RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


ENIAC

L'innovazione tecnologica è essenziale per la crescita e l'occupazione ed è fonte di competitività. Per stimolare gli investimenti in settori tecnologici essenziali in un contesto di coordinamento, è stato lanciato un partenariato pubblico-privato nel settore delle nanotecnologie, che ha assunto la forma di un'iniziativa tecnologica congiunta attuata attraverso l'impresa comune ENIAC.

ATTO

Regolamento (CE) n. 72/2008 del Consiglio, del 20 dicembre 2007, relativo alla costituzione dell'impresa comune ENIAC.

SINTESI

L'impresa comune ENIAC (EN) attua l'iniziativa tecnologica congiunta (ITC) sulla nanoelettronica al fine di sviluppare le tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Questo partenariato pubblico-privato mira a sostenere gli investimenti in questo settore che è fonte di innovazione e di competitività. L'iniziativa tecnologica congiunta sulla nanoelettronica si inserisce anche nel quadro dello Spazio europeo della ricerca (SER) e contribuisce alla ricerca e allo sviluppo (R&S).

Con sede a Bruxelles, l'impresa comune è un organismo comunitario dotato di personalità giuridica. Essa è stata istituita per il periodo fino al 31 dicembre 2017. I membri fondatori dell'impresa comune sono la Comunità, il Belgio, la Germania, l'Estonia, l'Irlanda, la Grecia, la Spagna, la Francia, l'Italia, i Paesi Bassi, la Polonia, il Portogallo, la Svizzera, il Regno Unito e l'associazione AENEAS, che rappresenta le imprese e le altre organizzazioni di R&S operanti nel settore della nanoelettronica. L'impresa comune ENIAS è aperta all'adesione di nuovi membri. Finora all'elenco dei membri si sono aggiunti l'Austria, la Repubblica ceca e la Norvegia.

Obiettivi

L'impresa comune ENIAC contribuisce all'attuazione del Settimo programma quadro per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione nel settore della nanoelettronica. Essa si prefigge in particolare di favorire lo sviluppo delle competenze essenziali tramite un programma di ricerca e di sostenerne le attività. Essa mira inoltre a rafforzare la competitività europea e a permettere l'emergere di nuovi mercati e di nuove applicazioni sociali. Essa promuove anche la partecipazione delle piccole e medie imprese (PMI).

Inoltre, l'impresa comune mira a promuovere la collaborazione e il coordinamento degli sforzi comunitari e nazionali, pubblici e privati, per sostenere la R&S e gli investimenti: la concentrazione degli sforzi consente in particolare di assicurare un migliore sfruttamento dei risultati.

Funzionamento

Gli organi dell'impresa comune sono:

  • il consiglio di direzione: composto da rappresentanti dei membri dell'impresa comune ENIAC e dal presidente del comitato dell'industria e della ricerca. Esso assume la responsabilità generale del funzionamento dell'impresa e sorveglia lo svolgimento delle sue attività;
  • il direttore esecutivo: nominato dal consiglio di direzione per un periodo di tre anni, è il responsabile principale della gestione quotidiana dell'impresa comune e il suo rappresentante legale;
  • il comitato delle autorità pubbliche: composto dalle autorità pubbliche dell'impresa comune che nominano i rispettivi rappresentanti e il rispettivo capo delegazione. Esso ha il compito, tra l'altro, di approvare il contenuto e la pubblicazione degli inviti a presentare proposte e di decidere sulla selezione e sul finanziamento delle proposte di progetti selezionate;
  • il comitato delle imprese e della ricerca: composto al massimo da venticinque membri, nominati dall'associazione AENEAS. Esso elabora in particolare il progetto di piano strategico pluriennale e presenta proposte sulla strategia dell'impresa comune.

Le risorse dell'ENIAC sono costituite dai contributi dei membri e della Comunità nonché dalle entrate generate dall'ENIAC stessa. Ogni soggetto giuridico non membro può apportare un contributo in natura o in contanti alle risorse dell'ENIAC.

I costi dell'ENIAC consistono in:

  • costi di funzionamento, sostenuti dai suoi membri: l'AENEAS apporta anch'essa un contributo pari al massimo a 20 milioni di euro o all'1 % dell'importo del costo totale di tutti i progetti. Il contributo della Comunità non supera l'importo di 10 milioni di euro. Gli Stati membri dell'ENIAC apportano contributi in natura;
  • attività di R&S: la Comunità apporta un contributo massimo di 440 milioni di euro. I contributi finanziari degli Stati membri dell'ENIAC, equivalenti ad almeno 1,8 volte il contributo della Comunità, non transitano attraverso l'impresa comune ma sono versati direttamente alle organizzazioni di ricerca e di sviluppo che partecipano ai progetti. Inoltre, le stesse organizzazioni apportano contributi in natura il cui valore corrisponde almeno alla metà del costo totale delle attività di R&S.

Le attività di R&S sono realizzate mediante progetti avviati a seguito di inviti a presentare proposte concorrenziali. I progetti sono finanziati con i contributi finanziari della Comunità e degli Stati membri partecipanti e con i contributi in natura delle organizzazioni di ricerca e sviluppo partecipanti ai progetti dell'impresa comune.

In quanto iniziativa comunitaria, all'impresa comune e al suo personale si applica la legislazione comunitaria. In particolare la Corte di giustizia delle Comunità europee è competente a decidere sulle controversie tra i membri e sui ricorsi presentati contro l'impresa comune ENIAC. La Commissione e la Corte dei conti effettuano i controlli presso i beneficiari dei finanziamenti dell'impresa comune.

Contesto

Il programma di Lisbona per la crescita e l'occupazione ha messo l'accento sugli investimenti nei settori della conoscenza e dell'innovazione. A questo scopo, nel quadro del Settimo programma quadro per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione vengono avviate iniziative tecnologiche congiunte, ossia partenariati pubblico-privato attuati tramite imprese comuni. Le iniziative tecnologiche congiunte sono il risultato del lavoro delle piattaforme tecnologiche europee realizzate nel quadro del Sesto programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico.

Oltre all'iniziativa "ENIAC", sono previste altre cinque iniziative tecnologiche congiunte nel settore dei sistemi informatici incorporati (ARTEMIS) (EN), dei medicinali innovativi (IMI) (EN), dell'aeronautica e del trasporto aereo (CLEAN SKY) (EN), dell'idrogeno e delle celle a combustibile (FUEL CELL) (EN) e del monitoraggio globale per l'ambiente e la sicurezza (GMES).

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 72/20087.2.2008-GU L 30 del 4.2.2008
Ultima modifica: 11.04.2008

Vedi anche

  • Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Web della direzione generale della Società dell'informazione e i media della Commissione europea dedicato alla ricerca e all'innovazione.
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina