RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Migliorare l'azione finanziaria per la politica comune della pesca

Il presente regolamento istituisce una struttura chiara ed efficace per porre in atto la partecipazione finanziaria della Comunità relativa all'applicazione della politica comune della pesca (PCP). Tale partecipazione riguarda in particolare il controllo e l'esecuzione delle norme della PCP, le misure di conservazione, la raccolta di dati, il miglioramento della consulenza scientifica, la governance, il rispetto degli accordi internazionali in materia di sostenibilità delle risorse di pesca e l'attuazione delle misure relative al diritto del mare.

ATTO

Regolamento (CE) n. 861/2006 del Consiglio, del 22 maggio 2006, che istituisce un'azione finanziaria della Comunità per l'attuazione della politica comune della pesca e in materia di diritto del mare.

SINTESI

Con questo regolamento il Consiglio ha deciso di migliorare l'efficacia della partecipazione finanziaria nell'ambito dell'attuazione e del controllo della politica comune della pesca (PCP).

Obiettivi prioritari

Sono previsti interventi finanziari finalizzati all'attuazione della PCP, che riguardano:

  • il miglioramento del controllo delle attività di pesca e dell'applicazione delle misure della PCP. La partecipazione finanziaria a favore degli Stati membri mira ad ovviare all'insufficienza dei programmi nazionali di controllo della pesca e a far fronte al degrado delle risorse. L'obiettivo è coordinare queste misure di controllo, impiegando in particolare i sistemi nazionali di ispezione e di sorveglianza nell'ambito delle competenze dell'Agenzia comunitaria di controllo della pesca;
  • la raccolta di dati e il miglioramento della consulenza scientifica. Gli interventi finanziari di cui gli Stati membri beneficiano sono intesi a fornire maggiori informazioni per la valutazione delle risorse alieutiche. Il trattamento dei dati va di pari passo con la raccolta di informazioni e il coinvolgimento di tutte le parti interessate indispensabili per l'attuazione di tali iniziative. I fondi comunitari servono a finanziare la realizzazione di banche dati complete, che saranno periodicamente aggiornate negli Stati membri;
  • le relazioni internazionali. La partecipazione finanziaria sostiene la conclusione di accordi di pesca con i paesi terzi, la collaborazione con le Nazioni Unite e la realizzazione di partenariati in questo settore. I fondi sono ugualmente destinati alla partecipazione della Comunità a lavori preparatori per l'istituzione di nuove organizzazioni internazionali e/o di nuove norme internazionali nel settore della pesca e della conservazione delle risorse alieutiche;
  • la governance della PCP. Il regolamento prevede la copertura delle spese inerenti al comitato consultivo per la pesca e l'acquacoltura (CCPA) e ai consigli consultivi regionali (CCR) nonché il finanziamento dei costi operativi legati all'attuazione dei CCR.

Concessione dei fondi comunitari

Il finanziamento di queste diverse azioni si iscrive nell'ambito degli orientamenti finanziari per il periodo 2007-2013. Queste azioni beneficiano di fondi comunitari in quanto contribuiscono ad assicurare l'equilibrio delle risorse alieutiche nel lungo termine.

Gli stanziamenti annuali sono autorizzati dall'autorità di bilancio entro i limiti delle prospettive finanziarie. Gli interventi sostenuti dal presente regolamento non potranno beneficiare di contributi da parte di altri strumenti comunitari. La Commissione garantisce che siano applicate misure preventive di controllo contro le frodi, la corruzione e qualsiasi altra attività illecita, prevedendo il recupero degli importi versati qualora vengano riscontrate irregolarità.

L'attuazione di queste azioni è oggetto di sorveglianza regolare. La Commissione garantisce una valutazione periodica, indipendente ed esterna delle azioni finanziate.

Sulla base del presente regolamento la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio, entro il 31 marzo 2011, una relazione valutativa intermedia sui risultati ottenuti e sul controllo dell'esecuzione delle azioni finanziate mediante fondi comunitari. Una comunicazione sul proseguimento di queste azioni sarà pubblicata entro il 30 agosto 2012.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore - Data di scadenzaTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 861/2006

1.1.2007-31.12.2013

-

GU L 160 del 14.6.2006

ATTI CONNESSI

Regolamento (CE) n. 1078/2008 della Commissione, del 3 novembre 2008, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 861/2006 del Consiglio per quanto riguarda le spese sostenute dagli Stati membri per la raccolta e la gestione dei dati di base relativi alla pesca [Gazzetta ufficiale L 295 del 4.11.2008].
Il presente regolamento fissa le modalità di applicazione per quanto riguarda il contributo finanziario della Comunità alle spese sostenute dagli Stati membri per la raccolta e la gestione dei dati di base relativi alla pesca. Gli Stati membri devono presentare alla Commissione previsioni annuali di bilancio per l’attuazione del loro programma nazionale ai fini della valutazione. La Commissione può richiedere a uno Stato membro di fornirle ulteriori chiarimenti sulle spese di cui trattasi, ai fini di tale valutazione. Lo Stato membro è tenuto a fornire i chiarimenti entro 15 giorni di calendario dalla data della richiesta della Commissione. Le spese ammissibili si riferiscono alle attività di raccolta dei dati (raccolta di dati nei siti di campionamento, controllo in mare delle flotte di pesca commerciale e ricreativa, campagne di ricerca a mare), alle attività di gestione dei dati (sviluppo di banche dati e siti web, memorizzazione, controllo della qualità dei dati e convalida, elaborazione, ecc.) e alle attività di uso dei dati (produzione di serie di dati e loro utilizzo a sostegno dell’analisi scientifica, stime sui parametri biologici, preparazione di serie di dati per la valutazione degli stock, modellazione bioeconomica e corrispondente analisi scientifica). Il primo programma nazionale copre il periodo 2009-2010.

Regolamento (CE) n.391/2007 della Commissione, dell’11 aprile 2007, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n.861/2006 del Consiglio per quanto riguarda le spese sostenute dagli Stati membri per l’attuazione dei sistemi di controllo e monitoraggio applicabili nell’ambito della politica comune della pesca [Gazzetta ufficiale L 97 del 12.4.2007].
Il regolamento stabilisce le condizioni relative alla partecipazione finanziaria della Comunità alle spese sostenute dagli Stati membri per il controllo e l'esecuzione delle norme della PCP nel periodo 2007-2013. Per beneficiare di un aiuto finanziario gli Stati membri devono presentare alla Commissione il loro programma di controllo anteriormente al 31 gennaio di ogni anno. I progetti ammissibili hanno generalmente un costo superiore a 40 000 euro, devono rispettare il calendario definito nel programma annuale e sono oggetto di una relazione valutativa intermedia e di una relazione finale presentate da ciascuno Stato membro alla Commissione. Alcune condizioni supplementari vanno inoltre rispettate nell'ambito degli investimenti nelle nuove tecnologie, per l'acquisto e l'ammodernamento di imbarcazioni e per i programmi di formazione e di scambio.

Ultima modifica: 04.02.2009
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina