RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


La politica europea per il trasporto marittimo fino al 2018

La presente comunicazione definisce i principali obiettivi strategici della politica europea per il trasporto marittimo fino al 2018 e raccomanda alcune azioni che permetteranno di rafforzare la competitività e la sostenibilità in questo settore.

ATTO

Comunicazione della Commissione - Obiettivi strategici e raccomandazioni per la politica UE dei trasporti marittimi fino al 2018 [COM(2009) 008 def.].

SINTESI

L'80% degli scambi commerciali mondiali avviene per mare mentre, all'interno dell'Europa, il trasporto marittimo a corto raggio rappresenta il 40% del trasporto merci. Ogni anno, oltre 400 milioni di passeggeri transitano nei porti europei.

I trasporti marittimi europei nei mercati globalizzati

Le navi che battono bandiera europea continuano a subire una forte concorrenza da parte delle flotte di paesi terzi, favorite da norme meno rigorose, manodopera a minor costo o dal sostegno dei loro governi. Questi fattori di squilibrio, che vanno ad aggiungersi a quelli generati dall'attuale crisi economica, potrebbero indurre a rilocalizzare le attività di trasporto marittimo dall’Europa verso paesi terzi.

L'intervento dell'Unione europea (UE) dovrebbe contribuire a:

  • sostenere lo sviluppo di un quadro competitivo stabile che consentirà di adottare misure positive a sostegno di una maggiore compatibilità ambientale e dell'innovazione del trasporto marittimo;
  • una maggiore equità delle norme in materia di concorrenza e delle condizioni per gli scambi marittimi a livello internazionale;
  • l'allineamento, a livello mondiale, delle norme sostanziali in materia di concorrenza.

Risorse umane, competenze e know-how marittimo

Per porre rimedio alla carenza sempre più acuta di professionisti del settore marittimo e migliorare l'immagine del settore, l'UE deve valorizzare le carriere e le competenze marittime. È necessario che gli istituti di formazione marittima collaborino più strettamente. Occorre inoltre favorire la mobilità della manodopera e quella degli ufficiali durante la loro formazione. L’UE deve anche lavorare allo sviluppo di migliori condizioni di lavoro sulle navi, esigendo il rispetto della convenzione sul lavoro marittimo dell'OIL (Organizzazione internazionale del lavoro) (EN).

Navigazione di qualità

Un trasporto marittimo a zero rifiuti e zero emissioni costituisce una priorità per l'UE. A tal fine l'UE deve proseguire i suoi sforzi privilegiando i seguenti settori di intervento:

  • la riduzione delle emissioni di gas serra prodotte dalla navigazione internazionale;
  • il miglioramento della qualità ambientale delle acque marine;
  • la gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e la demolizione delle navi;
  • la riduzione delle emissioni di ossidi di zolfo e di ossidi di azoto prodotte dalle navi;
  • la promozione di un trasporto marittimo più ecologico.

L'UE dispone di un quadro normativo estremamente elaborato. Tuttavia gli Stati membri devono lavorare allo sviluppo di un trasporto marittimo sempre più sicuro. Il mandato e il funzionamento dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima vanno riesaminati per migliorare l’assistenza che questa offre. L'UE e gli Stati membri devono controllare il rispetto delle norme europee ed internazionali. L’UE deve collaborare più strettamente con i suoi partner dell’IMO (Organizzazione marittima internazionale) (EN) e contribuire ad una cultura condivisa della sicurezza marittima con i paesi vicini, ad esempio nel caso delle ispezioni degli Stati di approdo.

L'UE e i suoi Stati membri devono proseguire l'attuazione di un quadro completo di misure in materia di protezione. Le azioni dell'UE e dei suoi Stati membri dovrebbero condurre a:

  • proteggere le zone di navigazione;
  • proteggere gli equipaggi e i passeggeri;
  • applicare norme commisurate a livello internazionale;
  • promuovere una cultura della protezione all'interno del trasporto marittimo internazionale.

L'UE deve migliorare la sorveglianza delle navi che circolano nelle sue acque o in prossimità di queste, mirando il suo intervento su:

  • l'attuazione di un sistema integrato di gestione delle informazioni conformemente all'iniziativa «e-maritime»;
  • la creazione di un sistema di sorveglianza transfrontaliera e transettoriale dell'UE.

Sfruttare tutte le potenzialità della navigazione a corto raggio

Il traffico marittimo all'interno dell'Europa è destinato a crescere da qui al 2018. Si dovranno creare nuove infrastrutture e rafforzare quelle esistenti. L'intervento dell'UE deve focalizzarsi su:

  • la creazione di uno «spazio europeo di trasporto marittimo senza barriere»;
  • la politica portuale enunciata dalla Commissione nella sua comunicazione 2007/616/CE;
  • il rispetto delle norme ambientali nello sviluppo dei porti;
  • le reti transeuropee di trasporto;
  • il rafforzamento dell'attrattività del trasporto marittimo a corto raggio.

L'Europa come leader mondiale nella ricerca e nell'innovazione nel settore marittimo

L'impegno dell'UE in materia di ricerca e sviluppo dovrebbe sostenere il trasporto marittimo per quanto riguarda:

  • la progettazione di nuovi modelli di navi e attrezzature per migliorare le prestazioni ambientali e di sicurezza;
  • tecnologie che garantiscono la massima efficienza della catena dei trasporti;
  • strumenti di ispezione e di controllo nonché sistemi avanzati di telecomunicazione.

Contesto

La presente comunicazione si inserisce nel contesto di una strategia comunitaria più vasta relativa ai trasporti, l'energia e la tutela ambientale.

Ultima modifica: 18.09.2009
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina