Tecnologie dell’informazione


L’economia digitale può trasformare le imprese e l'intera società, a condizione che sia efficiente, inclusiva e innovativa. La chiave del progresso consiste nel fornire prodotti e servizi migliori mediante processi nuovi e più efficaci.

Un ragazzo naviga su Internet © Bilderbox

Uno dei tanti: un utente abitudinario di Internet

L'economia digitale sta crescendo a un ritmo 7 volte più veloce di quello dell'economia reale. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) rappresentano il 4,8% dell’economia dell’UE e il 25% degli investimenti delle imprese nella ricerca e sviluppo (R&S), mentre la crescita della produttività nell’UE deriva per il 50% dagli investimenti in questo settore.

Le tecnologie digitali sono alla base dell’innovazione e della competitività nei settori pubblico e privato e del progresso scientifico in tutte le discipline.

Tuttavia, la presenza di un quadro politico disomogeneo ha frenato lo sviluppo di questo settore. Di qui la decisione della Commissione europea di migliorare tale quadro, impegnandosi in particolare a:

  • creare un mercato digitale aperto nell’UE
  • assicurare condizioni eque di accesso a tutte le imprese
  • tutelare gli interessi dei consumatori
  • definire gli standard tecnici
  • investire nella ricerca sulle TIC e nell'innovazione.

L'Agenda digitale europea English punta a rilanciare l'economia dell'Unione e aiutare i cittadini e le imprese a sfruttare appieno le tecnologie digitali. Creare un mercato digitale unico porterà vantaggi economici e sociali a lungo termine.

L’Agenda digitale ha già compiuto progressi nella realizzazione dei 3 obiettivi principali:

  • offrire una comunicazione migliore, meno costosa e più rapida
  • rafforzare l’industria europea attraverso un sostegno per la ricerca strategica
  • promuovere le competenze, l'occupazione e l’imprenditorialità in ambito digitale.

L'economia digitale è in grado di innescare un circolo virtuoso: i contenuti e servizi attraenti, resi disponibili in un ambiente Internet interoperabile e senza confini, stimolano la domanda di maggiore velocità e capacità. Ciò induce a sua volta le imprese a investire in reti più veloci, spianando in tal modo la strada a servizi innovativi e ancora più rapidi.

La Commissione ha fissato 13 obiettivi, ciascuno dei quali avvicinerà l’UE all’obiettivo globale, ossia creare una società digitale prospera e competitiva:

  1. copertura con banda larga in tutta l’UE entro il 2013
  2. copertura con banda larga superiore a 30 Mbps in tutta l’UE entro il 2020
  3. entro il 2020 il 50% dei cittadini dell'UE è abbonato a servizi con velocità superiore a 100 Mbps
  4. entro il 2015 il 50% dei cittadini dell’UE fa acquisti online
  5. entro il 2015 il 20% dei cittadini dell’UE acquista beni e servizi in altri paesi dell’Unione
  6. entro il 2015 il 33% delle piccole e medie imprese effettua vendite online
  7. entro il 2015 la differenza tra le tariffe in roaming e le tariffe nazionali sarà quasi inesistente
  8. accrescere l’uso regolare di Internet dal 60% al 75% entro il 2015 e dal 41% al 60% tra le categorie svantaggiate
  9. dimezzare dal 30% al 15% entro il 2015 la percentuale di persone che non hanno mai usato Internet
  10. ricorso all'e-Government da parte del 50% della popolazione (entro il 2015), di cui oltre la metà dovrebbe essere in grado di restituire moduli compilati
  11. mettere online, entro il 2015, tutti i servizi pubblici fondamentali transfrontalieri concordati dagli Stati membri dell'UE nel 2011
  12. raddoppiare gli investimenti pubblici nella R&S sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, portandoli a 11 miliardi di euro entro il 2020
  13. ridurre del 20% la quantità di energia utilizzata per l’illuminazione entro il 2020.

In base ai dati del 2014, la Commissione europea e i paesi dell’UE sono sulla buona strada per raggiungere 72 dei 101 obiettivi digitali entro il 2015. Sono ottimi progressi. I cittadini e le imprese dell’UE utilizzano Internet con maggiore frequenza e acquistano di più online, il che migliora le loro competenze digitali e rafforza la loro fiducia.

Media UE
Banda larga2014Obiettivo
Copertura con banda larga di base per tutti100%100% (obiettivo realizzato nel 2013)
Mercato digitale unico
Persone che fanno acquisti online47%50% (2015)
Persone che effettuano operazioni di commercio elettronico transfrontaliero12%20% (2015)
Piccole e medie imprese che vendono online14%33% (2015)
Inclusione digitale
Uso regolare di Internet72%75% (2015)
Persone svantaggiate che utilizzano Internet regolarmente57%60% (2015)
Persone che non hanno mai usato Internet20%15% (2015)
Servizi pubblici
Cittadini che interagiscono online con la pubblica amministrazione42%50% (2015)
Cittadini che inviano moduli compilati online alla pubblica amministrazione21%25% (2015)

Per saperne di più sugli obiettivi e i risultati raggiunti English

Inizio pagina

Agenda digitale europea

Manoscritto completato nel luglio 2014

Questa pubblicazione fa parte della serie "Le politiche dell'UE"


Inizio pagina



Resta collegato

Facebook

  • Agenda europea del digitaleEnglish (en)
  • EuropeanaEnglish (en)

Twitter

  • Agenda digitaleEnglish (en)
  • Politica della Commissione europea sugli open dataEnglish (en)
  • Uso sicuro di InternetEnglish (en)

Inizio pagina

PER CONTATTARCI

Richieste d'informazione di carattere generale

Chiama il numero
00 800 6 7 8 9 10 11 Come funziona il servizio telefonico?

Invia le tue domande per e-mail

Contatti e informazioni sulle visite alle istituzioni, contatti con la stampa

Politiche connesse

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?