Navigation path

Left navigation

Additional tools

Un Cielo unico europeo, condizione necessaria per l'esistenza di un mercato unico

European Economic and Social Committee - CES/13/34   19/04/2013

Other available languages: EN FR DE ES PL

CES/13/34

19 aprile 2013

Un Cielo unico europeo, condizione necessaria per l'esistenza di un mercato unico

Lo spazio aereo europeo unico non sarà realizzabile senza una più forte leadership della Commissione europea e una più efficace attuazione della legislazione UE. Questo il messaggio emerso dalla sessione plenaria di aprile del Comitato economico e sociale europeo (CESE).

Il Comitato lancia il suo monito sotto forma di un parere sul tema Cielo unico europeo II +, elaborato su richiesta della Commissione e adottato durante la sua ultima sessione plenaria.

Nel dicembre scorso è scaduto il termine per la creazione dei nove blocchi funzionali di spazio aereo transfrontalieri destinati a sostituire le attuali 27 zone nazionali di controllo del traffico aereo e aprire così la strada allo spazio aereo unico europeo. Finora, tuttavia, sono stati realizzati e sono effettivamente operativi soltanto due blocchi, quello danese-svedese e quello britannico-irlandese.

Per porre fine alla situazione che vede un'attuazione lacunosa del pacchetto CUE II, la Commissione deve avviare procedure di infrazione nei confronti degli Stati membri ancora in ritardo e, se risulteranno violazioni della legislazione UE, irrogare sanzioni: questa la posizione di Jacek Krawczyk, presidente del gruppo Datori di lavoro del CESE e relatore del parere.

"Dobbiamo essere uniti per abbattere i muri di interessi egoistici e di meschinità che sono i veri impedimenti al successo di un progetto fondamentale per l'integrazione europea", ha dichiarato Krawczyk, aggiungendo, inoltre, che finora gli Stati membri sono stati motivati "più dall'interesse nazionale che da obiettivi comuni a tutta l'UE".

smantellare i monopoli

Il CESE appoggia fermamente l'apertura alla concorrenza dei servizi ausiliari di gestione del traffico aereo.

Secondo il Comitato, l'introduzione di condizioni di mercato e procedure di appalto contribuirebbe a migliorare e rendere più efficienti i servizi meteorologici, la formazione e i servizi di comunicazione, navigazione e sorveglianza.

Anche la fornitura dei servizi fondamentali di gestione del traffico aereo presenta ampi margini di miglioramento in tutto lo spazio aereo dell'UE. "Le grandi variazioni nelle tariffe per la navigazione aerea applicate in Europa fanno pensare che vi sia un notevole potenziale per una riduzione delle tariffe stesse attraverso un miglior coordinamento e una maggiore standardizzazione dei servizi di traffico aereo dell'UE", ha affermato Krawczyk.

Perché le riforme previste dal pacchetto CUE II abbiano successo, tuttavia, sarà essenziale attuarle attraverso il dialogo sociale. "Se i lavoratori non saranno pienamente coinvolti nel processo di transizione, il rischio di un fallimento aumenterà notevolmente", ha sottolineato ancora il relatore.

Il Cielo unico europeo è una condizione necessaria per l'esistenza del mercato unico

Secondo il CESE, uno spazio aereo unico è indispensabile al corretto funzionamento del mercato interno. "È intollerabile che uno dei più importanti settori economici d'Europa sia ancora frammentato", ha dichiarato Krawczyk.

Il completamento del CUE darà un contributo fondamentale al potenziamento della competitività e alla crescita dell'economia dell'UE e rafforzerà ulteriormente il mercato unico, si afferma nel parere.

Se persisterà l'attuale frammentazione, c'è il rischio che i concorrenti a livello mondiale si inseriscano in questo settore di mercato e riescano a prendere il controllo dello spazio aereo europeo, con la conseguente perdita di ulteriori posti di lavoro. "È in gioco l'intero settore aereo europeo - ha sottolineato infine Krawczyk. Il Cielo unico europeo è l'unica via per garantire il suo futuro, e la posta in gioco è troppo alta per contemplare un fallimento".

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Unità Stampa del CESE

E-mail: press@eesc.europa.eu

Tel. +32 25468207

_______________________________________________________________________________

Il Comitato economico e sociale europeo rappresenta le diverse componenti economiche e sociali della società civile organizzata. Esso è un organo istituzionale consultivo, istituito dal Trattato di Roma nel 1957. La funzione consultiva del Comitato permette ai suoi membri, e quindi alle organizzazioni che essi rappresentano, di partecipare al processo decisionale dell'Unione. Il Comitato si compone di 344 membri, provenienti da tutta l'UE, nominati dal Consiglio dell'Unione europea.

_______________________________________________________________________________


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website