RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Vaccinazione contro l’influenza stagionale

L’influenza è una malattia infettiva che provoca ogni anno numerosi decessi e notevoli costi sia in termini economici che di cure mediche in tutta l’Unione europea. La Commissione europea ritiene sia fondamentale vaccinare i gruppi prioritari detti «a rischio» onde limitare le perdite.

ATTO

Raccomandazione 2009/1019/UE del Consiglio, del 22 dicembre 2009, relativa alla vaccinazione contro l’influenza stagionale.

SINTESI

La presente raccomandazione incoraggia gli Stati membri ad adottare misure sanitarie contro l’influenza stagionale.

Sfide

L’influenza è un’infezione delle vie respiratorie di origine virale altamente contagiosa che si manifesta in forma di epidemia durante i mesi invernali. Essa può generare gravi complicazioni, anche con esito mortale.

In forma lieve, si stima che l’influenza stagionale provochi in media 8 decessi per 100 000 persone. Tale cifra può passare a 44 negli anni di influenza più grave.

Le epidemie di influenza possono sovraccaricare gli ospedali e i servizi medici, portando a un aumento dei costi diretti (risultanti dall’uso di risorse mediche e non mediche) e indiretti (dovuti alla perdita di produttività e alle assenze dal lavoro).

Efficacia ed efficienza del vaccino

L’influenza stagionale può essere attenuata con la vaccinazione. È necessario che i gruppi «a rischio» della popolazione siano vaccinati contro l’influenza. Per garantire una copertura vaccinica efficace, non va inoltre sottovalutata la logistica, come l’inoltro e la distribuzione dei vaccini.

È importante agire a livello comunitario per evitare che un nuovo virus influenzale si trasformi in una pandemia, come quella verificatasi nel XX secolo nel 1918, 1957 e 1968.

Piani e strategie nazionali

La presente raccomandazione invita gli Stati membri ad adottare un piano o una strategia nazionale mirante a migliorare la copertura vaccinica. Tale piano dovrebbe ovviare alle carenze attuali individuate a livello nazionale.

Il piano intende coprire il 75% della popolazione «a rischio» entro l’inverno 2014-2015, gruppo la cui definizione figura negli orientamenti pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Gli Stati membri sono incoraggiati a riferire alla Commissione su base volontaria in merito all’applicazione della presente raccomandazione, in particolare per quanto riguarda la copertura delle categorie a rischio raggiunta.

Occorre organizzare campagne di informazione degli operatori del settore sanitario e delle persone che appartengono a categorie a rischio e delle loro famiglie.

La Commissione è invitata a riferire periodicamente al Consiglio in merito all’applicazione della presente raccomandazione sulla base dei dati che saranno messi a disposizione dagli Stati membri.

Contesto

Nel 2003 l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha proposto di raggiungere l’obiettivo minimo del 50% nel 2006 e del 75% nel 2010 per quanto riguarda la copertura vaccinica delle persone anziane. La presente proposta raccomanda di raggiungere gli obiettivi fissati dall'OMS attraverso una strategia o un piano nazionale.

Ultima modifica: 08.06.2010

Vedi anche

  • Pagina della DG Sanità pubblica dedicata all’influenza (EN).
  • Sanità pubblica (EN).
  • Pagina dell’OMS dedicata all’influenza (EN).
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina