Percorso di navigazione

Lotta alla frode


Contrabbando di sigarette... contraffazione delle monete in euro... evasione dei dazi sulle importazioni di calzature e abbigliamento... sussidi per la coltivazione di arance in aziende agricole inesistenti: ecco alcuni esempi di frodi ai danni dei contribuenti europei.

L'organo principale dell'UE preposto a combattere quese attività è l'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF).

Segnalare un caso di sospetta frode all’OLAF

Ufficiale che controlla le merci © OLAF

Individuare merci di contrabbando.

Cosa fa l’OLAF?

  • Indaga sulle frodi, i casi di corruzione e su altre attività illecite
  • individua le colpe gravi commesse dal personale dell'UE e svolge le relative indagini
  • aiuta la Commissione europea a formulare e attuare le politiche Deutsch (de) English (en) français (fr) atte a prevenire e individuare le frodi.

Indagini

  1. Le indagini possono comprendere interrogazioni e ispezioni dei locali, anche al di fuori dell'UE. L’OLAF coordina inoltre le ispezioni effettuate dalle agenzie nazionali antifrode
  2. Al termine dell'indagine l'OLAF raccomanda l'adozione di misure da parte delle istituzioni dell’UE e dei governi nazionali interessati (indagini penali, azioni giudiziarie, recuperi finanziari o provvedimenti disciplinari)
  3. Infine, controlla l'attuazione di tali misure.

Le autorità doganali nazionali (sia all'interno che all'esterno dell'UE) svolgono periodicamente, in cooperazione con l’OLAF (e altre agenzie dell'UE), operazioni congiunte per combattere il contrabbando e le frodi in taluni settori ad alto rischio e su determinate rotte.

Un esempio è l'operazione Romoluk, condotta ad aprile e maggio 2013 per contrastare il contrabbando di sigarette su rotaia e su strada lungo il confine rumeno con la Moldavia e l'Ucraina. L'operazione ha visto la partecipazione delle agenzie di tutti e 3 i paesi coinvolti e ha portato al sequestro di circa 20 milioni di sigarette.

Temi principali

Contrabbando di sigarette

L'evasione delle accise e dei dazi doganali sulle sigarette, che avviene in genere tramite il contrabbando, è una delle principali frodi commesse nell'UE. Nel 2012-14 le operazioni congiunte condotte dall’OLAF insieme alle agenzie nazionali hanno portato al sequestro di:

  • 9 navi contenenti circa 215 milioni di sigarette (elusione dei dazi per un valore di 43 milioni di euro)
  • container contenenti 93 milioni di sigarette (elusione dei dazi per un valore di 15 milioni di euro).
Euro © Carofoto

Attenzione ai falsi.

Contraffazione

La contraffazione dell’euro ha causato danni finanziari per almeno 500 milioni di euro dall’introduzione della moneta unica nel 2002.

L’UE affronta questo problema attraverso:

  • gli strumenti legislativi Deutsch (de) English (en) français (fr) - per coordinare l’azione delle autorità nazionali e assicurare sanzioni adeguate per i contraffattori ai sensi del diritto nazionale
  • il programma Pericle English (en) - finanzia azioni di formazione per le agenzie nazionali, gli istituti bancari e altri soggetti coinvolti nella lotta alla contraffazione dell'euro, sia nell'UE che nei paesi extra-UE
  • il Centro tecnico e scientifico europeo Deutsch (de) English (en) français (fr) - analizza le monete contraffatte (in genere quelle da 2 euro).

Un’azione dell'UE più concertata?

La lotta antifrode nell'UE è ancora ostacolata dall'esistenza di norme e pratiche divergenti nei paesi membri, che si traduce in diversi livelli di protezione dei fondi pubblici .

Per affrontare questi problemi, l'UE sta discutendo una nuova direttiva relativa alla protezione degli interessi finanziari dell’Unione europea mediante il diritto penale , che contribuirebbe ad allineare ulteriormente le definizioni dei reati e delle sanzioni.

La direttiva fornirebbe la base giuridica per il funzionamento della prevista Procura europea, attualmente oggetto di discussione da parte dei governi dell'UE Englishfrançais.

Se istituita, la Procura europea dovrebbe migliorare le indagini e il perseguimento dei reati ai danni del bilancio dell’UE. L'idea è quella di garantire l'applicazione della normativa sull'intero territorio dell'UE, considerando la complessità dei diversi tipi di frode su vasta scala, che spesso coinvolgono più di un paese e quindi diverse giurisdizioni nazionali.

Inizio pagina

La lotta dell’UE alla frode e alla corruzione

Pubblicato a marzo 2014

Questa pubblicazione fa parte della serie "Le politiche dell'UE"


Inizio pagina



PER CONTATTARCI

Richieste d'informazione di carattere generale

Chiama il numero
00 800 6 7 8 9 10 11 Come funziona il servizio telefonico?

Invia le tue domande per e-mail

Contatti e informazioni sulle visite alle istituzioni, contatti con la stampa

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?