Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR PL

Comunicato stampa

L'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE

COR/12/79

Bruxelles, 30 novembre 2012

Programma UE d'azione per l'ambiente: per realizzarlo serve più sostegno alle regioni e ai comuni d'Europa

Il Comitato delle regioni (CdR) appoggia il quadro per la futura politica ambientale dell'UE proposto dalla Commissione europea, ma avverte che, per garantirne il successo, occorre adottare misure più concrete a sostegno degli enti locali e regionali. Nel parere Verso un Settimo programma d'azione per l'ambiente (7°PAA): una migliore attuazione della legislazione dell'UE sull'ambiente (relatrice Nilgun Canver, UK/PSE), adottato oggi all'unanimità in sessione plenaria, si sottolinea anche la necessità di attuare misure aggiuntive per coinvolgere appieno i rappresentanti locali nel processo decisionale e migliorare il flusso informativo.

Il progetto di 7°PAA, intitolato Living well, within the limits of the planet e pubblicato ieri dalla Commissione, è destinato a sostituire il 6°PAA, che ha avuto termine in luglio. In linea di massima il CdR è favorevole alle nuove proposte, tanto più che il 6°PAA si è rivelato "insufficiente" a proteggere in modo appropriato l'ambiente e la salute pubblica. Sottolinea inoltre l'importanza del fatto che la Commissione riconosca il contributo di una buona gestione nazionale, regionale e locale per garantire la realizzazione degli obiettivi del nuovo programma, e giudica positivo che essa affermi con chiarezza che è necessario fare di più per migliorare la comunicazione tra i soggetti interessati e il coinvolgimento dei governi locali e regionali.

Nilgun Canver, consigliera del distretto londinese di Haringey e membro dell'Associazione degli enti locali di Inghilterra e Galles, ha dichiarato: “Vogliamo tutti un ambiente più pulito, più salubre e più sostenibile. Per garantire una buona attuazione, occorre dare risposte efficaci ai problemi insorti o che potrebbero insorgere a livello locale. È essenziale migliorare la conoscenza e la qualità dei dati: disporre di informazioni migliori e più accessibili a livello nazionale e locale consentirà di individuare più rapidamente i problemi, risparmiare sui costi e proteggere l'ambiente".

Allo stesso tempo però, il CdR esorta la Commissione a fare un passo in più, proponendo di accrescere la partecipazione locale e regionale all'elaborazione e valutazione della normativa UE sull'ambiente, in modo da assicurarne un'attuazione efficiente ed efficace. Invoca inoltre ulteriori iniziative per coinvolgere gli enti locali e regionali e permettere loro di condividere buone pratiche in fatto di attuazione delle politiche UE. Secondo il CdR, il 7°PAA deve assicurare politiche efficaci nella riduzione delle emissioni alla fonte, ampliare le opzioni per il recupero dei costi e porre di più l'accento sui metodi di gestione dell'ambiente urbano. Il Comitato sottolinea che, per migliorare l'attuazione, l'UE e gli Stati membri devono far leva sulle iniziative indicate dal Programma e concentrarsi in particolare sulla diffusione proattiva e l'accessibilità delle informazioni, la creazione di un quadro UE per le ispezioni ambientali e la ripresa dei lavori sulla proposta di direttiva sull'accesso alla giustizia. Inoltre, per l'elaborazione dei piani di attuazione nazionali esso raccomanda di istituire negli Stati membri dei gruppi di lavoro formati da esperti dei diversi livelli di governo.

La relatrice Canver ha aggiunto: "L'attuazione e l'applicazione della normativa ambientale è un compito che incombe alle autorità europee così come a quelle nazionali e locali. Dobbiamo agire insieme, in partenariato, per affrontare con decisione questioni ambientali come l'inquinamento atmosferico, che non conoscono confini. È di cruciale importanza che, quando le amministrazioni locali, regionali e nazionali lavorano insieme e insieme all'UE, esse si aiutino a vicenda e condividano anche al di là delle frontiere le buone pratiche nell'attuazione di obiettivi ambientali. Dobbiamo inoltre comunicare meglio con i nostri cittadini per aiutarli a comprendere la necessità di impostazioni e tecnologie nuove, se vogliamo la loro adesione alle iniziative per l'ambiente".

Convegno sul 7°PAA e lancio della Piattaforma tecnica per la cooperazione ambientale

Il parere è stato adottato il giorno dopo la presentazione del progetto di 7°PAA, e meno di una settimana prima del convegno organizzato dal CdR e dalla DG Ambiente della Commissione per discutere dei modi di realizzare sul campo buone pratiche per l'attuazione del 7°PAA. In occasione del convegno, intitolato Per una migliore attuazione del Settimo programma d'azione per l'ambiente nelle regioni e nelle città, il commissario europeo Janez Potočnik e la vicepresidente del CdR Mercedes Bresso presenteranno la nuova Piattaforma tecnica per la cooperazione ambientale, che consentirà agli enti locali e regionali di discutere dei problemi legati all'applicazione della normativa ambientale europea e individuare possibili soluzioni.

Il Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni (CdR) è l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE. Il compito dei suoi 344 membri, provenienti da tutti i 27 Stati membri dell'UE, è coinvolgere nel processo decisionale dell'Unione gli enti regionali e locali e le comunità che essi rappresentano e di informarli sulle politiche dell'UE. La Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio sono tenuti a consultare il CdR in relazione alle politiche europee che possono avere un'incidenza sulle regioni e le città. Il CdR può inoltre adire la Corte di giustizia per salvaguardare le proprie prerogative o se ritiene che un atto legislativo dell'UE violi il principio di sussidiarietà o non rispetti le competenze degli enti regionali o locali.

Sito web del CdR: www.cor.europa.eu

Seguiteci su Twitter: EU_CoR

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

David French

Tel. +32 473854759

david.french@cor.europa.eu

Comunicati stampa precedenti


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website