Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Il Presidente del CdR esorta i capi di Stato e di governo dell'UE a sostenere un bilancio più consistente per la coesione

Comité des régions - COR/12/70   14/11/2012

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV EL HU PL BG RO

Comunicato stampa

L'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE

COR/12/70

Bruxelles,14 novembre 2012

Il Presidente del CdR esorta i capi di Stato e di governo dell'UE a sostenere un bilancio più consistente per la coesione

Ramón Luis Valcárcel Siso ha trasmesso una lettera ai capi di Stato e di governo dell'UE per sottolineare le profonde preoccupazioni dei rappresentanti degli enti regionali e locali dell'UE circa "il rischio di vedersi privare degli strumenti necessari per rispondere efficacemente alle sfide da affrontare". Il Presidente del CdR avverte che "i nuovi tagli alla politica di coesione potrebbero pregiudicare le prospettive di crescita e nuocere alla ripresa economica".

Le regioni e le città europee sottolineano la necessità di garantire un equilibrio tra le diverse rubriche del quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020 e chiedono che alla politica di coesione venga assegnato un bilancio più consistente.

Scrive Valcárcel Siso nella sua lettera: "In vista del prossimo Consiglio europeo straordinario del 22 e 23 novembre, vorrei ricordare l'effetto moltiplicatore di questo investimento attraverso il cofinanziamento privato e pubblico a livello locale, regionale e nazionale". Aggiunge poi: "Nella situazione economica attuale, ritengo che sarebbe un grave errore privare del sostegno di una fonte quale il bilancio dell'UE, che per il 94 % è consacrato agli investimenti e rappresenta l'unica risorsa pubblica stabile e pluriennale per sostenere la crescita e l'occupazione".

I rappresentanti degli enti regionali e locali dell'UE si impegnano a utilizzare i fondi nel modo più efficiente possibile e ad assicurare che i finanziamenti europei producano risultati tangibili sul campo e portino a investimenti di qualità.

Inoltre il Presidente del CdR esorta il Consiglio europeo ad assicurare che la decisione sul quadro finanziario pluriennale sia coerente con gli impegni assunti dagli Stati membri nel patto per la crescita e l'occupazione, in particolare per quanto concerne "la necessità di mobilitare tutti i livelli, tutti gli strumenti e tutte le politiche per rendere gli investimenti disponibili sul campo".

Infine, Valcárcel Siso sottolinea che è essenziale raggiungere un buon accordo prima della fine di quest'anno, in modo che la programmazione e la ripartizione del finanziamento UE per il periodo 2014-2020 possano essere avviate senza alcun ritardo.

Documenti correlati:

Il testo integrale della lettera trasmessa dal Presidente Valcárcel Siso

Il parere del CdR sul QFP per il periodo 2014-2020

Il Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni (CdR) è l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE. Il compito dei suoi 344 membri, provenienti da tutti i 27 Stati membri dell'UE, è coinvolgere nel processo decisionale dell'Unione gli enti regionali e locali e le comunità che essi rappresentano e di informarli sulle politiche dell'UE. La Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio sono tenuti a consultare il CdR in relazione alle politiche europee che possono avere un'incidenza sulle regioni e le città. Il CdR può inoltre adire la Corte di giustizia per salvaguardare le proprie prerogative o se ritiene che un atto legislativo dell'UE violi il principio di sussidiarietà o non rispetti le competenze degli enti regionali o locali.

Sito web del CdR: www.cor.europa.eu

Seguiteci su Twitter: EU_CoR

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Pierluigi Boda

Tel. +32 22822461

Cellulare: +32 473851743

pierluigi.boda@cor.europa.eu

Comunicati stampa precedenti


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site