Navigation path

Left navigation

Additional tools

CES/12/8

European Economic and Social Committee - CES/12/8   24/02/2012

Other available languages: EN FR DE DA ES PL

CES/12/8

24 febbraio 2012

La ripresa nell'UE: la società civile ne discute con il Presidente della Commissione Barroso

In occasione della 478a sessione plenaria del Comitato economico e sociale europeo (CESE), il Presidente del Comitato Staffan Nilsson ha accolto il Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso per un dibattito approfondito sulla strategia Europa 2020 e sulle misure necessarie per affrontare la crisi che sta attraversando l'Europa, in vista del voto del Comitato sul parere in merito all'Analisi annuale della crescita per il 2012.

Al dibattito ha fatto seguito l'adozione da parte dei tre gruppi del CESE (Datori di lavoro, Lavoratori e Attività diverse) di una risoluzione di grande attualità, nella quale il Comitato sottolinea la sua grave preoccupazione per la situazione economica e finanziaria in cui versa l'Unione europea, nonché la necessità fondamentale di rinnovare l'unità e la solidarietà europee, di ampliare la governance delle politiche economiche e di destinare stanziamenti più ambiziosi alle misure per promuovere la crescita, le PMI, l'accesso dei giovani al mercato del lavoro e la politica di efficienza energetica.

La sessione plenaria ha visto anche la firma del nuovo protocollo di cooperazione tra la Commissione europea e il CESE, che rafforza il ruolo del Comitato in quanto veicolo per la partecipazione della società civile alla definizione delle politiche e al processo decisionale dell'UE alla luce del Trattato di Lisbona e prevede un contributo più incisivo della società civile alla definizione delle priorità politiche dell'UE, del programma di lavoro annuale della Commissione europea e della strategia Europa 2020. Il nuovo protocollo accresce inoltre il ruolo del CESE nell'azione esterna dell'UE, coinvolgendo la società civile nel monitoraggio degli accordi commerciali dell'UE, e riconosce il rafforzamento della funzione consultiva del Comitato.

Staffan Nilsson ha aperto il dibattito esprimendo apprezzamento per questa occasione di scambio di vedute sulle priorità della Commissione per aiutare l'Europa a uscire dalla crisi e sul contributo che può dare la società civile in questo senso. "Penso in realtà che nell'affrontare la crisi dobbiamo parlare di più del potenziale esistente", ha affermato il Presidente del CESE, sottolineando la convinzione del Comitato che ciò che ci vuole ora sono riforme strutturali con effetto a lungo termine, riforme che coniughino i programmi di austerità a misure atte a stimolare la crescita e a creare posti di lavoro. Nilsson ha inoltre messo in risalto il contributo costante del CESE nel preparare la strada per un piano d'azione concreto per lo sviluppo sostenibile in vista del vertice Rio+20 e l'impegno profuso dal Comitato nel tradurre la strategia Europa 2020 in realtà.

Per parte sua, Barroso ha ringraziato il CESE per il suo sostegno all'attuazione dei programmi nazionali di riforma nel quadro della strategia Europa 2020, al metodo comunitario e all'accento sulla sostenibilità, mettendo in evidenza il suo ruolo essenziale in quanto interfaccia fondamentale tra le istituzioni europee e la società civile. "Non si tratta di ideologia, bensì di strategia", ha dichiarato Barroso, indicando in una maggiore integrazione l'unico modo per difendere i valori europei, per salvaguardare gli interessi dei cittadini europei e per mantenere la posizione dell'Europa nel mondo, in particolare nei confronti di altre potenze come gli Stati Uniti, il Giappone, la Cina e l'India. Il Presidente della Commissione ha insistito sul fatto che un'Europa forte è impensabile senza una coesione sociale forte, e che una sfida fondamentale è quella di innalzare la competitività senza compromettere il modello sociale europeo.

Barroso ha concluso il suo intervento con le parole di Alexis de Tocqueville: "La storia è una galleria di quadri dove ci sono pochi originali e molte copie" sottolineando l'unicità dell'Unione europea, che ne fa uno di questi rari originali.

Nel successivo dibattito, Henri Malosse, presidente del gruppo Datori di lavoro del CESE, ha fatto eco alle dichiarazioni di Nilsson e Barroso richiamando l'attenzione su alcune delle risorse fondamentali sulle quali l'Unione può contare nella situazione attuale, ossia il nuovo trattato intergovernativo, il quadro finanziario per il periodo 2014-2020 e, elemento assolutamente fondamentale, la strategia Europa 2020, ma ha aggiunto che soltanto i rappresentanti politici a capo delle istituzioni europee possono incarnare il sogno europeo e diffondere il messaggio tra i cittadini europei. Georges Dassis, a nome del gruppo Lavoratori del CESE, ha paragonato gli sforzi per proseguire sulla strada di un'Europa unita alle fatiche di Sisifo e ha sottolineato l'importanza di garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori nel contesto di austerità e di difficoltà economiche, mentre Luca Jahier, presidente del gruppo Attività diverse, ha messo in evidenza la questione della legittimità democratica a livello nazionale ed europeo sollevata dalla crisi attuale e ha invitato il Presidente della Commissione a convocare un vertice straordinario sul futuro dell'Europa che coinvolga i cittadini in maniera diretta.

Il parere sull'Analisi annuale della crescita per il 2012 adottato dal CESE (relatore David Croughan, gruppo Datori di lavoro) affronta gli aspetti che più preoccupano la società civile. L'analisi annuale illustra quelle che la Commissione ritiene debbano essere le priorità dell'UE per il 2012 al fine di rilanciare la crescita e l'occupazione nel quadro della strategia Europa 2020. Il messaggio del CESE in vista del Consiglio europeo di primavera è chiaro: ora l'Unione deve dimostrare la sua capacità politica di affrontare la crisi del debito con provvedimenti ambiziosi e atti a ripristinare la fiducia; tra questi, un'azione più concentrata su una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Nel parere, il CESE apprezza il fatto che l'analisi per il 2012 punta di più sulla crescita, in particolare perché fa proprie numerose idee formulate nel precedente parere adottato dal CESE in merito all'Analisi annuale della crescita per il 2011. Tuttavia, il Comitato si dice seriamente preoccupato per la mancata attuazione degli impegni concordati nell'ambito del semestre europeo e sottolinea che in assenza di un'azione decisa e di un'attuazione efficace delle riforme da parte delle istituzioni europee e degli Stati membri, l'Europa si troverà alle prese con una crisi della crescita di lungo periodo.

Il parere esprime preoccupazione anche per l'insistenza sui provvedimenti di austerità, mettendo in guardia sul fatto che le misure di risanamento volte a correggere i gravi squilibri del bilancio, sebbene indubbiamente necessarie, non devono compromettere la crescita sostenibile a lungo termine.

L'UE deve dare risposte ambiziose alle sfide attuali, come ad esempio quella di creare nuovi posti di lavoro e migliorare la competitività di fronte alla concorrenza mondiale sempre maggiore, perché l'obiettivo ultimo deve rimanere quello di garantire il benessere dei cittadini europei a lungo termine.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Karin Füssl

Capo dell'unità Stampa del CESE

tel.+32 25468722

e-mail: Karin.Fussl@eesc.europa.eu


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website