Navigation path

Left navigation

Additional tools

Come dissipare i dubbi sull'euro

European Economic and Social Committee - CES/13/16   20/02/2013

Other available languages: EN FR DE ES PL

CES/13/16

20 febbraio 2013

Come dissipare i dubbi sull'euro

Il CESE insiste sulla necessità di una maggiore integrazione e una maggiore solidarietà per trasformare l'Unione monetaria europea in una vera unione economica, politica e sociale. È importante a tal fine che l'Eurogruppo, la Banca centrale europea (BCE) e la Banca europea per gli investimenti (BEI) svolgano un ruolo attivo, in modo da dissipare i dubbi sull'euro, facendo affluire credito all'economia reale e rilanciando la crescita.

Vista la persistente sfiducia nell'euro, il 19 febbraio il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha organizzato un'audizione pubblica per discutere del futuro della moneta unica e dell'UE nel suo insieme. All'audizione hanno partecipato il commissario Olli Rehn, il ministro degli Affari europei dell'Italia Enzo Moavero Milanesi e la presidente della commissione Occupazione e affari sociali del PE Pervenche Berès. I dibattiti con i rappresentanti della società civile, gli esperti e i giornalisti presenti si sono incentrati sul futuro dell'UEM e dell'Europa in generale. Il Presidente Nilsson, nel dare il via ai lavori, ha invocato un nuovo corso che impegni l'UE a puntare sulla crescita sostenibile.

Sebbene siano trascorsi oltre dieci anni dall'adozione dell'euro, il decimo anniversario è passato sotto silenzio e i benefici economici della moneta unica sono spesso sottovalutati. Questa diffusa sfiducia sta spingendo i paesi più vulnerabili dell'eurozona verso una spirale speculativa che fa aumentare il costo del debito, sia pubblico che privato. In questo contesto, il parere d'iniziativa del CESE Dove va l'euro? formula alcuni suggerimenti per il rafforzamento della governance nell'eurozona, esamina nuovi strumenti economici, giuridici e politici e mette in rilievo il ruolo importante che potrebbero avere un debito pubblico comune, la BCE, la BEI e il Fondo europeo per gli investimenti (FEI).

"I deludenti tassi di crescita del PIL tedesco e i programmi di spesa anticiclici adottati di recente negli Stati Uniti e in Giappone dimostrano che il Comitato aveva ragione due anni or sono, quando invocava analoghe misure di stimolo per l'Europa. Bisogna avere il coraggio di ammettere che la politica dell'austerità per l'austerità era sbagliata", ha dichiarato Carmelo Cedrone (gruppo Lavoratori, Italia), relatore del parere. Gli ha fatto eco Michael Smyth (gruppo Attività diverse, Regno Unito), presidente della sezione Unione economica e monetaria, coesione economica e sociale del CESE, che si è detto preoccupato perché le banche, nonostante gli sforzi della BCE per immettere liquidità, non forniscono credito alle piccole e medie imprese. "Perché la BEI non può concedere prestiti a breve scadenza alle PMI?", ha chiesto.

Il commissario Rehn ha difeso le riforme del two-pack, che a suo dire costituiscono misure decisive per rilanciare la crescita, e ha ricordato che mettere in comune il debito comporterebbe una più profonda integrazione e quindi una riforma dei trattati. Si è detto d'accordo con i rappresentanti della Banca centrale europea e del Meccanismo europeo di stabilità circa la necessità di ripristinare l'accesso al credito per le PMI e ristabilire la fiducia nei sistemi bancari europei. "In questo campo possiamo imparare molto dagli Stati Uniti", ha concluso. Sulla stessa linea il ministro Moavero, che ha messo in risalto quanto siano importanti per la ripresa sane politiche di bilancio, pur ricordando l'importanza degli investimenti pubblici per rilanciare la crescita e menzionando la possibilità di misure di mutualizzazione del debito, in parallelo con il ristabilimento della fiducia.

I diversi punti di vista espressi nell'audizione pubblica serviranno ad alimentare il dibattito in corso al CESE sul futuro dell'euro e saranno integrati nel parere Dove va l'euro?, che deve ancora essere approvato in sessione plenaria e che si ispira al principio per cui il modo migliore per evitare la recessione, ridurre il debito pubblico e stabilizzare i bilanci consiste nel ribaltare l'idea della "stabilità per la crescita" e nel fare della crescita stessa un obiettivo di pari importanza. L'eurozona ha quindi bisogno di un patto che si prefigga di mettere in comune il debito e di creare crescita, occupazione e stabilità e che preveda il coinvolgimento delle parti sociali e della società civile organizzata nel suo complesso.

Per maggiori informazioni rivolgersi a:

Karin Füssl, capo dell'unità Stampa

E-mail: karin.fussl@eesc.europa.eu

Tel. +32 25468722

_____________


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website