RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Sesta relazione intermedia sulla coesione economica e sociale

La prima parte della relazione è dedicata alla creatività e all'innovazione nelle regioni europee. La Commissione traccia un primo bilancio e definisce i progressi da realizzare. La seconda parte della relazione riguarda i risultati della consultazione pubblica sulla coesione territoriale avviata nel 2008.

ATTO

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio - Sesta relazione intermedia sulla coesione economica e sociale [COM(2009) 295 – Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La sesta relazione sulla coesione economica e sociale è incentrata su due elementi:

  • la creatività, ossia la generazione di idee nuove e utili;
  • l’innovazione, ossia l'applicazione nella pratica di tali idee.

Inoltre, la creatività e l'innovazione sono essenziali per rafforzare la competitività dell'economia europea a lungo termine. Sono quindi stati assegnati 85 miliardi di euro all'innovazione per il periodo 2007-2013.

La Commissione individua i principali obiettivi da raggiungere e trae il bilancio per quanto riguarda la creatività e l'innovazione delle regioni europee.

La relazione è altresì dedicata ai risultati della consultazione pubblica avviata nell'ottobre 2008 sulla coesione territoriale.

Creatività

La Commissione sottolinea la necessità per le regioni di sviluppare i talenti locali, soprattutto migliorando il livello di istruzione e formazione. Le regioni possono anche aumentare la loro quota di creatività attirando talenti stranieri. Esse devono quindi creare un ambiente più favorevole per attirare talenti esteri qualificati, soprattutto agevolando la loro integrazione e combattendo la discriminazione.

Innovazione

Per promuovere l'innovazione, la relazione sottolinea la necessità di incoraggiare la creazione di nuove imprese e di attirare investitori esteri. L'innovazione può altresì derivare da imprese già esistenti nella regione che investono nel campo della ricerca e dello sviluppo.

Bilancio delle regioni europee

Le regioni classificate alla voce «competitività regionale e occupazione» registrano buoni risultati. Esse presentano un'alta percentuale di laureati. Inoltre, la Commissione constata che le imprese presenti in queste regioni sono quelle che investono di più nel campo della ricerca e dello sviluppo. Per rimanere competitive, queste regioni devono quindi mantenere questo ambiente favorevole alla creatività e all'innovazione. Esse devono inoltre accelerare la transizione da una nuova idea a un nuovo prodotto, servizio o processo.

Le regioni di «convergenza» presentano un certo ritardo rispetto alle regioni classificate alla voce «competitività regionale e occupazione». Alcuni indicatori sono tuttavia incoraggianti. Queste regioni hanno visto aumentare la loro produttività e sono quelle che attirano più investitori esteri. Esse dovranno trarre vantaggio dalle imprese estere facilitando la loro integrazione nell'economia locale. È inoltre nell'interesse di queste regioni far progredire il livello d'istruzione e di formazione.

Complessivamente, l'UE è indietro rispetto agli Stati Uniti, soprattutto nel campo dell'innovazione, anche se ha iniziato a recuperare il ritardo. L'UE mostra una crescita elevata per quanto riguarda:

  • laureati e ricercatori;
  • ricerca e sviluppo pubblico;
  • capitale di rischio;
  • accesso alla banda larga;
  • occupazione in servizi ad alta intensità di conoscenze e competenze.

Risultati della consultazione pubblica sulla coesione territoriale

La consultazione pubblica avviata nell'ottobre 2008 ha raccolto un gran numero di contributi da tutti gli Stati membri, dalle autorità regionali e locali, nonché dalle parti economiche e sociali.

Inoltre, dalla consultazione pubblica è emerso un ampio accordo sulla definizione della coesione territoriale: si tratta di incoraggiare lo sviluppo armonioso e sostenibile di tutti i territori, basandosi sulle caratteristiche e sulle risorse territoriali.

La Commissione definisce quindi gli obiettivi per migliorare la coesione territoriale. Essa sottolinea in particolare la necessità di assicurare una governance a vari livelli. Le autorità nazionali, regionali e locali dovranno collaborare all'elaborazione e al coordinamento delle politiche.

La Commissione propone anche un approccio integrato e transfrontaliero delle problematiche regionali. Essa intende inoltre migliorare l'utilizzo dei fondi europei. Dovrebbero anche essere sviluppate nuove strategie volte allo sviluppo sostenibile delle aree transnazionali, come è stato fatto con la strategia per il Mar Baltico.

Ultima modifica: 30.07.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina