Navigation path

Left navigation

Additional tools

Più Europa per un'Europa migliore

European Economic and Social Committee - CES/13/8   01/02/2013

Other available languages: EN FR DE ES PL

CES/13/8

1° febbraio 2013

Più Europa per un'Europa migliore

Il ministro Joan Burton e il CESE concordano sulla necessità di conferire una dimensione sociale all'Unione economica e monetaria.

L'adesione all'Unione europea ha recato benefici all'Irlanda? Il 1° febbraio, i membri del Comitato economico e sociale europeo (CESE, organo consultivo unionale che rappresenta la società civile) e i rappresentanti del governo e delle organizzazioni della società civile d'Irlanda si sono riuniti a Dublino per discutere di questo e di altri temi, tra i quali la crisi economica e finanziaria, la politica agricola comune, la partecipazione dei cittadini e il futuro dell'Europa.

La signora Joan Burton, deputato e ministro della Protezione sociale, ha elogiato "il ruolo svolto dal CESE – e in particolare dal gruppo Attività diverse – in qualità di portavoce della società civile in seno al processo decisionale dell'Unione. Il CESE contribuisce alla definizione di politiche a livello UE in grado di apportare benefici concreti a tutti i nostri cittadini".

"Dopo cinque anni di austerità e un crescente estremismo politico ed euroscetticismo, è assolutamente necessario rendere l'UE più visibile, concreta, interessante e accessibile per i cittadini", ha affermato il presidente del gruppo Attività diverse del CESE, Luca Jahier, al convegno organizzato in collaborazione con European Movement Ireland.

I partecipanti hanno invitato la Commissione europea a stimare il costo della "non Europa" in tutti gli ambiti di intervento e a valutarne l'impatto sulla crescita e l'occupazione. Inoltre hanno sollecitato un coinvolgimento attivo della società civile e dei cittadini alla formulazione e attuazione delle politiche europee (ad es. tramite l'articolo 11 del Trattato di Lisbona e il diritto d'iniziativa dei cittadini europei). In particolare, già dal prossimo Consiglio europeo di giugno, si dovrebbe garantire una migliore integrazione della dimensione sociale nella futura architettura dell'UE. Il Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy ha invitato il CESE a fornire un contributo in tal senso, proponendo eventuali misure inerenti alla dimensione sociale dell'Unione economica e monetaria (UEM).

In Europa ci sono più di 26 milioni di disoccupati e circa 116 milioni di cittadini a rischio di povertà. Queste persone non possono essere certamente ignorate. "Il costo del non intervento è elevatissimo. Il tasso di disoccupazione tra i giovani irlandesi è attualmente pari al 29,7 % e l'impatto sociale negativo su questi cittadini, nonché sulle rispettive famiglie e comunità è incalcolabile", ha osservato la senatrice Jillian van Turnhout.

Inoltre, nel caso specifico dell'Irlanda le conclusioni appaiono evidenti: il Consiglio europeo dovrebbe permettere la ricapitalizzazione diretta delle banche attraverso il meccanismo europeo di stabilità (MES). Il rapporto diretto tra operazioni di salvataggio delle banche e debito sovrano degli Stati membri ha un effetto dannoso sulle economie dell'UE.

Più o meno Europa?

Gli Stati membri oscillano attualmente tra il tentativo di rendere più efficace l'Europa e le severe critiche nazionali verso l'UE. Il messaggio in vista della riunione del Consiglio europeo del 7 e 8 febbraio è inequivocabile: servono un'Europa più integrata e un bilancio più consistente, per rilanciare la crescita e l'occupazione con il prossimo quadro finanziario pluriennale (QFP) 2014-2020. "Il nostro Comitato continuerà a seguire da vicino i negoziati sul bilancio dell'UE per il 2014-2020. Dobbiamo impegnarci a sostenere la necessità di un QFP solido e adeguatamente finanziato, tenuto conto dell'influenza che esso avrà sul futuro dell'intero spettro delle politiche unionali, compresa la politica agricola comune (PAC)", ha affermato il Presidente del CESE Staffan Nilsson.

Nuova politica agricola comune

La PAC dovrà continuare a svolgere un ruolo di primo piano in Europa. È quindi fondamentale poter contare su un bilancio adeguato e incentrato sull'ecologizzazione dell'agricoltura e sugli agricoltori che lavorano e producono (piuttosto che su quelli che non producono più) e su una visione a lungo termine della PAC come fonte di crescita e occupazione. Senza il sostegno della PAC infatti, le comunità rurali di Stati membri come l'Irlanda saranno sicuramente a rischio.

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Karin Füssl, capo dell'unità Stampa

E-mail: karin.fussl@eesc.europa.eu

Tel: +32 25468722

_____________


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website