RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Controllo dei trasporti su strada di merci pericolose

Obiettivo della presente direttiva è far sì che i paesi dell’Unione europea (UE) si accertino che una proporzione rappresentativa dei trasporti su strada di merci pericolose sia sottoposta a controlli per verificare la conformità dei medesimi alla legislazione in materia di trasporto su strada di merci pericolose.

ATTO

Direttiva 95/50/CE del Consiglio, del 6 ottobre 1995, sull’adozione di procedure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

La presente direttiva si applica ai controlli che gli Stati membri dell’Unione europea (UE) esercitano sui trasporti su strada di merci pericolose effettuati per mezzo di veicoli che circolano nel loro territorio o che vi entrano in provenienza da un paese terzo. Essa non si applica ai trasporti di merci pericolose effettuati da veicoli che si trovano sotto la responsabilità delle forze armate.

Tali controlli vengono effettuati nel territorio di un paese dell’UE, purché essi non siano eseguiti come controlli di frontiera alle frontiere interne dell’UE, ma come parte di normali controlli non discriminatori.

Questi controlli devono riguardare almeno gli elementi inclusi nella lista dell’allegato I alla direttiva, devono essere eseguiti in luoghi diversi, in qualsiasi ora del giorno, e coprire una parte sufficientemente ampia della rete stradale in modo da rendere i punti di controllo difficili da evitare.

I trasporti oggetto di infrazioni possono essere immobilizzati ed obbligati a mettersi in regola prima di proseguire il viaggio, oppure possono costituire oggetto di altre misure adeguate alle circostanze o agli imperativi della sicurezza, compreso, se del caso, il rifiuto di far entrare tali veicoli nell’UE.

Si possono eseguire controlli anche nei locali delle imprese.

I paesi dell’UE si promettono reciproca assistenza per la proficua applicazione della presente direttiva (segnalazione di infrazioni al paese in cui è immatricolato il veicolo, cooperazione tra i paesi dell’UE nello scambio di informazioni, ecc.).

Ogni paese dell’UE deve trasmettere alla Commissione una relazione sull’applicazione della presente direttiva per ogni anno solare, che includa le indicazioni elencate nella direttiva, quali il numero di controlli effettuati, il numero di veicoli controllati secondo l’immatricolazione e il numero e il tipo di infrazione constatati.

Per la prima volta nel 1999 e successivamente almeno ogni tre anni, la Commissione trasmette al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sull’applicazione della presente direttiva da parte dei paesi dell’UE.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 95/50/CE

17.10.1995

31.12.1996

GU L 249 del 17.10.1995

Atto(i) modificatore(i)Entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 2001/26/CE

23.6.2001

23.12.2001

GU L 168 del 23.6.2001

Direttiva 2004/112/CE

3.1.2005

14.12.2005

GU L 367 del 14.12.2004

Direttiva 2008/54/CE

11.7.2008

-

GU L 162 del 21.6.2008

Le successive modifiche e correzioni alla direttiva 95/50/CE sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 7 luglio 2010, sull’applicazione da parte degli Stati membri della direttiva 95/50/CE del Consiglio sull’adozione di procedure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose [COM (2010) 364 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La presente relazione copre il periodo 2006-2007 e conclude che tutti i paesi dell’UE hanno eseguito i controlli su strada in conformità della direttiva 95/50/CE. La Commissione ha constatato un miglioramento significativo nel volume e nella qualità dei dati trasmessi. Nell’ambito dei controlli segnalati continua ad esserci una percentuale di veicoli che infrangono la legislazione dell'UE. Il numero dei controlli nell'UE è aumentato raggiungendo circa 285 000 controlli annui nel 2007. Il numero di infrazioni accertate per controllo sembra stabile con un’infrazione accertata in circa un controllo su otto. Il fatto che quasi 10 000 veicoli siano stati immobilizzati in seguito a un controllo, a causa di una grave infrazione, dimostra che i controlli stradali di applicazione delle regole sul trasporto di merci pericolose sono utili e contribuiscono al miglioramento della sicurezza.

Direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 settembre 2008, relativa al trasporto interno di merci pericolose [Gazzetta ufficiale L 260 del 30.9.2008].

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 13 dicembre 2007, sull’applicazione da parte degli Stati membri della direttiva 95/50/CE del Consiglio sull’adozione di procedure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose [COM (2007) 795 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sull’applicazione da parte degli Stati membri della direttiva 95/50/CE del Consiglio sull’adozione di procedure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose [COM (2005) 430 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Direttiva 2004/112/CE della Commissione, del 13 dicembre 2004, che adegua al progresso tecnico la direttiva 95/50/CE del Consiglio sull’adozione di procedure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose [Gazzetta ufficiale L 367 del 14.12.2004].

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 6 settembre 2000, sull’applicazione da parte degli Stati membri della direttiva 95/50/CE del Consiglio sull’adozione di procedure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose [COM (2000) 517 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 18.01.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina