RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Obiettivo 1

Archivi

La politica regionale dell'Unione europea persegue l'obiettivo fondamentale della coesione socioeconomica. La sua azione si basa sulla solidarietà finanziaria che consente di trasferire oltre il 35 % del bilancio dell'Unione (213 miliardi di euro per il periodo 2000-2006) verso le regioni più svantaggiate. Le regioni dell'Unione in ritardo di sviluppo, in fase di riconversione o che devono far fronte a situazioni geografiche e socioeconomiche particolari possono così affrontare meglio le difficoltà e sfruttare pienamente le opportunità del mercato unico.

Il sostegno dell'Unione europea attraverso la politica regionale dipende dal livello di sviluppo delle regioni e dal tipo di difficoltà che incontrano. La regolamentazione dei Fondi strutturali per il periodo 2000-2006 contempla 3 obiettivi prioritari:

  • Obiettivo 1: promuovere lo sviluppo e l'adeguamento strutturale delle regioni in ritardo di sviluppo;
  • Obiettivo 2: sostenere la riconversione socioeconomica delle zone con difficoltà strutturali;
  • Obiettivo 3: sostenere l'adeguamento e l'ammodernamento delle politiche e dei sistemi di istruzione, formazione e occupazione per le regioni escluse dall'obiettivo 1.

La rimanente parte della presente scheda è dedicata interamente all'obiettivo 1, mentre gli altri obiettivi saranno oggetto di schede specifiche.

AMMISSIBILITÀ SOTTO IL PROFILO GEOGRAFICO

L'obiettivo 1 è detto "regionalizzato" perché si applica a territori delimitati di livello NUTS II nella nomenclatura statistica delle unità territoriali (castellanodeutschenglishfrançais) elaborata da Eurostat. Tra queste regioni geografiche sono ammesse all'obiettivo 1 soltanto quelle il cui prodotto interno lordo (PIL) pro capite è inferiore al 75 % della media comunitaria.

L'obiettivo 1 è detto "regionalizzato" perché si applica a territori delimitati di livello NUTS II nella nomenclatura statistica delle unità territoriali elaborata da Eurostat. Tra queste regioni geografiche sono ammesse all'obiettivo 1 soltanto quelle il cui prodotto interno lordo (PIL) pro capite è inferiore al 75 % della media comunitaria.

L'obiettivo 1 riguarda inoltre categorie specifiche di regioni:

  • le 7 regioni dette "ultraperiferiche"che si trovano in una situazione peculiare all'interno dell'Unione a causa della loro lontananza dal continente europeo e del loro scarso peso demografico ed economico: Isole Canarie, Guadalupa, Martinica, Riunione, Guiana, Azzorre e Madera.
  • Le regioni della Svezia e della Finlandia ammissibili all'ex obiettivo 6 tra il 1994 e il 1999 che riguardava specificamente le regioni molto scarsamente popolate: parte delle regioni Norra Mellansverige, Mellersta Norrland, Övre Norrland per la Svezia, e Pohjois-Suomi, Väli-Suomi nonché tutta la regione Itä-Suomi per la Finlandia.
  • L'Irlanda del Nord beneficia di un sostegno comunitario particolare finalizzato alla riconciliazione tra le comunità e alla creazione di una società stabile e pacificata. Nata da un'iniziativa comunitaria nel periodo 1994-1999, il Programma operativo PEACE II (2000-2004) è ormai parte integrante dell'obiettivo 1 e riceve un sostegno finanziario di 500 milioni di euro.

Complessivamente sono ammissibili all'obiettivo 1 per il periodo 2000-2006 una sessantina di regioni di 13 Stati membri. Un sostegno transitorio è previsto inoltre per le regioni che erano ammissibili all'obiettivo 1 tra il 1994 e il 1999 e che non lo sono più nel periodo 2000-2006. La decisione 1999/502/CE del 1° luglio 1999 [GU L 194 del 27.7.1999] della Commissione reca l'elenco di tali regioni, che rimane valido 7 anni a decorrere dal 1° gennaio 2000:

Stato membroRegioni ammissibili all'obiettivo 1 o che beneficiano del sostegno transitorio
GermaniaBrandenburg, Mecklenburg-Vorpommern, Sachsen, Sachsen-Anhalt, Thueringen; sostegno transitorio: Ostberlin
AustriaBurgenland
Belgiosostegno transitorio: Hainaut
SpagnaGalicia, Principado de Asturias, Castilla y León, Castilla-La Mancha, Extremadura, Comunidad Valenciana, Andalucía, Región de Murcia, Ceuta y Melilla, Canarias; sostegno transitorio: Cantabria
FinlandiaItä-Suomi, Väli-Suomi (in parte), Pohjois-Suomi (in parte)
FranciaGuadeloupe, Martinique, Guyane, Réunion; sostegno transitorio: Corse e gli arrondissements di Valenciennes, Douai e Avesnes
GreciaAnatoliki Makedonia, Thraki, Kentriki Makedonia, Dytiki Makedonia, Thessalia, Ipeiros, Ionia Nisia, Dytiki Ellada, Sterea Ellada, Peloponnisos, Attiki, Voreio Aigaio, Notio Aigaio, Kriti (ossia l'intero paese)
IrlandaBorder Midlands e Western; sostegno transitorio: Southern, Eastern
ItaliaCampania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna; sostegno transitorio: Molise
Paesi Bassisostegno transitorio: Flevoland
PortogalloNorte, Centro, Alentejo, Algarve, Açores, Madeira;
sostegno transitorio: Lisboa e Vale do Tejo
Regno UnitoSouth Yorkshire, West Wales & The Valleys, Cornwall & Isles of Scilly, Merseyside; sostegno transitorio: Northern Ireland, Highlands and Islands
SveziaNorra Mellansverige (in parte), Mellersta Norrland (in parte), Övre Norrland (in parte)

DOCUMENTI DI PROGRAMMAZIONE

La programmazione è un elemento fondamentale dell'attuazione della politica regionale dell'Unione. In una prima fase gli Stati membri presentano i piani di sviluppo, che comprendono una descrizione dettagliata della situazione socioeconomica del paese per regione, una descrizione della strategia più adeguata per conseguire gli obiettivi di sviluppo prefissati nonché indicazioni sull'utilizzazione e sulla forma di partecipazione finanziaria dei Fondi strutturali.

Gli Stati membri presentano all'esecutivo europeo i documenti di programmazione, che riprendono gli orientamenti generali della Commissione. Per quanto riguarda l'obiettivo 1, tali documenti di programmazione sono strutturati in:

  • Quadri comunitari di sostegno (QCS) che vengono per lo più articolati in Programmi operativi (PO). I QCS e i PO sono i documenti utilizzati di preferenza nella programmazione dell'obiettivo 1. Essi descrivono il contesto socioeconomico del paese o delle regioni, presentano le priorità di sviluppo e gli obiettivi da conseguire e prevedono inoltre i sistemi di gestione finanziaria, di sorveglianza, di valutazione e di controllo. I PO indicano in dettaglio le diverse priorità del QCS a livello di singola regione o di un asse di sviluppo particolare come i trasporti, la formazione o il sostegno alle imprese.
    Per l'obiettivo 1, la Germania, la Spagna, la Grecia, l'Irlanda, l'Italia, il Portogallo e il Regno Unito (Irlanda del Nord) hanno optato per la stesura di QCS e PO. I QCS e i PO delle regioni ammissibili all'obiettivo 1 o che beneficiano di un sostegno transitorio possono essere consultati sul sito internet INFOREGIO (DE), (EN), (FR) della Direzione generale della Politica regionale.
  • Documenti unici di programmazione (DOCUP). I DOCUP sono utilizzati per l'obiettivo 1 quando viene programmato un importo inferiore a 1 miliardo di euro. Sono costituiti da un documento unico che raggruppa gli elementi contenuti in un QCS e in un PO: gli assi prioritari del programma, una descrizione sintetica delle misure previste e un piano di finanziamento indicativo. Per l'obiettivo 1, l'Austria, il Belgio, la Finlandia, la Francia, i Paesi Bassi, il Regno Unito e la Svezia hanno scelto questa formula. I DOCUP delle regioni ammissibili all'obiettivo 1 e quelli delle regioni che beneficiano di un sostegno transitorio possono essere consultati sul sito internet INFOREGIO (DE), (EN), (FR) della Direzione generale della Politica regionale.

DISPOSIZIONI FINANZIARIE

Mezzi finanziari

Per il periodo 2000-2006 occorrono 213 miliardi di euro per finanziare gli interventi strutturali dell'Unione. Di tale somma, 195 miliardi di euro costituiscono la parte stanziata per i Fondi strutturali. Data la necessità di concentrare gli interventi sulle regioni più in difficoltà, l'Obiettivo 1 è quello dotato di maggiori risorse, con il 70 % circa degli stanziamenti dei Fondi strutturali, ossia 137 miliardi di euro su un periodo di 7 anni.

Tutti i Fondi strutturali (FESR, FSE, FEAOG sezione "orientamento" e SFOP) partecipano al finanziamento dell'Obiettivo 1.

La ripartizione finanziaria per Stato membro degli stanziamenti d'impegno a titolo dell'obiettivo 1 e del sostegno transitorio dei Fondi strutturali forma oggetto della decisione 1999/501/CE [Gazzetta ufficiale L 194 del 27.07.1999] della Commissione. Questa ripartizione si effettua come segue:

Stato membroObiettivo 1 (milioni di euro)Sostegno transitorio(milioni di euro)
GERMANIA19229729
Austria2610
Belgio0625
Spagna37744352
Finlandia9130
Francia3254551
Grecia209610
Irlanda13151773
Italia21935187
Paesi Bassi0123
Portogallo161242905
Regno Unito50851166
Svezia7220

Partecipazione dei Fondi

La partecipazione dei Fondi strutturali a titolo dell'Obiettivo 1 è generalmente soggetta al massimale seguente: il 75 % del costo totale ammissibile e, di norma, almeno il 50 % delle spese pubbliche ammissibili. Questo tasso può arrivare all'80 % per le regioni situate in uno Stato membro interessato dal Fondo di coesione (Grecia, Spagna, Irlanda e Portogallo). Il regolamento (CE) n. 1447/2001 [GU L 198 del 21.7.2001] del Consiglio innalza questo massimale all'85 % per tutte le regioni ultraperiferiche nonché per le isole minori del Mar Egeo in Grecia.

Nel caso di investimenti nelle imprese, la partecipazione dei Fondi rispetta i massimali di intensità dell'aiuto e di cumulo decisi in materia di aiuti di Stato.

Se un intervento comporta il finanziamento di investimenti generatori di entrate (come un ponte o un'autostrada a pagamento), la partecipazione dei Fondi strutturali a siffatti investimenti è determinata tenendo conto dell'entità delle entrate previste. Per l'obiettivo 1 la partecipazione dei Fondi rispetta in questo caso i limiti seguenti:

  • Per gli investimenti in infrastrutture generatori di entrate consistenti, l'intervento non può superare il 40 % del costo totale ammissibile, cui si può aggiungere una maggiorazione del 10 % negli Stati membri interessati dal Fondo di coesione. Possono completare questi tassi altre forme di finanziamento diverse dagli aiuti diretti, nel limite del 10 % del costo totale ammissibile.
  • Per gli investimenti nelle imprese, l'intervento non può superare il 35 % del costo totale ammissibile, elevabile al 50 % nelle regioni ultraperiferiche e nelle isole minori del Mar Egeo. Per gli investimenti nelle piccole e medie imprese (PMI), questi tassi possono essere oggetto di una maggiorazione destinata a forme indirette di finanziamento, nel limite del 10 % del costo totale ammissibile.

Risultati della programmazione a titolo dell'obiettivo 1 per il periodo 2000-2006

I risultati della programmazione a titolo dell'obiettivo 1 dei Fondi strutturali per il periodo 2000-2006 formano oggetto della comunicazione COM(2001)378 def. [Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]. Essi mettono in luce i seguenti dati:

  • Il divario di sviluppo rispetto al resto dell'Unione rimane notevole, nonostante i progressi ottenuti nel periodo precedente, come sottolineato dalla seconda relazione sulla coesione economica e sociale. Gli interventi consentiranno di proseguire l'azione di recupero economico.
  • Gli orientamenti strategici indicativi che la Commissione ha adottato nel luglio 1999 hanno costituito una base utile per la negoziazione dei piani e dei programmi con gli Stati membri. È evidente un maggiore impegno per concentrare gli interventi, che investe quattro settori prioritari: infrastrutture, ricerca e sviluppo, società dell'informazione e valorizzazione delle risorse umane.
  • L'efficacia degli interventi è strettamente legata al rispetto delle condizioni di attuazione e di gestione dei programmi. Gli Stati membri, in partenariato con la Commissione, hanno realizzato progressi importanti nell'attuazione di sistemi più rigorosi di sorveglianza, controllo e valutazione.
  • Le difficoltà incontrate riguardano: 1) il periodo di 5 mesi di negoziazione dei documenti di programmazione giudicato troppo corto (termine medio di adozione stimato in 8 mesi); 2) il complemento di programmazione spesso visto come una fase di vera programmazione, laddove il suo ruolo è semplicemente di illustrare il contenuto degli assi prioritari dei programmi.

Impatto economico degli interventi a titolo dell'obiettivo 1 per il periodo 2000-2006

Un nuovo studio della Direzione generale della Politica regionale riguarda l'incidenza economica dei Fondi strutturali nelle principali zone ammissibili all'obiettivo 1 (Spagna, Portogallo, Irlanda, Grecia, Mezzogiorno italiano e Länder tedeschi) per il periodo 2000-2006. I principali risultati di tale esame sono i seguenti:

  • i programmi dell'Obiettivo 1 avranno un'incidenza significativa sul livello del PIL e sulla formazione del capitale fisso.
    Il livello totale del PIL per il Portogallo e la Grecia aumenterà rispettivamente del 3,5 % e del 2,4 % rispetto al livello che sarebbe conseguito senza l'aiuto europeo. Questo aumento sarà dell'1,7 % nel Mezzogiorno e dell'1,6 % nei Länder tedeschi orientali.
  • Sull'insieme del periodo e per le regioni considerate il sostegno comunitario interesserà oltre 7 000 000 posti di lavoro.
  • I contributi comunitari determineranno un aumento del tasso di crescita annuale del PIL leggermente superiore allo 0,4 % in Portogallo e appena sotto lo 0,4 % in Grecia.
  • Una parte consistente dei trasferimenti verrà dispersa al di fuori delle regioni beneficiarie (effetto di fuga) sotto forma di importazioni di attrezzature, beni e servizi. Mediamente per 4 euro spesi nel quadro dell'obiettivo 1 oltre 1 euro sarà destinato a importazioni da altri Stati membri e per il 9 % da paesi terzi.
  • I programmi dell'Obiettivo 1 contribuiranno alla ristrutturazione e al recupero economico delle sei zone in ritardo di sviluppo oggetto dello studio. La produzione industriale aumenterà in termini di valore assoluto, la quota del PIL riferibile all'agricoltura e alla trasformazione dei prodotti agricoli diminuirà, mentre registrerà un aumento quella relativa ai servizi.

ATTI CONNESSI

Proposta di regolamento del Consiglio del 14 luglio 2004 che istituisce il Fondo di coesione [COM(2004) 494 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]

Nel quadro della riforma della politica regionale, la Commissione europea ha presentato nel luglio 2004 un pacchetto di proposte sui Fondi strutturali (FESR, FSE) e il Fondo di coesione. Il documento di base sulle disposizioni generali assegna al Fondo di coesione un importo globale pari a 62,99 miliardi di euro, pari al 23,86 % dei 264 miliardi di euro destinati all'obiettivo "Convergenza" che sostituisce l'ex obiettivo 1. La partecipazione del Fondo di coesione è limitata all'85 % delle spese pubbliche.

Ultima modifica: 14.07.2005
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina