RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Accisa sul tabacco lavorato

La presente direttiva differenzia tra loro vari tipi di tabacchi lavorati e mira ad armonizzare la struttura e le aliquote dell'accisa applicata all'interno dell'Unione europea (UE) a tali prodotti.

ATTO

Direttiva 2011/64/UE del Consiglio, del 21 giugno 2011, relativa alla struttura e alle aliquote dell'accisa applicata al tabacco lavorato.

SINTESI

La presente direttiva stabilisce i principi generali per l'armonizzazione della struttura e delle aliquote dell'accisa che i paesi dell'Unione europea (UE) applicano al tabacco lavorato.

Ai fini della presente direttiva, per tabacco lavorato si intende:

  • le sigarette;
  • i sigari e i sigaretti;
  • il tabacco da fumo, compreso il tabacco trinciato a taglio fino da usarsi per arrotondare le sigarette e gli altri tabacchi da fumo.

Disposizioni sulle sigarette

Le sigarette prodotte nell'UE e quelle importate da paesi terzi sono soggette, in ciascuno degli Stati membri, a un’accisa ad valorem calcolata sul prezzo massimo di vendita al minuto, compresi i dazi doganali, nonché a un’accisa specifica calcolata per unità di prodotto. I paesi dell'UE possono tuttavia escludere i dazi doganali dalla base di calcolo dell’accisa ad valorem riscossa sulle sigarette.

L’aliquota dell’accisa ad valorem e l’importo dell’accisa specifica devono essere identici per tutte le sigarette.

La percentuale dell'elemento specifico dell'accisa nell'importo dell'onere fiscale totale sulle sigarette è fissata in base al prezzo medio ponderato di vendita al minuto. Il prezzo medio ponderato di vendita al minuto è calcolato in base al valore totale delle sigarette immesse in consumo, basato sul prezzo di vendita al minuto comprensivo di tutte le imposte, diviso per la quantità totale di sigarette immesse in consumo. Il prezzo medio ponderato di vendita al minuto deve essere determinato entro il 1° marzo di ogni anno sulla base dei dati relativi alle immissioni in consumo dell'anno precedente.

L'elemento specifico dell'accisa non deve essere inferiore al 5 % e non deve essere superiore al 76,5 % dell'importo dell'onere fiscale totale derivante dall'aggregazione dell'accisa specifica, dell'accisa ad valorem e dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) applicate al prezzo medio ponderato di vendita al minuto. Dal 1° gennaio 2014, l'elemento specifico deve essere compreso tra il 7,5 % e il 76,5 %. In caso di variazione del prezzo medio ponderato di vendita al minuto delle sigarette in un paese dell'UE che porti l'elemento specifico dell'accisa a un livello inferiore al 5 % o al 7,5 %, secondo il caso, o superiore al 76,5 % dell'onere fiscale totale, il paese dell'UE di cui trattasi può omettere di adeguare l'importo dell'accisa specifica fino al 1° gennaio del secondo anno successivo all'anno della variazione.

Gli Stati dell'UE possono imporre un'accisa minima sulle sigarette.

Gli Stati dell'UE devono applicare alle sigarette imposte di consumo minime. Questa imposta include un'accisa specifica per unità di prodotto, un'accisa ad valorem sulla base del prezzo massimo di vendita al minuto e un'IVA proporzionale al prezzo di vendita al minuto.

L’accisa minima globale sulle sigarette è un'imposta specifica e ad valorem, IVA esclusa, e rappresenta almeno il 57 % del prezzo medio ponderato di vendita al minuto di tutte le sigarette immesse in consumo. Tale accisa non può essere inferiore a 64 EUR per 1000 sigarette indipendentemente dal prezzo medio ponderato di vendita al minuto. I paesi dell'UE che impongono un’accisa di almeno 101 EUR per 1000 sigarette sulla base del prezzo medio ponderato di vendita al minuto non sono tenuti a rispettare la regola del 57 %.

Se un paese dell'UE aumenta l’aliquota dell’IVA applicabile alle sigarette, esso può ridurre l’accisa globale fino a un livello, espresso in percentuale del prezzo medio ponderato di vendita al minuto, equivalente all'incidenza dell'aumento dell'aliquota IVA.

Disposizioni sui tabacchi lavorati a eccezione delle sigarette

I paesi dell'UE devono applicare un'accisa ai tabacchi lavorati diversi dalle sigarette, che può essere:

  • un'imposta ad valorem calcolata sulla base del prezzo massimo di vendita al minuto di ciascun prodotto;
  • un'imposta specifica espressa in un importo per chilogrammo o per 1000 pezzi;
  • un'imposta mista contenente un elemento ad valorem e un elemento specifico.

L'accisa globale deve essere almeno pari alle aliquote o agli importi minimi fissati per:

  • sigari e i sigaretti: al 5 % del prezzo di vendita al minuto,imposte comprese, o a 12 EUR per 1000 pezzi o per chilogrammo;
  • tabacchi da fumo trinciati a taglio fino da usarsi per arrotolare le sigarette: al 40 % del prezzo medio ponderato di vendita al minuto o a 40 EUR per chilogrammo;
  • altri tabacchi da fumo: al 20 % del prezzo di vendita al minuto, imposte comprese, o a 22 EUR per chilogrammo;

Prezzo massimo di vendita al minuto

I produttori, i loro rappresentanti o mandatari nell'UE, nonché gli importatori di tabacco da paesi terzi hanno il diritto di stabilire il prezzo massimo di vendita al minuto di ciascuno dei loro prodotti per ciascun paese dell'UE in cui sono destinati a essere immessi al consumo. Tale disposizione non pregiudica tuttavia l'applicazione della normativa nazionale sul controllo dei prezzi o il rispetto dei prezzi imposti, a condizione che siano compatibili con la normativa dell'UE.

La presente direttiva abroga le direttive 92/79/CEE, 92/80/CEE e 95/59/CE.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 2011/64/UE

1.1.2011

-

GU L 176, 5.7.2011

Ultima modifica: 10.10.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina