Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR FI

Comunicato stampa

L'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE

COR/13/52

Bruxelles, 12 giugno 2013

Aiuti per gli indigenti: il Parlamento europeo accoglie le proposte del CdR e si unisce alla richiesta di aumentare di1 miliardo di euro la dotazione

Il Comitato delle regioni (CdR) esprime la sua soddisfazione per l'adozione da parte del Parlamento europeo della relazione di Emer Costello sul Fondo di aiuti europei agli indigenti. Il testo finale del PE include alcune raccomandazioni centrali formulate nel parere CdR elaborato da Ossi Martikainen (FI/ALDE) e adottato nell'aprile di quest'anno. Il CdR e il PE concordano nell'affermare che i 2,5 miliardi di euro proposti dalla Commissione europea per i prossimi sette anni sono insufficienti e chiedono una dotazione aggiuntiva di 1 miliardo di euro per il Fondo. Il PE ha anche avallato la posizione del CdR che si oppone alla partecipazione su base volontaria degli Stati membri al Fondo, il quale metterà a disposizione un cofinanziamento dell'UE fino all'85 % dei costi del programma.

"L'esito finale del voto odierno del Parlamento europeo tiene conto di molte delle richieste avanzate dagli enti locali e regionali" ha detto Maartikainen, aggiungendo che "è un voto che giunge al momento giusto, e prende in considerazione l'attuale periodo di difficoltà per i cittadini più bisognosi. Con il suo voto finale il Parlamento europeo ha riconosciuto questo imperativo e ha ampliato il campo di applicazione del fondo per includervi anche il vestiario e altri beni essenziali per le persone senza tetto".

In riferimento alla fase finale dei negoziati per il Quadro finanziario pluriennale (QFP) 2014-2020, Martikainen ha insistito sulla necessità di un sostegno finanziario sufficiente. "Chiediamo adesso ai negoziatori del QFP di dotare il Fondo di risorse adeguate. L'impegno di bilancio dovrebbe almeno essere pari alla dotazione per il periodo 2007-2013 del Programma europeo di aiuto alimentare agli indigenti".

La risoluzione adottata dal Parlamento sottolinea ripetutamente il ruolo degli enti locali e regionali nell'individuare i bisogni reali dei cittadini più vulnerabili e nel pianificare e attuare gli interventi finanziari tramite il Fondo, assicurando sinergie e coordinamento con altri strumenti e strategie. A tale proposito le raccomandazioni del CdR sono state completamente incorporate e le competenze delle città e delle regioni nella lotta contro l'indigenza sono state adeguatamente riconosciute.

Il Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni (CdR) è l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE. Il compito dei suoi 344 membri, provenienti da tutti i 27 Stati membri dell'UE, è quello di coinvolgere nel processo decisionale dell'Unione gli enti regionali e locali e le comunità che essi rappresentano e di informarli sulle politiche dell'UE. La Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio sono tenuti a consultare il CdR in relazione alle politiche europee che possono avere un'incidenza sulle regioni e le città. Il CdR può inoltre adire la Corte di giustizia per salvaguardare le proprie prerogative o se ritiene che un atto legislativo dell'UE violi il principio di sussidiarietà o non rispetti le competenze degli enti regionali o locali.

L'indirizzo del sito web del CdR: www.cor.europa.eu

Seguiteci su Twitter: @EU_CoR

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Pierluigi Boda

Tel. +32 022822461

Cell.: +32 (0)473349851743

pierluigi.boda@cor.europa.eu

Comunicati stampa precedenti


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website