il primo premio a tre giovani ricercatori, due tedeschi ed un ungherese. Altri partecipanti provenienti da vari altri paesi (Repubblica ceca, Polonia, Paesi Bassi, Russia e Svizzera) hanno inoltre ottenuto i secondi e terzi premi in settori estremamente diversi, quali l'informatica, la biologia, la chimica, la matematica e la fisica.

“Come risulta dalle ultime indagini Eurobarometro, le scienze non figurano sempre tra le preferenze dei giovani europei quando si tratta di orientare i loro studi o di scegliere la loro futura carriera”, ha dichiarato il commissario europeo responsabile della ricerca Philippe Busquin. “Per favorire la competitività dell'Europa e conseguire il nostro obiettivo di portare le spese di ricerca al 3% del PIL medio dell'UE, dobbiamo porre fine alla fuga dei cervelli, rafforzare la mobilità dei ricercatori in Europa e aumentare notevolmente il numero di giovani diplomati nell'UE. Il concorso dell'Unione europea destinato ai giovani ricercatori li incoraggia a proporre idee nuove e brillanti, e veicola il messaggio giusto: studiate le materie scientifiche e i vostri sforzi saranno ricompensati.”

La scienza è divertente

Alcuni giovani non apprezzano le carriere scientifiche, ma non è certo il caso dei 110 ragazzi che hanno partecipato alla quindicesima edizione del concorso dell'Unione europea per giovani ricercatori che si è svolto a Budapest questa settimana. Hanno avuto modo di scoprire che la scienza può essere divertente - ed anche gratificante sotto molto aspetti. Dal 20 al 26 settembre 2003, alcuni dei giovani ricercatori più promettenti a livello europeo si sono contesi nove premi di un valore complessivo pari a 28 500 euro che sono stati consegnati ieri dalla Commissione europea in occasione di una cerimonia svoltasi nella sede del Parlamento ungherese, a Budapest. I vincitori sono stati selezionati da una giuria internazionale composta da 12 esperti.

Premi Nobel del futuro?

I partecipanti, di età compresa tra 15 e 20 anni e provenienti da 37 paesi europei, ma anche dalla Cina, dal Giappone, dalla Corea e dagli Stati Uniti, hanno presentato 75 progetti, già premiati da giurie nazionali, in un'ampia gamma di discipline scientifiche. Hanno inoltre avuto modo di incontrare i premi Nobel Ivar Giaever e Sir Harry Kroto. Per i vincitori delle varie ricompense, questo concorso può anche rappresentare un vero trampolino verso una futura carriera scientifica.

Dialogo tra scienza e società

Organizzata nell'ambito del programma "Scienza e società" dell'UE, questa manifestazione annuale mira ad incoraggiare i giovani ad interessarsi alle scienze e ad intraprendere una carriera scientifica. Nell'attuale società della conoscenza, è di fondamentale importanza per l'Europa continuare a costruire una comunità europea della ricerca dinamica. In quest'ottica, è importante anche che i giovani ricercatori, e soprattutto i partecipanti al concorso, trasformino la loro passione in una vera carriera.

75 progetti in concorso

I 75 progetti in concorso riguardano un'ampia gamma di discipline scientifiche, che vanno dall'ingegneria all'ambiente, passando dalla medicina, la chimica, la biologia, le scienze della terra, la matematica e le scienze sociali. Il livello dei progetti è sempre elevato tanto che in passato vari progetti hanno portato ad innovazioni scientifiche o alla creazione di nuove imprese. Questa manifestazione costituisce pertanto una vetrina unica per le migliori realizzazioni scientifiche degli studenti europei.

Per ulteriori informazioni consultare:

http://ec.europa.eu/research/youngscientists/code/press-centre_en.htm

Allegato

15° concorso dell'unione europea per giovani ricercatori

    Vincitori

Primi premi (5 000 euro per progetto)

Paese: Germania
Concorrente: Jana Ivanidze

Età: 19 anni

Città/Regione: Monaco

E-mail: jana_ivanidze@web.de

Settore: Biologia
Titolo del progetto: forma mutante di GFP sensibile al pH

Paese: Germania

Concorrenti: Uwe Treske

Età: 18 anni

Città/Regione: Gräfenhainichen - Sachsen Anhalt

E-mail: uwe.treske@addcom.de

Settore: Fisica
Titolo del progetto: Microscopio a scansione ad "effetto tunnel" a costi ridotti

Paese: Ungheria

Concorrente: Gábor Németh

Età: 19 anni

Città/Regione: Szolnok

E-mail: ottom@pjszki.sulinet.hu

Settore: Fisica
Titolo del progetto: Miglioramento delle prestazioni degli altoparlanti al plasma

Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website