Navigation path

Left navigation

Additional tools

Il CESE accoglie con favore il maggiore coinvolgimento della società civile nella strategia UE 2020 Ma la tabella di marcia per uscire dalla crisi deve essere più ambiziosa

European Economic and Social Committee - CES/10/26   04/03/2010

Other available languages: EN FR DE ES PL

CES/10/26

4 marzo 2010

Il CESE accoglie con favore il maggiore coinvolgimento della società civile nella strategia UE 2020
Ma la tabella di marcia per uscire dalla crisi deve essere
più ambiziosa

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) accoglie con favore la comunicazione della Commissione europea intitolata Europa 2020: una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e il piano teso a coinvolgere più da vicino il CESE in questa nuova strategia. A tale riguardo il Presidente del CESE Mario Sepi ha dichiarato: "La società civile ha la capacità di favorire la riuscita di questa futura strategia. Per attuare rapidamente qualsiasi nuovo programma, occorre che tutte le parti interessate partecipino e mettano insieme le loro forze per arrivare a un'economia sociale di mercato sostenibile".

Il Presidente Sepi ha proseguito tuttavia rilevando che il documento della Commissione manca di proposte ambiziose per realizzare la transizione dalla crisi attuale alla nuova economia. "Nella zona euro e nell'Unione europea ci troviamo di fronte a disparità crescenti che possono sfociare in una crisi politica. Mi rammarica pertanto il fatto che manchino proposte coraggiose volte a migliorare il coordinamento in materia di politiche economiche e fiscali". Il Presidente Sepi ha anche sottolineato che il persistere di gravi problemi strutturali e sociali negli Stati membri impone di includere il concetto della sicurezza dell'occupazione nelle più importanti iniziative in questo campo. Il CESE terrà un convegno importante il 18 e 19 marzo intitolato Una tabella di marcia dell'UE per una ripresa economica e sociale sostenibile, che secondo gli auspici dovrebbe servire a compiere un passo avanti su questi temi.

Per realizzare la transizione dalla crisi alla nuova economia, il prossimo Consiglio europeo dovrebbe mantenere al massimo livello le ambizioni riguardo agli obiettivi e ai provvedimenti futuri destinati a indirizzare l'Europa su un cammino che porti a un futuro di prosperità, inclusione sociale e rispetto dell'ambiente. Dopo l'adozione della sua Relazione integrata sull'attuazione e il futuro della strategia di Lisbona dopo il 2010 (per maggiori informazioni in lingua francese o inglese cliccare qui), il CESE è pronto a contribuire alla realizzazione della strategia UE 2020 con un vasto piano di azione specifico della società civile. Il Comitato chiede al Consiglio europeo di essere investito, nelle conclusioni della presidenza, di un chiaro mandato per contribuire a garantire il successo della nuova strategia con la sua rete di consigli economici e sociali nazionali e istituzioni analoghe.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Gilbert Marchlewitz

Gilbert.Marchlewitz@eesc.europa.eu


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website