RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Assunzione delle prove in materia civile e commerciale

Il presente regolamento è diretto a migliorare, semplificare e accelerare la cooperazione tra gli Stati membri nel settore dell'assunzione delle prove nei procedimenti giudiziari in materia civile e commerciale.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio, del 28 maggio 2001, relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell'assunzione delle prove in materia civile o commerciale.

SINTESI

Il regolamento facilita l'assunzione delle prove in un altro Stato membro e si applica in materia civile e commerciale quando l'autorità giudiziaria di uno Stato membro chiede:

  • all'autorità giudiziaria di un altro Stato membro di assumere prove;
  • di assumere prove direttamente in un altro Stato membro.

La richiesta deve mirare a ottenere prove da utilizzare in un procedimento giudiziario pendente o previsto.

La Danimarca non partecipa al regolamento.

Trasmissione diretta fra le autorità giudiziarie

Gli Stati membri devono redigere un elenco delle autorità giudiziarie competenti a eseguire l'assunzione delle prove, precisandone la competenza territoriale e/o specifica. A trasmettere le richieste direttamente all'autorità giudiziaria dello Stato membro che deve procedere all'assunzione delle prove ("autorità giudiziaria richiesta") è l'autorità giudiziaria presso la quale il procedimento è pendente o previsto ("autorità giudiziaria richiedente").

Ciascuno Stato membro designa un organo centrale incaricato di:

  • fornire informazioni alle autorità giudiziarie;
  • cercare soluzioni alle difficoltà che può comportare una richiesta;
  • trasmettere, in casi eccezionali, una richiesta estera all'autorità giudiziaria competente.

Forma e contenuto della richiesta

La richiesta presentata deve essere conforme al formulario A previsto dal regolamento e deve obbligatoriamente contenere alcune indicazioni (nome e indirizzo delle parti, natura e oggetto dell'istanza, descrizione dell'assunzione delle prove che si chiede di eseguire, ecc.).

Il regolamento prevede che la richiesta sia formulata nella lingua ufficiale dello Stato membro dell'autorità giudiziaria richiesta o in un'altra lingua che questo Stato abbia dichiarato di accettare.

Esecuzione

È dato seguito alla richiesta secondo la legge nazionale dello Stato membro richiesto entro 90 giorni dal suo ricevimento.

Una richiesta può non essere eseguita soltanto se:

  • non rientra nell'ambito di applicazione del regolamento (riguarda per esempio un procedimento penale anziché uno civile o commerciale);
  • l'esecuzione non rientra nelle attribuzioni del potere giudiziario;
  • non è completa;
  • la persona che è oggetto di una richiesta di audizione invoca validamente il diritto o l'obbligo di astenersi dal deporre;
  • non è stato costituito un deposito o un anticipo delle spese connesse al ricorso ad un perito.

Se la richiesta non è eseguita, l'autorità giudiziaria richiesta ne informa l'autorità giudiziaria richiedente entro 60 giorni dalla sua ricezione.

Ove previsto dalla legge dello Stato membro dell'autorità giudiziaria richiedente, i delegati di detta autorità possono assistere all'assunzione delle prove. Lo stesso vale per le parti e, all'occorrenza, i loro rappresentanti.

Il regolamento non osta a che due o più Stati membri concludano o mantengano accordi diretti ad accelerare o semplificare l'assunzione delle prove.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1206/2001

1.7.2001

-

GU L 174, 27.6.2001

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione, del 5 dicembre 2007, al Consiglio, al Parlamento europeo e al Comitato economico e sociale europeo, sull'applicazione del regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio, del 28 maggio 2001, relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell'assunzione delle prove in materia civile o commerciale [COM(2007) 769 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].
Secondo la Commissione, i due obiettivi principali, ossia la semplificazione della cooperazione fra Stati membri e l'accelerazione dell'assunzione delle prove sono raggiunti in modo soddisfacente. Tuttavia talune misure dovrebbero essere adottate per contribuire al buon funzionamento del regolamento, nella fattispecie:

  • migliorare il livello di conoscenza del regolamento fra le professioni giuridiche;
  • prendere le misure necessarie per garantire il rispetto del termine di 90 giorni per l'esecuzione delle richieste;
  • sfruttare maggiormente le nuove tecnologie della comunicazione, in particolare la videoconferenza.
Ultima modifica: 22.12.2011

Vedi anche

  • Sito della direzione generale della giustizia – Assunzione delle prove (EN)
  • Atlante giudiziario europeo: assunzione delle prove
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina