RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Marchio di qualità ecologica

Archivi

Il marchio di qualità ecologica ha lo scopo di promuovere i prodotti, che presentano un minore impatto sull'ambiente rispetto ad altri prodotti dello stesso gruppo.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1980/2000 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 luglio 2000, relativo al sistema comunitario, riesaminato, di assegnazione di un marchio di qualità ecologica.

SINTESI

Il sistema comunitario di assegnazione del marchio di qualità ecologica, o Ecolabel, mira a:

  • promuovere i prodotti aventi un minore impatto ambientale anziché altri prodotti della stessa categoria;
  • fornire ai consumatori informazioni e indicazioni precise e scientificamente accertate sui prodotti.

Dal campo di applicazione del regolamento sono esclusi:

  • i prodotti alimentari;
  • le bevande;
  • i prodotti farmaceutici;
  • i dispositivi medici definiti nella direttiva 93/42/CEE;
  • le sostanze o i preparati classificati come pericolosi ai sensi delle direttive 67/548/CEE e 1999/45/CEE;
  • i prodotti fabbricati con processi suscettibili di nuocere in modo significativo alle persone e/o all'ambiente.

Il marchio di qualità ecologica può essere assegnato ai prodotti disponibili nella Comunità che rispettano determinati requisiti ambientali e i criteri del marchio di qualità ecologica;

I requisiti ambientali sono definiti in funzione della matrice di valutazione dell'allegato I del regolamento e sono soggetti ai requisiti metodologici dell'allegato II. Il marchio può essere assegnato a un prodotto che contribuisce significativamente a migliorare aspetti ecologici essenziali (ovvero l’interazione con l’ambiente, soprattutto l’uso di energie e di risorse naturali nel corso del ciclo di vita del prodotto).

Assegnazione del marchio

I criteri del marchio di qualità ecologica sono definiti per categorie di prodotti e sono basati su:

  • le prospettive di penetrazione del prodotto sul mercato;
  • la fattibilità degli adattamenti tecnici ed economici necessari;
  • il potenziale di miglioramento dell'ambiente.

Essi sono stabiliti, valutati e riesaminati dal comitato dell'Unione europea per il marchio di qualità ecologica e sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea.

I prodotti devono rispettare le condizioni seguenti:

  • rappresentare un volume importante sul mercato interno;
  • avere un impatto importante sull'ambiente;
  • presentare importanti prospettive di miglioramento dell'ambiente a seguito della scelta dei consumatori;
  • una parte importante del volume di vendita deve essere destinata al consumo finale.

Domanda di assegnazione del marchio di qualità ecologica europeo:

  • il fabbricante, importatore, prestatore di servizi, dettagliante o commerciante, presenta una domanda di assegnazione all'organismo competente designato dallo Stato membro nel quale il prodotto è fabbricato o immesso sul mercato per la prima volta o importato da un paese terzo;
  • l'organismo competente controlla se il prodotto è conforme ai criteri del marchio di qualità ecologica e decide l'assegnazione del marchio;
  • l'organismo competente conclude un contratto tipo con il richiedente relativo alle condizioni di uso del marchio.

Le domande di assegnazione del marchio di qualità ecologica sono soggette al pagamento di un importo. Anche l'uso del marchio è subordinato al pagamento di un diritto annuo da parte dell'utilizzatore.

Qualsiasi prodotto cui è assegnato il marchio di qualità ecologica può essere riconosciuto dal logo che rappresenta una margherita, quale descritto nell'allegato III del regolamento.

La Commissione e gli Stati membri incoraggiano l'uso del marchio di qualità ecologica organizzando campagne di sensibilizzazione e di informazione. Essi assicurano il coordinamento tra il sistema comunitario e i sistemi nazionali esistenti.

Contesto

Il presente regolamento abroga il regolamento (CEE) n. 880/92 del Consiglio, al fine di migliorare il funzionamento del sistema comunitario di assegnazione del marchio di qualità ecologica.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n 1980/2000

24.09.2000

-

GU L 237 del 21.9.2000

ATTI COLLEGATI

Decisione 2000/728/CE della Commissione, del 10 novembre 2000, che fissa le spese e i diritti da applicare nell'ambito del sistema di assegnazione di un marchio comunitario di qualità [Gazzetta ufficiale L 293 del 22.11.2000].
Essa stabilisce l'importo minimo e massimo dei diritti e le loro riduzioni in determinati casi.
Versione consolidata

Decisione2000/729/CEE della Commissione, del 10 novembre 2000, concernente un contratto tipo relativo alle condizioni di uso del marchio comunitario di qualità ecologica[Gazzetta ufficiale L 293 del 22.11.2000].
Questa decisione stabilisce che il contratto tra l'organismo competente e il richiedente deve conformarsi al modello figurante nell'allegato della presente decisione. La decisione 93/517/CE concernente un contratto tipo relativo alle condizioni di uso del marchio comunitario di qualità ecologica è abrogata dal presente provvedimento.

Decisione2000/730/CEdella Commissione, del 10 novembre 2000, che istituisce il Comitato dell'Unione europea per il marchio di qualità ecologica e ne stabilisce il regolamento interno [Gazzetta ufficiale L 293 del 22.11.2000].

Decisione2000/731/CEdella Commissione, del 10 novembre 2000, che stabilisce il regolamento interno del Forum consultivo previsto dal sistema comunitario riesaminato di assegnazione di un marchio di qualità ecologica[Gazzetta ufficiale L 293 del 22.11.2000].

Decisioni di assegnazione del marchio di qualità ecologica

Decisione2009/607/CE della Commissione (coperture dure).
Decisione
2009/598/CE della Commissione (materassi).
Decisione
2009/578/CE della Commissione (servizi di ricettività turistica).
Decisione
2009/568/CE della Commissione (carta igienica, carta da cucina e altri prodotti di carta assorbente ad uso domestico).
Decisione
2009/567/CE della Commissione (prodotti tessili).
Decisione
2009/564/CE della Commissione (servizi di camping).
Decisione
2009/563/CE della Commissione (articoli calzaturieri).
Decisione
2009/544/CE della Commissione (prodotti vernicianti per interni).
Decisione
2009/543/CE della Commissione (prodotti vernicianti per esterni).
Decisione
2009/300/CE della Commissione (televisori).
Decisione 2001/689/CE
della Commissione (lavastoviglie).
Proroga: Decisione 2007/457/CE
Versione consolidata
Decisione2002/741/CE della Commissione (carta per copia e carta grafica)
Proroga: Decisione 2007/457/CE
Versione codificata
Decisione2002/747/CE (lampade elettriche).
Proroga: Decisione 2008/63/CE
Versione consolidata
Decisione2003/31/CE (detersivi per lavastoviglie).
Proroga: Decisione 2008/889/CE
Versione consolidata
Decisione2003/200/CE (detersivi per bucato).
Proroga: Decisione 2008/63/CE
Versione consolidata
Decisione2003/240/CE (lavatrici).
Proroga: Decisione 2000/45/CE
Decisione2004/669/CE (frigoriferi).
Proroga: Decisione 2007/207/CE
Decisione2005/341/CE (personal computer).
Proroga: Decisione 2008/962/CE
Versione codificata
Decisione2005/342/CE (detergenti per stoviglie a mano).
Proroga: Decisione 2008/889/CE
Versione codificata
Decisione2005/343/CE (computer portatili).
Proroga:Decisione 2008/962/CE
Versione codificata
Decisione2005/344/CE (detergenti multiuso e ai detergenti per servizi sanitari).
Proroga: Decisione 2008/889/CE
Versione codificata
Decisione2005/360/CE (lubrificanti).
Proroga: Decisione 2008/889/CE
Versione codificata
Decisione2006/799/CE (ammendanti del suolo).
Decisione
2007/64/CE (substrati di coltivazione).
Decisione
2007/506/CE (saponi, shampoo e balsami per capelli).
Decisione
2007/742/CE (pompe di calore elettriche, a gas o ad assorbimento funzionanti a gas).

Ultima modifica: 02.12.2009
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina