RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Accordo sull’estradizione con gli Stati Uniti

Il presente accordo stabilisce le condizioni per l’estradizione degli autori di reati tra l’Unione europea (UE) e gli Stati Uniti d’America (USA) al fine di migliorare la cooperazione nell'ambito dei pertinenti rapporti in materia di estradizione.

ATTO

Decisione 2009/820/PESC del Consiglio, del 23 ottobre 2009, relativa alla conclusione, a nome dell’Unione europea, dell’accordo sull’estradizione tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America e dell’accordo sulla mutua assistenza giudiziaria tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America.

SINTESI

L’Unione europea (UE) e gli Stati Uniti d’America (USA) hanno firmato un accordo sull’estradizione che è entrato in vigore il 1° febbraio 2010. L’accordo integra i trattati bilaterali sull’estradizione conclusi tra i paesi dell’UE e gli USA e migliora la cooperazione nell’ambito dei pertinenti rapporti in materia di estradizione.

Fatti che danno luogo a estradizione

I fatti che danno luogo a estradizione sono:

  • i fatti punibili dalla legge dello Stato richiedente e dalla legge dello Stato richiesto con una pena privativa della libertà superiore, nel massimo, ad un anno o con pena più severa;
  • il tentativo di commettere o il concorso nel commettere uno dei fatti che danno luogo a estradizione.

Se lo Stato richiesto concede l’estradizione per un fatto che dà luogo a estradizione, detto Stato dovrà concedere l’estradizione anche per qualsiasi altro reato indicato nella richiesta, che sia punibile con una pena privativa della libertà di un anno o meno, purché siano soddisfatti tutti gli altri presupposti per l'estradizione.

Richieste di estradizione

Lo Stato richiedente trasmette le sue richieste di estradizione e i relativi documenti giustificativi tramite i canali diplomatici. Tali documenti non richiedono ulteriori formalità di autenticazione se recano la certificazione o il sigillo del ministero della Giustizia dello Stato richiedente oppure del suo ministero o dipartimento competente per gli affari esteri.

Lo Stato richiedente può trasmettere le richieste di arresto provvisorio tramite i ministeri della Giustizia anziché attraverso i canali diplomatici. Tali richieste possono essere trasmesse anche tramite l’Organizzazione internazionale della polizia criminale (Interpol). Quando lo Stato richiedente chiede l’estradizione di una persona che si trova già in stato di arresto provvisorio nello Stato richiesto, esso può trasmettere la sua richiesta direttamente all’ambasciata dello Stato richiesto situata nel suo territorio.

Lo Stato richiesto che reputa le informazioni fornite a sostegno della richiesta di estradizione insufficienti per la sua esecuzione può esigere dallo Stato richiedente la comunicazione di informazioni complementari. Dette informazioni complementari possono essere chieste e comunicate direttamente tramite i ministeri della Giustizia.

Procedure di estradizione

Lo Stato richiesto può consegnare temporaneamente allo Stato richiedente una persona nei cui confronti è in corso un’azione penale o che sta scontando una pena, ai fini dell’esercizio dell’azione penale.

Se più paesi richiedono l’estradizione della stessa persona per lo stesso reato o per reati diversi, l’autorità di esecuzione dello Stato richiesto decide a quale Stato la persona sarà consegnata. In modo analogo, se gli USA presentano una richiesta di estradizione per una persona, la cui consegna è stata richiesta anche in base a un mandato d'arresto europeo per lo stesso reato o per reati diversi, l’autorità competente del paese dell’UE richiesto decide a quale paese la persona sarà consegnata.

Lo Stato richiesto può ricorrere a procedure di estradizione semplificate, ovvero consegnare la persona nei tempi più brevi possibili senza ulteriori formalità, quando la persona interessata acconsente alla sua consegna.

Un paese dell’UE può autorizzare che una persona consegnata agli Stati Uniti d'America da un paese terzo, o a un paese terzo dagli Stati Uniti d'America, transiti nel suo territorio. Gli Stati Uniti d'America possono autorizzare che una persona consegnata a un paese dell’UE da un paese terzo, o a un paese terzo da un paese dell’UE, transiti nel loro territorio. La richiesta di transito è trasmessa attraverso i canali diplomatici oppure direttamente tramite il dipartimento della Giustizia statunitense e il ministero della Giustizia del paese dell’UE o tramite l’Interpol. L’autorizzazione non è necessaria quando la traduzione è effettuata per via aerea, purché non sia previsto lo scalo nel territorio dello Stato di transito. Qualora debba essere effettuato un atterraggio imprevisto, il paese in questione può esigere una richiesta di transito.

Lo Stato richiesto può concedere l’estradizione per un reato punibile con la pena di morte dalla legge dello Stato richiedente, ma non dalla propria legge, a patto che:

  • la persona non sia condannata a morte;
  • la condanna a morte, se inflitta, non sia eseguita.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Decisione 2009/820/PESC

23.10.2009

-

GU L 291 del 7.11.2009

ATTI COLLEGATI

Decisione 2009/933/PESC del Consiglio, del 30 novembre 2009, relativa all’estensione, a nome dell’Unione europea, del campo di applicazione territoriale dell’accordo sull’estradizione tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America [Gazzetta ufficiale L 325 dell’11.12.2009].
Questa decisione estende il campo d’applicazione territoriale dell’accordo sull’estradizione tra l’UE e gli USA alle Antille olandesi e ad Aruba.

Ultima modifica: 01.04.2011

Vedi anche

  • Sito web del servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) sugli Stati Uniti d’America (EN) (ES) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina