RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Trasmissione dei dati di carattere personale da parte di Europol

Archivi

La lotta dell'Unione europea contro la criminalità organizzata viene sostenuta dall'Europol, ossia l'Ufficio europeo di polizia, il cui compito è quello di migliorare la cooperazione tra i servizi competenti degli Stati membri. Questo atto permette a Europol di trasmettere dati a carattere personale a Stati e organismi terzi al fine di contribuire efficacemente alla lotta contro la criminalità organizzata.

ATTO

Atto del Consiglio del 12 marzo 1999 che stabilisce le norme per la trasmissione di dati di carattere personale da parte di Europol a Stati e organismi terzi [Cfr atti modificativi].

SINTESI

L'atto definisce taluni termini fondamentali relativi alla trasmissione dei dati di carattere personale come: Stati terzi, organismi terzi, accordo e autorità competenti. In particolare si intende per "dato personale" qualsiasi informazione relativa ad una persona fisica identificata o identificabile, direttamente o indirettamente (numero di identificazione o elemento caratteristico della sua identità fisica, fisiologica, psichica, economica e culturale o sociale). Si intende per "trattamento di dati" qualsiasi operazione compiuta con o senza l'ausilio di processi automatizzati che comporti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la comunicazione, la modifica, la consultazione, l'impiego e l'elaborazione dei dati.

Europol può trasmettere i dati di carattere personale:

  • in seguito alla conclusione di un accordo con Stati terzi o con un organismo terzo;
  • a titolo eccezionale al fine di salvaguardare gli interessi essenziali di uno Stato membro o prevenire un pericolo imminente.

Gli accordi conclusi fra Europol e gli Stati o gli organismi terzi devono contenere disposizioni riguardanti i destinatari dei dati, il tipo di dati da trasmettere nonché lo scopo perseguito con la trasmissione dei dati. Inoltre, gli accordi devono menzionare le disposizioni sulla responsabilità in caso di trattamento illecito o non corretto dei dati. Previo parere del consiglio di amministrazione e dell'autorità di controllo comune dell'Europol e accordo del Consiglio, il direttore dell'Europol avvia i negoziati diretti alla conclusione degli accordi precitati.

La trasmissione dei dati all'interno degli Stati terzi è limitata alle autorità competenti in materia di prevenzione e lotta conto le infrazioni di tipo penale. Inoltre, Europol rifiuta qualsiasi trasmissione venga chiesta senza che siano stati precisati i motivi per i quali i dati verrebbero utilizzati.

La ritrasmissione di dati da parte di un organismo terzo con il quale Europol ha concluso un accordo può essere effettuata:

  • previo consenso dell'Europol oppure
  • previa autorizzazione del direttore dell'Europol se questi reputa che la ritrasmissione dei dati sia assolutamente necessaria per salvaguardare gli interessi essenziali degli Stati membri interessati nell'ambito degli obiettivi dell'Europol o per scongiurare un pericolo imminente connesso alla criminalità.

La ritrasmissione di dati comunicati all'Europol da uno Stato membro è autorizzata soltanto con il consenso dello Stato membro interessato.

La trasmissione di dati indicanti l'origine razziale, le opinioni politiche, le convinzioni religiose, nonché relativi allo stato di salute ed alla vita sessuale di una persona, è limitata ai casi assolutamente necessari.

L'autorità destinataria della trasmissione dei dati deve garantire che quest'ultimi verranno utilizzati solo per lo scopo specificato nella domanda di trasmissione. La stessa autorità è responsabile della loro rettifica o cancellazione qualora emergano degli errori. Essa deve inoltre cancellare i dati quando non siano più utili ai fini precisati nella domanda di trasmissione.

Le presenti regole entrano in vigore il giorno seguente a quello della loro adozione. A decorrere dal 1° gennaio 2005 le norme formano oggetto di una valutazione sotto il controllo del consiglio di amministrazione, previo parere dell'autorità di controllo comune.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Atto del Consiglio del 12 marzo 199913.03.1999-Gazzetta ufficiale C 88 del 30.03.1999

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Atto del Consiglio del 28 febbraio 200201.03.2002-Gazzetta ufficiale C 58 del 05.03.2002
 
Ultima modifica: 06.09.2005

Vedi anche

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Internet d'Europol (EN) e SCADplus: la lotta contro la criminalità organizzata.

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina