Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES PL

CES/13/76

6 dicembre 2013

Christine Lagarde alla sessione plenaria del CESE

Alla sua prossima sessione plenaria del 10 e 11 dicembre, il Comitato economico e sociale europeo ospiterà un dibattito con Christine Lagarde, Direttore generale del Fondo monetario internazionale, sulle misure per rilanciare la fiducia, la crescita e l'occupazione in Europa.

494a sessione plenaria del CESE

10 e 11 dicembre 2013

Parlamento europeo, edifico József Antall, sala JAN 4Q2 Bruxelles

La sessione plenaria può essere seguita in diretta sul sito del CESE: http://www.eesc.europa.eu

L'ordine del giorno integrale è consultabile cliccando qui.

I giornalisti che desiderino assistere al dibattito con Christine Lagarde (10 dicembre, ore 14.30) sono pregati di registrarsi inviando un'e-mail all'indirizzo press@eesc.europa.eu entro la giornata di oggi.

Altro momento importante della plenaria sarà la discussione con Prisca Merz, responsabile dell'iniziativa dei cittadini europei "End ecocide in Europe", che ha il fine di far riconoscere come reati il danneggiamento e la distruzione degli ecosistemi.

I pareri che saranno discussi e votati nella sessione plenaria tratteranno i seguenti temi:

Piano d'azione per l'industria siderurgica europea

A giudizio del CESE, l'attuazione pratica del Piano d'azione richiederà mesi se non addirittura anni. Tuttavia, la rapidità con cui sono calati produzione e ricavi quest'anno rende necessarie azioni immediate e urgenti che aiutino i lavoratori colpiti dalla crisi e ripristinino un clima propizio agli investimenti. Il Piano d'azione proposto dalla Commissione resta piuttosto vago quanto alle misure concrete da adottare, e non affronta in maniera adeguata la dimensione ciclica della crisi.

Misurare il volontariato

Nel suo parere d'iniziativa, il CESE chiede una metodologia unica da utilizzare in tutta Europa per misurare il volontariato. A tal fine raccomanda di servirsi dell'apposito Manuale pubblicato dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e di adottare un regolamento UE adeguato per armonizzare la misurazione negli Stati membri.

La misurazione dell'impatto sociale

Il CESE accoglie con favore il dibattito sui metodi di misurazione dell'impatto sociale delle imprese sociali, ma ritiene che un approccio errato o poco ponderato potrebbe nuocere all'obiettivo delle istituzioni UE di sostenere lo sviluppo e la crescita del settore. Esorta quindi la Commissione a perseguire quali obiettivi prioritari una maggiore sensibilizzazione al programma dell'Iniziativa per l'imprenditoria sociale e la sua integrale applicazione. Il CESE suggerisce che la Commissione, invece di elaborare un nuovo metodo, faccia opera di sensibilizzazione sui principi più diffusi in questo campo.

Servizi di pagamento

Le due proposte della Commissione sulle operazioni di pagamento tramite carta introdurranno massimali per le commissioni interbancarie sulle operazioni effettuate dai consumatori con carte di debito e di credito. Il CESE auspica una riduzione dei massimali per entrambi i tipi di carta e l'estensione di tali misure alle carte aziendali.

Verso una strategia per lo sviluppo della coesione nel Mediterraneo

La regione del Mediterraneo riveste un'importanza strategica per l'UE sul piano economico come su quello politico. Il CESE approva l'idea di mettere a punto un strategia macroregionale dell'UE per il Mediterraneo che aiuti le regioni a far fronte alle sfide e includa tutti gli obiettivi della strategia Europa 2020.

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Unità Stampa del CESE

E-mail: press@eesc.europa.eu

Tel.: +32 25468641

_______________________________________________________________________________

Il Comitato economico e sociale europeo rappresenta le diverse componenti economiche e sociali della società civile organizzata. È un organo istituzionale consultivo, istituito dal Trattato di Roma nel 1957. La funzione consultiva del Comitato permette ai suoi membri, e quindi alle organizzazioni che essi rappresentano, di partecipare al processo decisionale dell'Unione. Il Comitato si compone di 353 membri, provenienti da tutta l'UE, nominati dal Consiglio dell'Unione europea.

_______________________________________________________________________________


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website