RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 12 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Scambio di informazioni relative ai sequestri di persona a sfondo terroristico

Obiettivo della presente raccomandazione è porre fine ai sequestri di persona a sfondo terroristico. A tal fine il Consiglio raccomanda di raccogliere elementi di informazione, stabilire contatti e avviare discussioni ed elenca le informazioni che gli Stati membri dovrebbero scambiarsi.

ATTO

Raccomandazione 2007/562/CE del Consiglio, del 12 giugno 2007, sullo scambio di informazioni relative ai sequestri di persona a sfondo terroristico.

SINTESI

I sequestri di persona attuati da gruppi terroristici rappresentano una sfida per gli Stati membri. Il Consiglio, al fine di aiutare gli Stati UE a risolvere positivamente situazioni di questo tipo, raccomanda uno scambio di informazioni fra di essi.

La condivisione dell'esperienza acquisita dagli Stati membri in situazioni analoghe rafforzerebbe significativamente le capacità di ognuno. A tal fine, ciascuno Stato membro dovrebbe trasmettere agli altri una scheda contenente informazioni non classificate sui casi di sequestro, una volta risolti, limitandosi agli episodi collegati con il terrorismo internazionale.

Scambiarsi le informazioni

Gli Stati membri trasmettono i dati relativi al crimine, agli ostaggi e ai sequestratori. I dati di carattere personale vanno trasmessi in conformità del diritto nazionale.

Le informazioni relative al sequestro sono: il luogo, l'ora e la data dell'inizio e della conclusione, le modalità operative, la motivazione, l'eventuale coinvolgimento di un mediatore.

Le informazioni relative agli ostaggi sono: la cittadinanza, il sesso, le ragioni della presenza degli ostaggi nel paese e le loro conoscenze linguistiche.

Le informazioni da trasmettere relative ai sequestratori sono: l'ideologia, il gruppo terroristico responsabile, la loro cittadinanza, le loro conoscenze linguistiche, le modalità operative e i mezzi utilizzati dai sequestratori per comunicare con il pubblico.

Gli uffici di collegamento servono allo scambio di informazioni a livello europeo in materia di episodi terroristici. Infine, gli Stati membri scambiano le informazioni anche con l'Europol e, in base alla mole ed al tipo di dati scambiati, valutano se sia opportuno creare una base di dati.

Gli Stati membri raccolgono informazioni su tutti i casi verificatisi dal 1° gennaio 2002 e stilano un elenco coi dati di contatto per trasmetterli agli altri Stati membri.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore - Data di scadenzaTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Raccomandazione 2007/562/CE--GU L 214 del 17.8.2007

ATTI COLLEGATI

Decisione 2005/671/GAI del Consiglio, del 20 settembre 2005, concernente lo scambio di informazioni e la cooperazione in materia di reati terroristici [Gazzetta ufficiale L 253 del 29 settembre 2005].

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 16 giugno 2004: « Migliorare l'accesso all'informazione da parte delle autorità incaricate del mantenimento dell'ordine pubblico e del rispetto della legge» [COM(2004) 429 definitivo - Non pubblicata nella Gazzetta Ufficiale].

Ultima modifica: 25.10.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina