RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Sicurezza stradale: attrezzature a pressione trasportabili

La presente direttiva stabilisce norme dettagliate riguardanti le attrezzature a pressione trasportabili per rafforzare la sicurezza e garantire la libera circolazione di tali attrezzature nell’Unione europea (UE). Aggiorna inoltre la legislazione precedente, in particolare per quanto riguarda i requisiti di conformità, le valutazioni di conformità e le procedure di conformità in relazione alle attrezzature a pressione trasportabili.

ATTO

Direttiva 2010/35/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 giugno 2010, in materia di attrezzature a pressione trasportabili e che abroga le direttive del Consiglio 76/767/CEE, 84/525/CEE, 84/526/CEE, 84/527/CEE e 1999/36/CE.

SINTESI

La presente direttiva aggiorna alcune disposizioni tecniche della direttiva 1999/36/CE onde evitare contraddizioni tra le norme. Stabilisce norme dettagliate riguardanti le attrezzature a pressione trasportabili *per rafforzare la sicurezza e garantire la libera circolazione di tali attrezzature nell’Unione europea (UE).

La presente direttiva si applica:

  • alle nuove attrezzature a pressione trasportabili di nuova fabbricazione che non recano i marchi di conformità di cui alle direttive 84/525/CEE, 84/526/CEE, 84/527/CEE o 1999/36/CE, per quanto riguarda la messa a disposizione sul mercato di tali attrezzature;
  • alle attrezzature a pressione trasportabili che recano i marchi di conformità di cui alle suddette direttive, per quanto riguarda le ispezioni periodiche, le ispezioni intermedie, le verifiche straordinarie e l’uso di tali attrezzature;
  • alle attrezzature a pressione trasportabili che non recano i marchi di conformità di cui alla direttiva 1999/36/CE, per quanto riguarda la rivalutazione della conformità.

La presente direttiva non si applica:

  • alle attrezzature a pressione trasportabili immesse sul mercato anteriormente alla data di attuazione della direttiva 1999/36/CE che non sono state sottoposte a una rivalutazione della conformità;
  • alle attrezzature a pressione trasportabili utilizzate esclusivamente per operazioni di trasporto di merci pericolose tra Stati membri e paesi terzi, effettuate a norma della direttiva 2008/68/CE.

Obblighi degli operatori economici *

I fabbricanti devono garantire che, all’atto dell’immissione delle loro attrezzature a pressione trasportabili sul mercato, esse siano state progettate, fabbricate e corredate di documentazione conformemente ai requisiti stabiliti nella direttiva 2008/68/CE e nella presente direttiva. Qualora tale conformità sia stata dimostrata dalla procedura di valutazione della conformità, i fabbricanti devono apporre il marchio Pi * all’attrezzatura. Tale marchio Pi deve essere apposto solo dal fabbricante oppure - nei casi di rivalutazione della conformità - dall’organismo notificato o sotto la sua vigilanza.

Se i fabbricanti ritengono di aver immesso sul mercato attrezzature a pressione trasportabili non conformi ai requisiti, devono adottare immediatamente le misure correttive necessarie per rendere conformi tali attrezzature, per ritirarle o richiamarle, a seconda dei casi. I fabbricanti, a seguito di una richiesta motivata dell’autorità nazionale competente, forniscono a quest’ultima tutte le informazioni e la documentazione necessarie per dimostrare la conformità delle attrezzature a pressione trasportabili, in una lingua che possa essere facilmente compresa da tale autorità.

I fabbricanti possono nominare, mediante mandato scritto, un rappresentante autorizzato. Il mandato deve specificare i compiti del rappresentante autorizzato e consente a quest’ultimo di eseguire almeno i seguenti compiti:

  • mantenere a disposizione delle autorità nazionali di vigilanza la documentazione tecnica;
  • fornire all’autorità nazionale competente, a seguito di una sua richiesta, tutte le informazioni e la documentazione necessarie a dimostrare la conformità delle attrezzature a pressione trasportabili;
  • cooperare con le autorità nazionali competenti a qualsiasi azione intrapresa per eliminare i rischi presentati dalle attrezzature a pressione trasportabili che rientrano nel mandato.

Gli importatori e i distributori possono immettere sul mercato dell’UE solo attrezzature a pressione trasportabili conformi alla direttiva 2008/68/CE e alla presente direttiva. Essi devono assicurare che il marchio Pi sia apposto sulle attrezzature e che tali attrezzature siano accompagnate dal certificato di conformità. Se l’importatore o il distributore ritiene che le attrezzature non siano conformi, non deve immettere tali attrezzature sul mercato.

Gli importatori, i distributori e i proprietari devono:

  • informare il fabbricante e l’autorità competente di qualsiasi rischio presentato dall’attrezzatura. In alternativa e se del caso, il distributore può informare l’importatore e il proprietario può informare il distributore o l’importatore di tale rischio;
  • documentare tutti i casi di non conformità e le misure correttive;
  • garantire che quando l’attrezzatura a pressione trasportabile è sotto la loro responsabilità, le condizioni di immagazzinamento o di trasporto non mettano a rischio la sua conformità.

Le disposizioni di cui sopra non si applicano ai privati che intendono utilizzare l’attrezzatura per proprio uso personale, per proprie attività del tempo libero o sportive.

Conformità delle attrezzature a pressione trasportabili

Le attrezzature a pressione trasportabili devono soddisfare i requisiti pertinenti relativi alla valutazione della conformità, alle ispezioni periodiche, alle ispezioni intermedie e alle verifiche straordinarie, nonché le specificazioni della documentazione in base alla quale sono state fabbricate.

Libera circolazione delle attrezzature a pressione trasportabili

Nessun paese dell'UE può vietare, limitare od ostacolare nel proprio territorio la libera circolazione, la messa a disposizione sul mercato e l'uso di attrezzature a pressione trasportabili conformi alla presente direttiva.

Termini chiave dell’atto
  • Attrezzature a pressione trasportabili:
    • tutti i recipienti a pressione, i loro rubinetti e altri accessori, se presenti;
    • le cisterne, i veicoli/vagoni batteria, i contenitori per gas a elementi multipli (MEGC), i loro rubinetti e altri accessori, se presenti;
    • sono incluse le cartucce di gas, ma sono esclusi i diffusori di aerosol, i recipienti criogenici aperti, le bombole per gas per apparecchi di respirazione e gli estintori;
  • operatore economico: il fabbricante, il rappresentante autorizzato, l’importatore, il distributore, il proprietario o l’operatore che intervengono nel corso di un’attività commerciale o di servizio pubblico, a titolo oneroso o gratuito;
  • marchio Pi: un marchio che indica che le attrezzature a pressione trasportabili sono conformi ai requisiti applicabili in materia di valutazione della conformità stabiliti nella direttiva 2008/68/CE e nella presente direttiva.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 2010/35/UE

20.7.2010

30.6.2011

GU L 165 del 30.6.2010

Ultima modifica: 24.09.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina