RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 23 lingue
Nuove lingue disponibili:  BG - CS - ET - GA - LV - LT - HU - MT - PL - RO - SK - SL

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma pluriennale d'azione per la salute (2014-2020) (proposta)

La Commissione europea presenta il suo terzo programma pluriennale d'azione in materia di salute, per il periodo 2014-2020. Questo programma risponde alla necessità di integrare gli sforzi degli Stati membri per migliorare la salute dei cittadini e garantire la sostenibilità dei sistemi sanitari, nel contesto della Strategia Europa 2020.

PROPOSTA

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 novembre 2011, sulla istituzione del programma “Salute per la crescita”, terzo programma pluriennale d'azione dell'UE in materia di salute per il periodo 2014–2020 [COM(2011) 709 definitivo – non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Il programma “Salute per la crescita” (2014–2020) è il terzo programma pluriennale d'azione dell'Unione europea (UE). Esso opera di concerto con gli Stati membri e li sostiene al fine di:

  • intraprendere le riforme necessarie per sistemi sanitari innovativi e sostenibili;
  • migliorare l'accesso ad un'assistenza sanitaria migliore e più sicura per i cittadini;
  • promuovere la salute dei cittadini europei e prevenire le malattie;
  • proteggere i cittadini europei dalle minacce transfrontaliere.

Obiettivo n. 1: contribuire a sistemi sanitari innovativi e sostenibili

La Commissione europea deve operare di concerto con gli Stati membri per affrontare la carenza di risorse umane e finanziarie. Deve inoltre agevolare l'adozione da parte loro delle innovazioni nell'assistenza sanitaria, ad esempio in materia di sanità elettronica, e a condividere le loro competenze in tale settore. Il programma sostiene inoltre il partenariato europeo per l'innovazione a favore dell'invecchiamento attivo e in buona salute.

Obiettivo n. 2: migliorare l'accesso a cure sanitarie migliori e più sicure per i cittadini

La Commissione propone di fornire accreditamento alle reti europee di riferimento, permettendo ad esempio di sostenere le iniziative sulle malattie rare. Sarebbe opportuno sviluppare orientamenti europei in materia di sicurezza dei pazienti e di uso di agenti antimicrobici.

Obiettivo n. 3: promuovere la buona salute e prevenire le malattie

Gli Stati membri sono invitati a scambiare le loro migliori pratiche in materia di prevenzione del tabagismo, di abuso di alcol e di obesità. Occorre inoltre prevedere azioni specifiche per sostenere la prevenzione delle malattie croniche, compreso il cancro.

Obiettivo n. 4: proteggere i cittadini dalle minacce sanitarie transfrontaliere

La Commissione ritiene che sia necessario migliorare il livello di preparazione e le capacità di coordinamento in caso di gravi minacce transfrontaliere.

Disposizioni finanziarie

La dotazione finanziaria del programma è di 446 milioni di euro per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2020. Possono partecipare al programma:

  • tutti gli Stati membri dell'UE;
  • i paesi di prossima adesione, i paesi candidati o i potenziali candidati che beneficiano della strategia di preadesione;
  • i paesi dell'associazione europea di libero scambio (EFTA) (EN) conformemente alle condizioni sancite nell'accordo sullo Spazio economico europeo (SEE);
  • i paesi confinanti e i paesi cui si applica la politica europea di vicinato (PEV) (DE) (EN) (FR) conformemente alle condizioni indicate nei pertinenti accordi bilaterali o multilaterali;

L'UE può contribuire finanziariamente anche tramite sovvenzioni o appalti pubblici al fine di finanziare azioni che presentano un valore aggiunto europeo oppure accordare sovvenzioni di funzionamento a enti non governativi. Tali sovvenzioni contribuiscono al 60 % dei costi ammissibili e riguardano una vasta gamma di enti legalmente costituiti, quali:

  • autorità ed enti pubblici;
  • istituzioni di ricerca;
  • istituzioni sanitarie;
  • università;
  • istituti d'istruzione superiore;
  • imprese.

Solo in casi eccezionali, tali sovvenzioni possono raggiungere l'80 % dei costi ammissibili.

La dotazione finanziaria del programma può coprire anche le spese relative alle attività di preparazione, monitoraggio, controllo, audit e valutazione direttamente necessarie per la realizzazione del programma.

Esecuzione del programma

L'attuazione delle azioni del programma è controllata dalla Commissione, in stretta collaborazione con gli Stati membri. La Commissione è inoltre assistita da un comitato conformemente al regolamento relativo alle competenze di esecuzione attribuite alla Commissione.

Gli Stati membri devono designare punti focali nazionali per promuovere il programma e diffonderne i risultati a livello nazionale.

Il presente regolamento abroga la decisione sul secondo programma d'azione comunitario in materia di salute a partire dal 1° gennaio 2014.

RIFERIMENTO

PropostaGazzetta ufficialeProcedura

COM(2011) 709 definitivo

-

2011/0339/COD

Ultima modifica: 11.01.2012

Vedi anche

  • Direzione generale per la salute e i consumatori – Programma pluriennale d'azione in materia di salute (2014-2020) (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina