RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Rilevazione statistica dei trasporti di merci e di passeggeri via mare

I paesi dell'Unione europea (UE) compilano statistiche sui trasporti di merci e di passeggeri via mare nei porti situati al loro interno, producendo così dati comparabili e armonizzati a livello comunitario che facilitano il lavoro della Commissione nel quadro della politica comune dei trasporti marittimi.

ATTO

Direttiva 2009/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, concernente la rilevazione statistica dei trasporti di merci e di passeggeri via mare [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

I paesi dell'Unione europea (UE) raccolgono statistiche comunitarie sui trasporti di merci e di passeggeri effettuati da navi che fanno scalo nei porti situati sul loro territorio. Tali dati statistici si riferiscono alle informazioni sulle merci e sui passeggeri, e alle informazioni sulla nave. Gli allegati della presente direttiva specificano le caratteristiche della raccolta di dati, comprese le variabili statistiche e le definizioni, la classificazione del tipo di carico, la nazionalità, il tipo e le dimensioni delle navi.

La Commissione è responsabile della redazione di un elenco di tutti i porti dell'UE. Ogni paese dell'UE seleziona dall’elenco i porti che trattano annualmente più di un milione di tonnellate di merci o che registrano più di 200 000 movimenti di passeggeri. Per questi porti selezionati dovranno essere forniti dati più dettagliati.

Una volta raccolte le statistiche, i paesi dell'UE trasmettono i risultati della raccolta di dati alla Commissione (Eurostat (DE) (EN) (FR)) entro un termine di cinque mesi a decorrere dalla fine del periodo di osservazione per i dati la cui frequenza è trimestrale e di otto mesi per i dati la cui frequenza è annuale. I paesi dell'Unione europea comunicano a Eurostat i metodi utilizzati per la produzione dei dati, nonché qualsiasi modifica sostanziale apportata ai metodi utilizzati. Eurostat dovrà poi pubblicare le statistiche appropriate raccolte.

La Commissione raccoglie i dati con l'aiuto del comitato del sistema statistico europeo.

La presente direttiva abroga la direttiva 95/64/CE.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo di recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 2009/42/CE

26.6.2009

-

GU L 141 del 6.6.2009

Atto/i modificatore/iEntrata in vigoreTermine ultimo di recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (UE) n. 1090/2010

1.1.2011

-

GU L 325 del 9.12.2010

Le modifiche e correzioni successive alla direttiva 2009/42/CE sono state integrate al testo di base. La presente versione consolidata ha unicamente valore documentale.

Ultima modifica: 09.03.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina