RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Rete giudiziaria europea

La presente decisione precisa le disposizioni operative della Rete giudiziaria europea. Essa definisce le funzioni della Rete, prevede l’istituzione di uno strumento di telecomunicazione e chiarisce i rapporti che intercorrono tra la Rete e Eurojust.

ATTO

Decisione 2008/976/GAI del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativa alla Rete giudiziaria europea.

SINTESI

La presente decisione contiene le disposizioni per il proseguimento della Rete giudiziaria europea e abroga l’azione comune 98/428/GAI che l’ha istituita.

La Rete è composta dalle autorità centrali e da altre autorità responsabili della cooperazione giudiziaria internazionale degli Stati membri. Per ciascuno Stato membro vengono istituiti uno o più punti di contatto, fra i quali viene designato un corrispondente nazionale per la Rete giudiziaria europea. Gli Stati membri designano inoltre un corrispondente incaricato degli aspetti tecnici. Anche i magistrati di collegamento nazionali con funzioni analoghe a quelle attribuite ai punti di contatto sono associati alla Rete. La Commissione designa un punto di contatto per i settori di sua competenza.

Funzioni

Il compito principale della Rete è agevolare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri in materia penale, migliorando la comunicazione fra i punti di contatto, organizzando riunioni periodiche tra i rappresentanti degli Stati membri e fornendo le informazioni di base necessarie.

I punti di contatto sono intermediari attivi che hanno il compito di agevolare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri, soprattutto nelle azioni contro le forme di criminalità grave. Devono consentire di stabilire contatti diretti fra le autorità giudiziarie locali e altre autorità competenti nonché fra altri punti di contatto in tutta l’Unione europea (UE). A tale scopo, i punti di contatto devono scambiarsi e fornire alle autorità competenti le informazioni giuridiche e pratiche necessarie. I punti di contatto, inoltre, partecipano a e promuovono l’organizzazione di sessioni di formazione, se del caso in cooperazione con la Rete europea di formazione giudiziaria.

Il corrispondente nazionale ha ulteriori compiti, in particolare è responsabile delle questioni relative al funzionamento interno della Rete e dei contatti con il segretariato della Rete giudiziaria europea, e formula un parere sulla designazione di nuovi punti di contatto. Il corrispondente incaricato degli aspetti tecnici della Rete garantisce che le informazioni relative al proprio Stato membro siano aggiornate e pronte per la diffusione nell’ambito della Rete.

Riunioni della Rete

Le riunioni plenarie della Rete giudiziaria europea sono organizzate regolarmente e almeno tre volte all’anno. Almeno tre punti di contatto per Stato membro sono invitati a queste riunioni per scambiarsi esperienze riguardo al funzionamento della Rete e per istituire un dibattito sui problemi pratici e giuridici in ordine all’applicazione delle misure adottate dall’Unione europea nell’ambito della cooperazione giudiziaria. I risultati di queste riunioni servono da base per le discussioni su eventuali modificazioni normative e miglioramenti pratici a livello comunitario. I corrispondenti nazionali e i corrispondenti incaricati degli aspetti tecnici della Rete si riuniscono su base ad hoc almeno una volta all’anno.

Diffusione delle informazioni

Il segretariato della Rete giudiziaria europea deve mettere a disposizione dei punti di contatto e delle competenti autorità giudiziarie le seguenti informazioni aggiornate:

  • i dati completi sui punti di contatto nazionali;
  • uno strumento informatico che consenta di individuare l’autorità competente che richiede la cooperazione giudiziaria;
  • i sistemi giudiziari e procedurali nazionali;
  • i testi degli strumenti giuridici pertinenti e delle dichiarazioni e riserve.

Il segretariato deve rendere disponibili queste informazioni su un sito web e istituire una rete protetta di telecomunicazioni per la circolazione dei dati e delle richieste di cooperazione giudiziaria.

La Rete giudiziaria europea e l’Eurojust intrattengono rapporti privilegiati tra di loro basati sulla concertazione e sulla complementarietà. Il bilancio dell'Eurojust copre le attività del segretariato della Rete giudiziaria europea.

Contesto

L’attuazione dei principi dell’assistenza giudiziaria reciproca e del reciproco riconoscimento delle decisioni penali, nonché l’allargamento dell’Unione europea nel 2004 e 2007 hanno avuto un impatto sulla natura della cooperazione giudiziaria nell’UE. Il ruolo della Rete giudiziaria europea è diventato pertanto ancor più importante e dovrebbe essere potenziato.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione 2008/976/GAI24.12.2008-GU L 348 del 24.12.2008

ATTI COLLEGATI

Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, sulla creazione di una rete di cooperazione legislativa dei ministeri della giustizia degli Stati membri dell’Unione europea [Gazzetta ufficiale C 326 del 20.12.2008].

Ultima modifica: 10.04.2009

Vedi anche

Per ulteriori informazioni, visitare il sito web Rete giudiziaria europea (EN).

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina