Navigation path

Left navigation

Additional tools

Comunicato stampa

L'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UEt

COR/10/32

Bruxelles, 13 aprile 2010

Il Comitato delle regioni fa avanzare il dibattito sulle macroregioni europee

Le strategie macroregionali dell'UE prevedono la definizione di progetti prioritari per gruppi di regioni o di paesi come la regione del Mar Baltico o la regione del Danubio. Il convegno ad alto livello su tali strategie organizzato oggi a Bruxelles dal Comitato delle regioni (CdR) ha permesso di riunire per la prima volta i vari dibattiti geografici e di esaminare il nuovo concetto in maniera organica. Al convegno ha partecipato il commissario UE per la Politica regionale Johannes Hahn, che ha discusso con gli oltre 300 fra politici ed esperti presenti delle potenzialità e dei limiti delle strategie macroregionali esistenti e di quelle in preparazione.

Dopo l'adozione della strategia dell'UE per la regione del Mar Baltico nell'ottobre 2009, la Commissione europea, seguendo l'invito del Comitato delle regioni, dovrebbe ora presentare un progetto di strategia per la regione del Danubio, atteso entro la fine di quest'anno. Queste strategie sono considerate come i primi due banchi di prova dell'approccio macroregionale, che prevede l'individuazione di priorità per le grandi regioni europee a livello dell'UE e la definizione di azioni concrete per la cooperazione transfrontaliera. L'obiettivo consiste nel convogliare più efficacemente le risorse esistenti, ad esempio, per migliorare le reti di trasporto e dell'energia o affrontare sfide come l'inquinamento, lo sviluppo sociale, l'immigrazione o la politica di sicurezza. Il convegno del CdR ha permesso di discutere per la prima volta del valore aggiunto apportato dalle strategie macroregionali alle diverse regioni d'Europa.

Ramón Luis Valcárcel Siso (ES/PPE), primo vicepresidente del CdR e presidente della Comunità autonoma di Murcia, ha espresso apprezzamento per il valore aggiunto apportato dall'approccio territoriale, sottolineando al tempo stesso la necessità di coinvolgere fin dall'inizio gli enti regionali nello sviluppo di una macroregione. Inoltre, ha sollecitato l'avvio di un dibattito più ampio per evitare un'Europa a due velocità, in cui alcune zone del continente traggano beneficio dagli approcci macroregionali e altre no, citando in particolare il bacino del Mediterraneo.

Johannes Hahn, commissario europeo per la Politica regionale ha osservato: "Con un approccio integrato, basato su azioni coordinate nei diversi settori politici, si otterranno risultati migliori che con singole iniziative. Quando gruppi di paesi e di regioni scelgono di unire le proprie forze per raggiungere obiettivi comuni, essi contribuiscono al tempo stesso a rafforzare la coesione dell'UE".

Adozione della relazione sulla strategia per il Mar Baltico nella sessione plenaria di aprile

Nella sessione plenaria del 14 e 15 aprile, il CdR adotterà anche una relazione sulla strategia per la regione del Mar Baltico elaborata da Pauliina Haijanen, membro del Consiglio comunale di Laitila (FI/PPE). Nel suo progetto di parere, Haijanen invita la Commissione a riconoscere il ruolo fondamentale e le capacità dei soggetti regionali e locali nell'attuazione della strategia. Sostiene inoltre che si dovrebbe conferire un posto centrale al livello regionale e locale al momento di individuare e selezionare gli organismi di coordinamento nell'ambito dei settori prioritari e i capofila per i progetti più importanti.

I membri del CdR hanno dimostrato il loro impegno politico formando degli intergruppi per favorire il dibattito su specifiche strategie macroregionali. Mirando al loro sviluppo coordinato in Europa, il CdR proseguirà il dibattito generale sulle strategie macroregionali in seno alla commissione per la coesione territoriale (COTER).

Maggiori informazioni sul convegno si trovano alla seguente pagina:

www.cor.europa.eu/macroregions

Sito web del CdR: www.cor.europa.eu

Il Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni (CdR) è l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE. Il compito dei suoi 344 membri, provenienti da tutti i 27 Stati membri dell'UE, è quello di coinvolgere nel processo decisionale dell'Unione gli enti regionali e locali e le comunità che essi rappresentano e di informarli sulle politiche comunitarie. La Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio sono tenuti a consultare il CdR in relazione alle politiche europee che possono avere un'incidenza sulle regioni e le città. Il CdR può inoltre adire la Corte di giustizia per salvaguardare le proprie prerogative o se ritiene che un atto legislativo dell'UE violi il principio di sussidiarietà o non rispetti le competenze degli enti regionali o locali.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Michael Alfons

Comitato delle regioni dell'Unione europea

Tel. +32 2 546 8559

Michael.Alfons@cor.europa.eu

Per leggere i comunicati stampa precedenti, cliccare qui.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website