Navigation path

Left navigation

Additional tools

CORTE DEI CONTI EUROPEA

COMUNICATO STAMPA

ECA/12/51

Lussemburgo, 14 dicembre 2012

Una delle missioni primarie della Corte dei conti europea consiste nel formulare raccomandazioni, dirette alla Commissione europea, su come migliorare la gestione finanziaria del bilancio dell’UE. Questa relazione mostra che la Commissione ha dato seguito alle raccomandazioni della Corte.

La relazione mostra che la Commissione è intervenuta per dare attuazione alle raccomandazioni della Corte. Un’ampia maggioranza delle raccomandazioni è stata attuata pienamente o per la maggior parte degli aspetti. Soltanto in un caso le raccomandazioni non sono state recepite. La Corte ha osservato che la Commissione dispone di un sistema per monitorare il seguito dato a tutte le raccomandazioni della Corte e alle richieste del Parlamento e del Consiglio, ma che tale sistema dovrebbe essere rafforzato per consentire alla Commissione di reagire in modo tempestivo, efficace ed efficiente.

“Sono lieto di constatare che la Commissione è intervenuta per dare attuazione alle raccomandazioni della Corte su come migliorare la gestione del bilancio dell’UE” ha dichiarato Henrik Otbo, il Membro della Corte responsabile della relazione “ma esistono ulteriori margini di miglioramento. La Commissione ha bisogno di migliorare il sistema di gestione delle raccomandazioni in modo da poter reagire con tempestività, efficacia ed efficienza. La Corte intende presentare una relazione annuale sul seguito dato alle proprie raccomandazioni (relazione di follow-up) in modo da contribuire efficacemente al miglioramento della gestione finanziaria dell’UE”.

Note agli editori:

Le relazioni speciali della Corte dei conti europea vengono pubblicate durante tutto l’anno e presentano i risultati di audit selezionati su specifici settori del bilancio dell’UE o temi gestionali.

Questa relazione speciale (RS 19/2012) dal titolo “Seguito dato alle relazioni speciali della Corte dei conti europea” esamina in che misura la Commissione abbia attuato le raccomandazioni formulate dalla Corte in sette relazioni speciali relative al periodo 2003 - 2009. Le relazioni speciali prese in considerazione ai fini del follow up riguardavano tre aree di bilancio: agricoltura, energia ed azioni esterne. La Corte ha valutato le azioni intraprese dalla Commissione in risposta alle raccomandazioni della Corte. Il follow-up delle relazioni di audit è considerato dai princìpi internazionali di audit la fase finale del ciclo dei controlli di gestione che comprende appunto la pianificazione, lo svolgimento e il follow-up.

Circa due terzi delle raccomandazioni esaminate riguardavano questioni relative all’efficacia (ad esempio, la definizione di obiettivi strategici, la preparazione dei proposte di progetti, la concezione dei progetti, l’esecuzione, il monitoraggio e la valutazione dei progetti) e le restanti riguardavano questioni relative all’economia e all’efficienza (ad esempio, pagamenti superiori al dovuto e la qualità e tempestività dei metodi utilizzati per la selezione dei progetti). La Commissione ha attuato integralmente il 29 % delle raccomandazioni esaminate, mentre il 49 % è stato attuato per la maggior parte degli aspetti, il 20 % per alcuni aspetti e il 2 % non è stato attuato.

L’esercizio di follow-up svolto dalla Corte indica che le relazioni di audit della Corte hanno contribuito ai miglioramenti della gestione finanziaria realizzati nelle diverse aree del bilancio UE.

Contatto:

Aidas Palubinskas

Addetto stampa della Corte dei conti europea

Ufficio: (+352) 4398 45410 – Cell: +352 621 552224

press@eca.europa.eu www.eca.europa.eu Twitter: @EUAuditorsECA


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website