Navigation path

Left navigation

Additional tools

Le regioni e le città in cima all'agenda del Consiglio europeo dedicato alla crescita e all'occupazione

Committee of the Regions - COR/13/21   12/03/2013

Other available languages: EN FR DE ES NL

Comunicato stampa

L'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE

COR/13/21

Bruxelles, 12 marzo 2013

Le regioni e le città in cima all'agenda del Consiglio europeo dedicato alla crescita e all'occupazione

In vista del Consiglio europeo di primavera, il Presidente del Comitato delle regioni (CdR) Ramon Luis Valcárcel Siso, unitamente alla prima vicepresidente Mercedes Bresso e ai presidenti dei gruppi politici del CdR, ha discusso oggi a Bruxelles con il Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy e il commissario UE per la Politica regionale Johannes Hahn di come accelerare l'attuazione sul campo dell'agenda dell'UE per la crescita.

La delegazione del CdR ha presentato al Presidente Van Rompuy gli impegni assunti dalle regioni e dalle città per far progredire gli obiettivi della strategia Europa 2020 a livello territoriale, compresa la priorità accordata al problema della disoccupazione giovanile. Secondo il CdR, l'attuale mancanza di partecipazione degli enti locali e regionali al semestre europeo rappresenta uno dei principali ostacoli alla piena mobilitazione delle risorse e delle politiche mirate necessarie per favorire la ripresa economica.

Per contribuire concretamente al raggiungimento degli obiettivi del semestre europeo, il CdR propone che venga messo a punto un indicatore di progresso regionale, per misurare i progressi compiuti nell'attuazione della strategia europea per la crescita e l'occupazione a livello regionale. Le competenze delle regioni in materia di attuazione della strategia Europa 2020 dovrebbero essere evidenziate anche nelle future Analisi annuali della crescita.

A questo proposito, il Presidente Van Rompuy ha informato la delegazione del CdR in merito al calendario della revisione della strategia Europa 2020 avviata dal Consiglio europeo, che dovrebbe terminare entro la primavera 2014, e ha poi invitato il Comitato a fornire un contributo attivo al processo.

Durante la discussione dei negoziati sul quadro finanziario pluriennale 2014-2020, i rappresentanti del CdR hanno sottolineato la necessità di colmare il divario tra le risorse di bilancio e gli impegni politici dell'UE in materia di crescita e occupazione, come pure di coesione sociale, economica e territoriale.

Il CdR ritiene che occorrano miglioramenti volti soprattutto ad aumentare la flessibilità generale, a ridurre la discrepanza tra impegni e pagamenti, nonché ad assicurare una clausola di revisione intermedia e a introdurre un autentico sistema di risorse proprie. La politica di coesione deve rimanere un pilastro stabile e solido durante tutto il periodo di programmazione 2014-2020, in modo da poter conseguire gli obiettivi di Europa 2020 e promuovere la coesione in tutte le regioni e le città europee.

La delegazione del CdR ha inoltre insistito sulla necessità di un rapido accordo tra il Parlamento europeo e il Consiglio, che rappresenta un requisito di stabilità e sicurezza finanziaria indispensabile per l'avvio del periodo di programmazione operativa 2014-2020.

Per ulteriori informazioni si rimanda al seguente documento:

Dichiarazione della conferenza dei presidenti del CdR facente seguito al dialogo territoriale del 12 marzo

Il Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni (CdR) è l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE. Il compito dei suoi 344 membri, provenienti da tutti i 27 Stati membri dell'UE, è quello di coinvolgere nel processo decisionale dell'Unione gli enti regionali e locali e le comunità che essi rappresentano e di informarli sulle politiche dell'UE. La Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio sono tenuti a consultare il CdR in relazione alle politiche europee che possono avere un'incidenza sulle regioni e le città. Il CdR può inoltre adire la Corte di giustizia per salvaguardare le proprie prerogative o se ritiene che un atto legislativo dell'UE violi il principio di sussidiarietà o non rispetti le competenze degli enti regionali o locali.

I membri della conferenza dei presidenti del CdR sono:

  • Ramon Luis Valcárcel Siso, (PPE), Presidente del CdR e presidente della regione Murcia (Spagna)

  • Mercedes Bresso (PSE), prima vicepresidente del CdR e consigliere regionale del Piemonte (Italia)

  • Michael Schneider, presidente del gruppo PPE, sottosegretario alla presidenza e rappresentante del Land Sassonia-Anhalt presso il governo federale tedesco (Germania)

  • Karl-Heinz Lambertz, presidente del gruppo PSE e ministro presidente della comunità germanofona del Belgio

  • Bas Verkerk, presidente del gruppo ALDE e sindaco della città di Delft (Paesi Bassi)

  • Uno Silberg, presidente del gruppo Alleanza europea e membro del consiglio comunale di Kose (Estonia)

Sito web del CdR: www.cor.europa.eu

Seguici su Twitter: @EU_CoR

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Pierluigi Boda

Tel. +32 22822461

Cell. +32 473851743

pierluigi.boda@cor.europa.eu

Comunicati stampa precedenti


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website