RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Sesto programma quadro (2000-2006): nanotecnologie e nanoscienze

Archivi

Questo programma specifico si prefigge di aiutare l'Europa a dotarsi delle capacità necessarie per sviluppare e applicare le nanotecnologie e le nanoscienze al fine di sviluppare materiali, dispositivi o sistemi nuovi, al fine di controllare la materia su scala atomica.

ATTO

Decisione 2002/835/CE del Consiglio, del 30 settembre 2002, che adotta un programma specifico di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione: "Integrare e rafforzare lo Spazio europeo della ricerca" (2002-2006) [Gazzetta ufficiale L 294 del 29.10.2002].

SINTESI

Con le nanotecnologie gli atomi o le molecole vengono manipolati per produrre materiali, apparecchi e nuove tecnologie. L'obiettivo è costruire su nanoscala, atomo per atomo e molecola per molecola, nuovi dispositivi dotati di proprietà straordinarie. Il principio alla base delle nanotecnologie è semplice: invece di ridurre la materia fino a ottenere la componente più piccola, quest'ultima viene estratta dalla materia.

Fin da sempre si estraggono dalla terra materiali che poi sono modificati, riscaldati, sottoposti a pressioni, assemblati, ecc. Oggi la produzione si basa su questo principio, i cui procedimenti richiedono l'uso di notevoli quantità di energia e generano anche molti rifiuti.

Le nanotecnologie usano invece direttamente i singoli atomi e, manipolandoli e ricorrendo a procedimenti di assemblaggio, formano gruppi di atomi per costruire nanomateriali o nanomacchine.

Le nanotecnologie (il termine "nano" deriva dal greco "nannos", che significa "molto piccolo") richiedono enormi sforzi a livello di ricerca fondamentale e applicata in settori multidisciplinari comprendenti varie specialità: genomica e biotecnologie, sviluppo sostenibile, sicurezza alimentare, aeronautica, salute ecc.

Le nanotecnologie non solo sono di importanza fondamentale per la tecnologia e l'industria, in quanto promuovono la competitività economica, ma rappresentano anche un'immensa sfida intellettuale, culturale ed educativa.

Le nanotecnologie comprendono tre settori di ricerca principali:

  • la nanoelettronica: riguarda i computer ed è destinata a creare macchine più potenti con prestazioni più elevate, adatte alla vita domestica e industriale;
  • la nanobiotecnologia: è usata nel settore medico e sanitario per produrre biosensori, biomateriali e altre macchine per il trattamento del cancro e delle malattie cardiovascolari;
  • i nanomateriali: per produrre materiali solari, ottici, ecc.

Il bilancio del 6° programma quadro destinato a questa priorità è di 1 300 milioni di euro. Le relative azioni si concentrano su tre grandi settori:

A) Nanotecnologie e nanoscienze

Le nanotecnologie e le nanoscienze rappresentano un nuovo approccio per la scienza e l'ingegneria dei materiali. Il mercato mondiale delle nanotecnologie dispone di un potenziale notevole e l'Unione europea (UE) non deve perdere il vantaggio competitivo per l'industria europea. L'obiettivo è promuovere un'industria europea basata sulle nanotecnologie e favorirne lo sviluppo nei settori già esistenti:

  • ricerche interdisciplinari a lungo termine: controllo del processo e sviluppo di strumenti di ricerca;
  • architetture supramolecolari e macromolecolari;
  • tecniche di ingegneria su scala nanometrica per lo sviluppo di materiali;
  • sviluppo di dispositivi e strumenti di manipolazione e controllo;
  • applicazioni in settori quali la sanità, la chimica, l'energia e l'ambiente.

B) Materiali multifunzionali basati sulla conoscenza

I nuovi materiali che offrono nuove funzionalità e prestazioni migliori promuoveranno l'innovazione industriale in settori quali i trasporti, l'energia, la medicina, l'elettronica o l'edilizia.

  • Sviluppo delle conoscenze fondamentali;
  • tecnologie associate alla produzione e alla trasformazione di materiali multifunzionali;
  • ingegneria di supporto.

C) Nuovi processi e mezzi di produzione

L'obiettivo è sviluppare sistemi industriali basati sul concetto di ciclo di vita dei prodotti ("dalla culla alla tomba"), della produzione, dell'uso e del recupero efficace dei prodotti, e attuare modelli migliori di organizzazione e gestione.

  • Processi e sistemi di produzione flessibili e intelligenti che integrino i progressi compiuti nella produzione virtuale, l'ingegneria di alta precisione ecc.
  • Ricerche sistematiche per la gestione sostenibile dei rifiuti, la diminuzione del consumo dei prodotti di base, la riduzione dell'inquinamento ecc.
  • Ottimizzazione del ciclo di vita dei sistemi, prodotti e servizi industriali per ridurre le sostanze pericolose per l'ambiente.

RIFERIMENTI

AttoData
di entrata in vigore
Data limite di trasposizione negli Stati membri
Decisione 1513/2002/CEData di applicazione: 1.1.2003
Data di scadenza: 31.12.2006
-

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione "Verso una strategia europea a favore della nanotecnologia" [COM(2004) 338 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 04.01.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina