RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 23 lingue
Nuove lingue disponibili:  BG - CS - ET - GA - LV - LT - HU - MT - PL - RO - SK - SL

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Prevenzione del tabagismo

La presente raccomandazione intende incoraggiare gli Stati membri a rafforzare la lotta contro il tabacco, in particolare al fine di intensificare la prevenzione del tabagismo tra i bambini e gli adolescenti.

ATTO

Raccomandazione 2003/54/CE del Consiglio, del 2 dicembre 2002, sulla prevenzione del fumo e su iniziative per rafforzare la lotta contro il tabagismo [Gazzetta ufficiale L 22 del 25.1.2003].

SINTESI

Conformemente all'articolo 152 del trattato CE, la Comunità mira a garantire un elevato grado di protezione della salute pubblica integrando l'azione degli Stati membri. Il tabagismo rimane la principale causa di mortalità evitabile in Europa. L'industria del tabacco promuove il consumo di tabacco attraverso strategie di pubblicità, di marketing e di promozione, aumentando così il livello di mortalità e morbilità dovuto al consumo di prodotti del tabacco. Alcune di queste strategie si rivolgono specificamente ai giovani in età scolare. Da alcuni studi emerge infatti che il 60 % dei fumatori inizia a fumare ad un'età inferiore ai 13 anni e il 90 % prima dei 18 anni. Per questi motivi la presente raccomandazione si concentra in particolare sulla prevenzione del tabagismo tra i bambini e gli adolescenti.

Le misure proposte integrano le disposizioni della direttiva sui prodotti del tabacco, adottata nel 2001, e quelle della direttiva sulla pubblicità e promozione a favore di questi prodotti, adottata nel maggio 2003. I legislatori europei hanno inoltre fatto in modo che tali misure siano coerenti con quelle stabilite dalla convenzione quadro dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) (EN) (ES) (FR) per la lotta contro il tabagismo che, al momento dell'adozione della presente raccomandazione, era ancora in fase di negoziazione.

Ridurre l'offerta di prodotti del tabacco a bambini e adolescenti

La raccomandazione incoraggia gli Stati membri ad adottare disposizioni legislative e/o amministrative destinate a vietare la vendita dei prodotti del tabacco ai bambini e agli adolescenti, tra l'altro:

  • imponendo l’obbligo per i venditori di prodotti del tabacco di accertare che gli acquirenti abbiano raggiunto l'età limite prescritta dalla legislazione nazionale;
  • ritirando i prodotti del tabacco dagli espositori self-service;
  • limitando l'accesso ai distributori automatici;
  • limitando la vendita a distanza, in particolare attraverso Internet;
  • vietando la vendita di dolciumi e giocattoli destinati ai bambini e fabbricati con il chiaro intento di conferire al prodotto e/o all'imballaggio l'aspetto di un prodotto del tabacco;
  • vietando la vendita di sigarette al pezzo o in pacchetti di meno di 19 pezzi.

Limitare la pubblicità e la promozione dei prodotti del tabacco

La raccomandazione invita gli Stati membri ad adottare misure intese a vietare le seguenti forme di pubblicità e di promozione:

  • l'utilizzazione di marchi di tabacco per prodotti o servizi diversi dall'industria del tabacco;
  • l'utilizzazione di articoli promozionali (posacenere, accendini, parasole, ecc.) e di campioni di tabacco;
  • l'utilizzo e la comunicazione di promozioni di vendita quali sconti, regali, premi o opportunità di partecipare a gare o giochi promozionali;
  • l'utilizzazione di tabelloni, manifesti e altre tecniche pubblicitarie interne o esterne (come la pubblicità sui distributori automatici di prodotti del tabacco);
  • la pubblicità nelle sale cinematografiche.

Disposizioni riguardanti i fabbricanti di prodotti del tabacco

Gli Stati membri sono incoraggiati ad adottare disposizioni per obbligare i fabbricanti di prodotti del tabacco a fornire informazioni sulle spese sostenute per la pubblicità, il marketing, le sponsorizzazioni e le campagne di promozione.

Protezione contro il fumo passivo

Gli Stati membri sono incoraggiati ad adottare disposizioni legislative per garantire un'adeguata protezione contro il fumo passivo nei luoghi di lavoro, nei luoghi pubblici chiusi e sui mezzi di trasporto pubblici. In particolare, dovrebbe essere accordata priorità ai centri di insegnamento, alle strutture sanitarie e ai luoghi in cui si forniscono servizi ai bambini.

Altre disposizioni

La raccomandazione invita gli Stati membri a rafforzare i programmi volti a scoraggiare l'uso iniziale del tabacco e a vincere la dipendenza dal tabacco. Essi sono anche invitati ad adottare e attuare appropriate misure in materia di prezzi dei prodotti del tabacco al fine di scoraggiare il consumo di tabacco.

Monitoraggio

Ogni due anni gli Stati membri informano la Commissione sulle azioni intraprese in risposta a questa raccomandazione. Entro un anno dal ricevimento di queste informazioni da parte degli Stati membri, la Commissione presenterà una relazione sull'attuazione delle misure proposte in cui considererà la necessità di ulteriori azioni.

ATTI COLLEGATI

Direttiva 2003/33/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di pubblicità e di sponsorizzazione a favore dei prodotti del tabacco [Gazzetta ufficiale L 152 del 20.6.2003].
Lo scopo di questa direttiva è vietare la pubblicità a favore del tabacco sulla carta stampata, nei programmi radiofonici e nei servizi della società dell'informazione, così come la sponsorizzazione di eventi con un effetto transfrontaliero e volti a promuovere i prodotti del tabacco.

Direttiva 2001/37/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 giugno 2001, sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco [Gazzetta ufficiale L 194 del 18.7.2001].
La presente direttiva disciplina la lavorazione, la presentazione e la vendita dei prodotti del tabacco negli Stati membri dell'UE. In particolare essa riguarda le avvertenze sui pacchetti, il divieto di usare diciture come «mild» o «light», i livelli massimi di nicotina, catrame e monossido di carbonio, e il divieto di commercializzare tabacco per uso orale.

Ultima modifica: 30.05.2006
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina