Navigation path

Left navigation

Additional tools

Comunicato stampa

L'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE

COR/13/57

Bruxelles, 1° luglio 2013

Le città e le regioni d'Europa valutano l'accordo sulla Politica agricola comune nel corso della sessione plenaria del Comitato delle regioni (CdR)
del 3 e 4 luglio, Bruxelles

  • Il Presidente del CdR Valcárcel Siso e il commissario Cioloş condurranno il dibattito sulla nuova PAC

  • Adesione all'UE: il Comitato accoglie la nuova delegazione croata

  • All'ordine del giorno anche il mercato dell'energia e gli obiettivi UE in materia di rifiuti

Durante la sessione plenaria del 3 e 4 luglio, alla presenza del commissario europeo per l'Agricoltura Dacian Cioloş, il Presidente del CdR Ramon Luis Valcárcel Siso esaminerà l'impatto dell'accordo sulla Politica agricola comune (PAC) concluso a Bruxelles alcuni giorni fa. Il finanziamento della PAC impegna il 38 % dell'intero bilancio UE per il 2014, e i risultati degli intensi negoziati appena conclusi avranno conseguenze importanti per le regioni rurali d'Europa nel periodo 2014-2020.

Durante la plenaria avrà luogo inoltre la cerimonia di premiazione del marchio Regione imprenditoriale europea 2013, assegnato dal CdR alle tre migliori strategie regionali per lo sviluppo dell’imprenditoria. Sarà adottata una risoluzione sul completamento dell'unione economica e monetaria, incentrata su alcune questioni di governance economica tuttora in sospeso, mentre i principali pareri in discussione riguardano la situazione dei lavoratori frontalieri dell'UE (elaborato dal presidente del gruppo PSE del CdR Karl-Heinz Lambertz, ministro presidente della comunità germanofona del Belgio) e la valutazione d'impatto territoriale delle proposte della Commissione europea (elaborato dal presidente del gruppo PPE del CdR Michael Schneider, sottosegretario alla presidenza e rappresentante del Land Sassonia-Anhalt presso il governo federale tedesco).

Altri punti all'ordine del giorno:

Energia e ambiente

In risposta ai piani per un'ulteriore apertura del mercato UE dell'energia, sarà discusso e adottato un parere sul tema "Rendere efficace il mercato interno dell'energia", elaborato da P.G. de Vey Mestdagh (NL/ALDE), membro della giunta esecutiva della provincia di Groninga. Secondo il parere, soltanto con un miglior coinvolgimento degli enti locali e regionali sarà possibile pervenire a un mercato dell'energia "più integrato, più competitivo e più flessibile". Michel Lebrun (BE/PPE), membro del parlamento della comunità francese, presenterà dal canto suo il parere sul tema "Il riesame degli obiettivi chiave dell'unione europea in materia di rifiuti", che invoca l'introduzione di un unico metodo per la contabilità dei rifiuti e propone di stabilire obiettivi più rigorosi in materia di gestione e di riciclaggio.

Piano d'azione "Sanità elettronica"

Le soluzioni di sanità elettronica possono contribuire ad un utilizzo più efficiente delle risorse, a risparmiare tempo e a ridurre gli oneri amministrativi a carico dei pazienti. Il relatore Johan Sauwens (BE/PPE), membro del Parlamento fiammingo, nel presentare il suo parere sul tema Piano d'azione "Sanità elettronica 2012-2020", esaminerà il potenziale degli strumenti e dei servizi digitali in quest'ambito.

I nuovi membri croati

In seguito all'adesione della Croazia all'UE il 1° luglio, la sessione plenaria includerà inoltre una cerimonia speciale per dare il benvenuto ai nuovi membri croati del Comitato delle regioni.

La 102a plenaria si svolgerà il 3 e 4 luglio a Bruxelles, presso la sede del Parlamento europeo (sala JAN 2Q2). I dibattiti verranno trasmessi in streaming sul sito web del CdR (www.cor.europa.eu).

Per saperne di più:

Il Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni (CdR) è l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE. Il compito dei membri, provenienti da tutti i 28 Stati membri dell'UE, è quello di coinvolgere nel processo decisionale dell'Unione gli enti regionali e locali e le comunità che essi rappresentano e di informarli sulle politiche dell'UE. La Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio sono tenuti a consultare il CdR in relazione alle politiche europee che possono avere un'incidenza sulle regioni e le città. Il CdR può inoltre adire la Corte di giustizia per salvaguardare le proprie prerogative o se ritiene che un atto legislativo dell'UE violi il principio di sussidiarietà o non rispetti le competenze degli enti regionali o locali.

Sito web del CdR: http://www.cor.europa.eu

Seguici su Twitter: @EU_CoR

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Pierluigi Boda

Tel. +32 22822461

Mobile: +32 473851743

pierluigi.boda@cor.europa.eu

David French

Tel. +32 22822535

Mobile: +32 473854759

david.french@cor.europa.eu

Nathalie Vandelle

Tel. +32 22822499

Mobile: +32 473860530

nathalie.vandelle@cor.europa.eu

Comunicati stampa precedenti


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website