Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL

IP/00/1348

Bruxelles, 23 novembre 2000

Il presidente Prodi inaugura l'assemblea annuale delle associazioni dei consumatori in Europa

All'apertura dell'assemblea annuale delle associazioni dei consumatori in Europa, il presidente della Commissione, Romano Prodi, ha sottolineato l'importanza della politica dei consumatori come uno degli strumenti chiave per migliorare la qualità della vita dei cittadini europei. Il presidente Prodi ha dichiarato all'assemblea: "Se c'è un messaggio che io voglio che tutti portiate con voi è questo: L'Unione europea esiste per il bene dei suoi cittadini e sono i cittadini europei che devono forgiare il futuro dell'Europa".

Il presidente Prodi ha rammentato che il trattato di Amsterdam impegna l'UE ad assicurare un alto grado di tutela dei consumatori e ad integrare la politica dei consumatori nelle altre politiche e attività comuni. Questa Commissione attribuisce la massima priorità al compito di migliorare la qualità di vita dei cittadini europei e di attuare azioni concrete ed efficaci su problemi d'interesse effettivo per i consumatori, quali l'ambiente, l'energia, la sanità e sicurezza alimentari, la sicurezza dei prodotti, il commercio elettronico, i trasporti, le condizioni di vita e di lavoro, la sicurezza e la giustizia.

Il presidente ha rivolto un cordiale benvenuto ai rappresentanti dei paesi candidati che partecipano all'assemblea: "Nella più ampia Europa, con tutta la sua ricca diversità di culture, sarà più importante che mai tener conto degli atteggiamenti dei consumatori e difenderne gli interessi".

La sicurezza alimentare

Il presidente ha dichiarato che la sicurezza alimentare è una delle priorità della Commissione sin dai primissimi inizi del suo mandato. Anche se, in generale, le sostanze alimentari in Europa probabilmente non sono mai state così sicure come ora, una serie di crisi nel settore alimentare ha scosso gravemente la fiducia dei consumatori. Il compito immediato consiste nel ristabilire la fiducia rendendo più rigorosi i controlli e gli accertamenti quando vi siano dubbi sulla sicurezza degli alimenti. "A giusto titolo i consumatori europei esigono che i loro alimenti siano i più sicuri al mondo" ha dichiarato il presidente Prodi, dichiarandosi convinto che si potrà ristabilire la fiducia solo adottando una politica alimentare integrata, comprendente l'intera catena alimentare. È necessario definire con chiarezza le responsabilità dei produttori, degli Stati membri e della Commissione e di aggiornare le leggi in campo alimentare mediante un unico corpus giuridico coerente.

La pubblicazione, nel gennaio 2000, del Libro bianco sulla sicurezza alimentare ha costituito una pietra miliare in tal senso. Il presidente Prodi è stato lieto di osservare che un altro passo importante è stato compiuto proprio due settimane fa, quando la Commissione ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio le sue proposte intese a istituire un'autorità alimentare europea indipendente. Il presidente Prodi ha dichiarato: "Le due funzioni principali di tale autorità saranno l'accertamento e la segnalazione dei rischi.

La Commissione deve disporre di accertamenti validi, a fondamento scientifico, sui quali basare la nostra politica di sicurezza alimentare. È chiaro che anche i nostri scienziati esperti in campo alimentare devono essere indipendenti dai politici. Una simile trasparenza nel definire le norme di sicurezza alimentare contribuirà in grande misura a ristabilire la fiducia del pubblico. Confidiamo che il Parlamento europeo e il Consiglio reagiranno con prontezza alle nostre proposte".

L'encefalopatia spongiforme bovina

Riguardo ai recenti avvenimenti, il presidente ha osservato: "È paradossale che proprio i risultati dei provvedimenti supplementari previsti dalle autorità francesi abbiano provocato preoccupazioni ancora maggiori. La situazione in Francia c'insegna che è necessario preparare i consumatori al fatto che, migliorando i controlli, è ben possibile scoprire altri casi della malattia. Ma si deve anche considerare il numero totale dei casi in rapporto all'entità del patrimonio bovino". Il presidente Prodi ha informato l'assemblea che il comitato veterinario permanente ha espresso di recente un parere positivo sull'estensione dei test di accertamento dell'encefalopatia spongiforme bovina, un parere con il quale il presidente concorda, e ha aggiunto: "Ritengo che i provvedimenti previsti per garantire la sicurezza della carne bovina siano sufficienti a garantire l'alto livello di sicurezza che i consumatori esigono. Gli Stati membri responsabili dell'attuazione di tali provvedimenti devono vigilare perché essi vengano attuati in misura integrale".

Il ruolo della società civile

Il presidente ha parlato dell'importante ruolo che devono svolgere le organizzazioni della società civile nell'elaborazione della politica: "Solo cointeressando pienamente la società civile ed i cittadini negli sviluppi politici possiamo rendere l'Europa trasparente e democraticamente affidabile. Per far politica è necessaria la partecipazione di tutti gli interessati. Ecco perché la Commissione vuole che le organizzazioni dei consumatori ed i singoli consumatori contribuiscano allo sviluppo della nostra politica dei consumatori, e ci aiutino anche a migliorare tutte le politiche europee d'interesse per i consumatori".

Il presidente Prodi ha annunciato che nell'estate 2001 la Commissione pubblicherà un Libro bianco sul sistema di governo europeo, nel quale proporrà una modalità decentrata più democratica per governare l'Europa: una partnership "a rete" tra le autorità locali, regionali e nazionali, le istituzioni europee e la società civile. "Solo un sistema di governo decentrato, "dal basso in alto", ci porrà in grado di affrontare le complesse sfide interconnesse di fronte alle quali ci troviamo oggi". L'intento del Libro bianco è lanciare un ampio dibattito pubblico, e anche il dibattito deve essere decentrato. Il presidente Prodi ha dichiarato all'assemblea delle associazioni: "Voi, come parte della rete che fa politica, avete un ruolo importante da svolgere informando i vostri membri".

L'assemblea proseguirà il 24 novembre, discutendo temi quali la fiducia dei consumatori nel commercio elettronico, la sicurezza alimentare, l'euro, la lealtà nelle prassi commerciali nei confronti dei consumatori, la sicurezza dei servizi e la partecipazione dei consumatori alla standardizzazione. Alla seduta di chiusura del 24 novembre parlerà all'assemblea David Byrne, il commissario responsabile della salute e della tutela dei consumatori.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website