Percorso di navigazione

Agricoltura


La politica agricola dell’UE, la politica agricola comune, ha numerosi obiettivi:

  • aiuta gli agricoltori a produrre quantità di cibo sufficienti per l'Europa
  • garantisce che il cibo sia sicuro (ad esempio attraverso la tracciabilità)
  • protegge gli agricoltori da una eccessiva volatilità dei prezzi e dalle crisi di mercato
  • li aiuta a investire nell'ammodernamento delle loro fattorie
  • sostiene comunità rurali vitali con un'economia diversificata
  • crea e conserva posti di lavoro nell'industria alimentare
  • tutela l'ambiente e il benessere degli animali.

Cambiamenti nella politica agricola

Negli ultimi decenni la politica agricola dell’UE è considerevolmente cambiata per aiutare gli agricoltori a far fronte alle nuove sfide e anche in risposta al mutato atteggiamento dell’opinione pubblica. Successive riforme hanno fatto sì che attualmente gli agricoltori fondino le loro scelte produttive sulla domanda di mercato, anziché su decisioni prese a Bruxelles.

Le riforme più recenti, nel 2013, hanno spostato l’attenzione verso:

  • pratiche agricole più verdi
  • la ricerca e la diffusione delle conoscenze
  • un sistema più equo di sostegno agli agricoltori
  • una posizione più forte per gli agricoltori nella filiera alimentare.

Altri aspetti importanti sono:

  • aiutare i consumatori a fare scelte informate in campo alimentare attraverso marchi di qualità volontari dell'UE. Questi marchi, che garantiscono l'origine geografica o l'uso di ingredienti o metodi tradizionali (compresi quelli biologici), contribuiscono anche alla competitività sui mercati mondiali dei prodotti dell'UE
  • promuovere l'innovazione nella produzione e nella lavorazione degli alimenti (attraverso progetti di ricerca dell'UE) per accrescere la produttività e ridurre l'impatto ambientale, ad esempio utilizzando sottoprodotti e prodotti di scarto agricoli per produrre energia
  • favorire relazioni commerciali eque con i paesi in via di sviluppo sospendendo le sovvenzioni alle esportazioni agricole per agevolare la vendita dei prodotti di tali paesi nell'UE.

Sfide future

Occorre raddoppiare la produzione alimentare mondiale entro il 2050 per far fronte alla crescita demografica e alla maggiore domanda di carne da parte dei consumatori il cui tenore di vita è migliorato, tenendo contemporaneamente conto dell'impatto dei cambiamenti climatici (diminuzione della biodiversità, deterioramento della qualità di suolo e acque).

La nostra politica consiste nel fornire consulenza sugli investimenti e le innovazioni agli agricoltori per aiutarli in questo compito.

Finanziamento dell’agricoltura europea

L'agricoltura è un settore in cui la responsabilità è pienamente condivisa da tutti i paesi dell'UE alla quale sono destinati i necessari finanziamenti pubblici. In questo settore, pertanto, la politica e il sostegno finanziario, invece di essere gestiti dai singoli paesi, rientrano nella sfera di responsabilità dell’UE nel suo complesso.

La quota della spesa agricola sul bilancio dell'UE è calata drasticamente dai livelli degli anni settanta, in cui era attorno al 70%, a circa il 38% attuale. Questo dato riflette sia un'espansione delle altre competenze dell'UE, che i risparmi sui costi generati dalle riforme. Dal 2004, ad esempio, l'UE ha accolto 13 nuovi paesi membri senza alcun incremento della spesa agricola.

Inizio pagina

Agricoltura

Redazione aggiornata ad novembre 2014

Questa pubblicazione fa parte della serie "Le politiche dell'UE"


Inizio pagina



Resta collegato

Facebook

  • Commissione europea - AgricolturaEnglish (en)

Inizio pagina

PER CONTATTARCI

Richieste d'informazione di carattere generale

Chiama il numero
00 800 6 7 8 9 10 11 Come funziona il servizio telefonico?

Invia le tue domande per e-mail

Contatti e informazioni sulle visite alle istituzioni, contatti con la stampa

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?