Navigation path

Left navigation

Additional tools

Relazione speciale n. 3/2011: la Corte dei conti europea pubblica una relazione speciale sull’efficacia ed efficienza dei contributi dell’UE erogati attraverso gli organismi delle Nazioni Unite nei paesi teatro di conflitti

Court of Auditors - ECA/11/19   25/05/2011

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO


CORTE DEI CONTI EUROPEA COMUNICATO STAMPA

ECA/11/19

Lussemburgo, 25 maggio 2011

Relazione speciale n. 3/2011: la Corte dei conti europea pubblica una relazione speciale sull’efficacia ed efficienza dei contributi dell’UE erogati attraverso gli organismi delle Nazioni Unite nei paesi teatro di conflitti

L’ammontare dei fondi erogati da EuropeAid attraverso gli organismi delle Nazioni Unite è notevole, circa 4 000 milioni di euro nel quinquennio 2005 - 2009.

La relazione speciale di cui sopra riguarda la seconda fase di un audit in due parti. Il primo audit ha preso in esame il processo decisionale e di monitoraggio ed ha concluso che questo dovrebbe essere più approfondito, più focalizzato sui risultati e che tutte le decisioni relative al coinvolgimento dell'ONU dovrebbero essere adottate sulla base di elementi sufficienti a dimostrarne la validità. Queste conclusioni sono state pubblicate nella relazione speciale n. 15/2009 del gennaio 2010. Questa seconda fase dell’audit si concentra invece sulle regioni che sono teatro di conflitti e, in particolare, sui progetti in Afghanistan, Iraq e Sudan per il periodo 2006 - 2008. La presente relazione integra la precedente, ponendo l’accento sull’efficienza, sull’efficacia e sulla sostenibilità.

La relazione prende atto delle difficoltà specifiche poste dall’intervenire in paesi teatro di conflitti, nonché del fatto che la Commissione sia riuscita, attraverso l’ONU, a prestare aiuti in regioni che altrimenti sarebbero state molto difficili da raggiungere. In tali circostanze, l’impatto globale delle attività finanziate attraverso gli organismi dell’ONU è stato positivo.

Ciononostante, la relazione indica alcuni problemi significativi che la Commissione dovrebbe affrontare. Essa dovrebbe definire obiettivi pratici chiari, che possano essere monitorati, per tutti i progetti, nonché un calendario ragionevole per la loro attuazione. Le relazioni dell’ONU, che costituiscono una fonte di informazione essenziale per la Commissione, sono spesso tardive e incomplete. La mancanza di una sufficiente attenzione sull'efficienza e sulla valutazione dei costi dei progetti è un altro ambito sul quale la Commissione dovrebbe intervenire. Pur riconoscendo che la Commissione ha preso provvedimenti per affrontare i problemi sopra esposti, Karel Pinxten, Membro della Corte responsabile specificamente per questa relazione, sottolinea la necessità di garantire la sana gestione finanziaria di tutti i fondi che la Commissione eroga attraverso l’ONU, indipendentemente dalle regioni in cui l’aiuto viene prestato.

    Per maggiori dettagli relativi a tale audit, è possibile consultare il testo della relazione speciale disponibile in formato cartaceo oppure elettronico sul sito: www.eca.europa.eu


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website