Percorso di navigazione

Cultura


L'UE intende conservare il patrimonio culturale comune dell'Europa – le lingue, la letteratura, il teatro, il cinema, la danza, le produzoini radiotelevisive, l'arte, l'architettura e l'artigianato, per citare solo alcuni esempi - e renderlo accessibile agli altri.

Violinista © Rossen Donev - Festival estivo della musica a Varna

Una giovane musicista al festival internazionale della musica di Varna, Bulgaria.

L'UE sostiene il settore culturale e creativo mediante:

  • programmi per sfruttare al meglio le opportunità del mercato dell'UE e le tecnologie digitali
  • finanziamenti
  • progetti di ricerca
  • la cooperazione con partner all'interno e all'esterno dell'UE.

Sono numerose le politiche dell'UE connesse alla cultura: istruzione (compreso l'apprendimento delle lingue), ricerca scientifica, sostegno alle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni, politica sociale e sviluppo regionale.

Nell'ambito della sua politica regionale, ad esempio, l'UE contribuisce al finanziamento di scuole di musica, sale da concerti e studi di registrazione. Ha inoltre partecipato al restauro di teatri storici come il Teatro del Liceu di Barcellona e la Fenice a Venezia, entrambi danneggiati da un incendio negli anni novanta.

Donna che restaura un monumento © Van Parys Media

L'UE contribuisce al restauro del patrimonio culturale europeo.

Il programma Cultura dell'UE

L'attuale programma Cultura dell'UE DeutschEnglishfrançais (2007-2013) ha un bilancio complessivo di 400 milioni di euro da investire in attività culturali nel settore non audiovisivo. Gli obiettivi sono:

  • sensibilizzare e promuovere la conservazione dei beni culturali che rivestono un'importanza non solo per una regione o un paese, ma per tutta l'Europa
  • sostenere gli operatori del settore culturale che desiderano soggiornare e lavorare in altri paesi europei
  • facilitare la libera circolazione delle opere e dei prodotti culturali e artistici nell'UE
  • stimolare il dialogo tra culture diverse.

Il futuro programma Europa creativa DeutschEnglishfrançais (2014-2020) dovrebbe avere un bilancio di oltre 500 milioni di euro e varare un sistema di garanzie dei prestiti con 210 milioni di euro per incoraggiare le banche a concedere prestiti alle piccole imprese attive nel settore culturale.

Capitali europee della cultura

Ogni anno 2 città sono nominate DeutschEnglishfrançais capitali europee della cultura.

Le città prescelte hanno l'opportunità irripetibile di celebrare la loro identità europea, migliorare la cooperazione con gli enti culturali nazionali e stranieri e, più in generale, risvegliare la loro vita culturale.

Eventi di diversa natura hanno luogo in queste città durante l'anno. L'esperienza passata insegna che diventare capitale della cultura significa ricevere uno slancio culturale, sociale ed economico con effetti duraturi.

Inizio pagina

Cultura e settore audiovisivo

Pubblicato a giugno 2013

Questa pubblicazione fa parte della serie "Le politiche dell'UE"


Inizio pagina



PER CONTATTARCI

Richieste d'informazione di carattere generale

Chiama il numero
00 800 6 7 8 9 10 11 Come funziona il servizio telefonico?

Invia le tue domande per e-mail

Contatti e informazioni sulle visite alle istituzioni, contatti con la stampa

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?